ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
58 min

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
4 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
4 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
4 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
13 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
23.11.2021 - 12:04
Aggiornamento: 14:46

Terre di Pedemonte, moltiplicatore d’imposta all’85%

Il preventivo 2022 chiude in rosso (‘controllato’); la situazione finanziaria è infatti tale da permettere la riduzione della pressione fiscale

terre-di-pedemonte-moltiplicatore-d-imposta-all-85

Il primo preventivo di Terre di Pedemonte affidato al nuovo piano contabile riserva una chiusura d’esercizio in una zona di… rosso controllato. Un risultato negativo pari a 207mila franchi. Risultato di spese per 9,1 milioni, introiti per 2,3 milioni e un fabbisogno complessivo da coprire tramite imposta di 6,7 milioni di franchi. Il tutto tenendo conto di un moltiplicatore d’imposta ridotto di 5 punti, dal momento che per il 2022 è previsto un 85%. Sin qui le cifre riassuntive. Nelle sue considerazioni d’accompagnamento al documento contabile, l’Esecutivo ricorda innanzitutto come a livello di personale amministrativo, finalmente, l’anno nuovo ritrovi la squadra al completo e commisurata alle esigenze delle legislature che seguiranno. Trattandosi del primo esercizio con il modello contabile nella nuova veste, risulta quasi impossibile un accostamento preciso con i bilanci e le stime di previsione del passato. Tuttavia da esso emerge una diminuzione marcata del fabbisogno (-433mila franchi) soprattutto per via della riduzione del costo degli ammortamenti, oggi possibile grazie ai forti ammortamenti straordinari del recente passato (che erano stati fonte di qualche mugugno tra i consiglieri comunali) e al nuovo modello di calcolo basato sulla durata di vita effettiva dei beni. Permane invece stabile (malgrado le vicissitudini legate alla situazione pandemica) il gettito fiscale (con circa 200mila franchi di sopravvenienze d’imposta).

Una crescita demografica è auspicata

Questa situazione di solidità finanziaria dell’ente (supportata da un tesoretto di liquidità accumulata negli ultimi 5 anni e da un capitale proprio cresciuto fino a oltre 6,5 milioni) ha spinto l’Esecutivo a proporre una riduzione di 5 punti del moltiplicatore che, se il legislativo darà il suo consenso, passerà all’85% nel 2022. In pratica alle casse verranno a mancare circa 350mila franchi d’introiti d’imposta, il che attualmente non costituisce un problema. Una mossa che il Municipio spera possa portare anche a una ripresa demografica, visto che negli ultimi anni la popolazione nelle Tre Terre si è stabilizzata attorno alle 2’600 unità mentre idealmente si vorrebbe raggiungere un incremento fino al 10% circa.
Due parole vanno spese anche al riguardo degli investimenti pubblici: i ricavi per 120mila franchi, a fronte di spese per soli 338mila, indicano come il 2022 sarà ancora un anno di programmazione e avvio di progetti, la cui realizzazione concreta terminerà in anni successivi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved