posta-di-locarno-il-ps-scandalizzato-si-mette-di-traverso
La Posta vista da Piazza Grande
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio

Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Locarnese
2 ore

Muralto Musika, la quinta edizione

In programma tre appuntamenti concertistici in San Vittore
Ticino
2 ore

Crisi idrica, in Lombardia giro di rubinetto

Emergenza siccità, il presidente della Regione Attilio Fontana firma decreto per un uso parsimonioso dell’acqua
Locarnese
2 ore

Appuntamento estivo al Parco di Orselina

Musica jazz con la Sister cities brass band di New Orleans
Bellinzonese
3 ore

Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli

Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Mendrisiotto
3 ore

Castel San Pietro, dalla sezione Plr un sostegno al Patriziato

Donato un contributo di 1’500 franchi per la ristrutturazione del rifugio Alpe Caviano, che entrerà a far parte dell’Albergo diffuso
Locarnese
3 ore

Approvata la scuola a Bignasco, ma tira aria di referendum

Il Consiglio comunale promuove la convenzione tra Comune e Patriziato per la costruzione delle Elementari. Tuttavia c’è chi dice no
Ticino
4 ore

Ticinesi morti sul Susten: Norman Gobbi si unisce al cordoglio

Le due vittime erano membri dell’Associazione ticinese truppe motorizzate (Attm). Marco Bignasca, ex ufficiale auto: fra le società d’arma più attive
Mendrisiotto
4 ore

Coldrerio, le regole per parcheggiare al Parco San Rocco

L’autorimessa sarà accessibile da settembre. Il Municipio adatta l’ordinanza sulla gestione dei posteggi pubblici
Locarnese
5 ore

Vira Gambarogno, festa annullata

A causa delle previsioni meteo avverse
Luganese
5 ore

Pianta cade vicino al parco giochi di Melide, cause non chiare

Non si esclude che l’albero possa essere stato attaccato dal coleottero giapponese
Bellinzonese
6 ore

Conferenza sull’ambiente: 1° premio a una classe di Acquarossa

La quinta elementare della docente Nora Antonini ha vinto a livello nazionale grazie a un lavoro di studio sulle piante non autoctone (neofite)
12.11.2021 - 09:44
Aggiornamento : 15:58

Posta di Locarno, il Ps scandalizzato si mette di traverso

Sul cambio di destinazione d’uso: ‘Comprometterebbe le qualità dell’edificio per cui la collettività ha scelto di tutelarlo’

Sul possibile cambio di destinazione d’uso del palazzo della Posta di Locarno (progettato da Livio Vacchini) prende posizione il Gruppo Territorio e ambiente del Partito socialista, sezione di Locarno. “La Posta intende infatti sacrificare più della metà degli spazi oggi dedicati agli sportelli e alle caselle postali per fare spazio a una superficie commerciale da affittare a terzi – scrive il gruppo –. Agli sportelli verrebbe dedicato lo spazio attualmente occupato dalle caselle postali mentre queste ultime troverebbero posto in cantina”.

Si tratta della continuazione di una “inarrestabile riduzione dei servizi alla popolazione, a cui la Posta ci ha purtroppo abituati, che dopo le sedi periferiche tocca oggi anche i principali centri urbani. Ad alimentare il dibattito attorno al futuro della Posta, oltre a questa tematica, che da sola meriterebbe una seria presa di posizione da parte delle istituzioni cittadine, si aggiungono gli aspetti legati alla destinazione d’uso degli spazi commerciali rivolti su Piazza Grande e alla natura degli interventi che la Posta intende intraprendere sul proprio edificio... tutelato”.

Viene poi ricordato che “l’edificio della Posta rappresenta una delle opere di maggior rilievo dell’architetto Livio Vacchini. Quel Vacchini che, con molteplici opere, ha dato a Locarno un posto di rilievo nel panorama architettonico internazionale. In quanto meritevole esempio di architettura del Moderno, il Municipio e il Consiglio comunale, su proposta dell’Ufficio dei Beni culturali, hanno inserito questo monumento all’interno dell’elenco dei beni culturali della Città”. La costruzione, rileva il Ps, “si caratterizza per il suo impianto simmetrico che ha inizio dalle singolari facciate ritmate dai pilastri di scala monumentale e si sviluppa all’interno culminando nello spazio principale, l’atrio degli sportelli. Questo spazio si distingue per la verticalità conferita dalle tre lame di calcestruzzo che, ornate dai dipinti murali di Livio Bernasconi, attraversano in altezza l’intero edificio e conducono la luce zenitale fino al livello della piazza. Con questo atrio, il progettista ha voluto conferire un carattere espressamente civico all’edificio della Posta, in cui ogni cittadino si potesse identificare”.

‘Il Municipio deve opporsi’

Pertanto, “è inevitabile che l’eventuale realizzazione del progetto, che prevede la demolizione della sala degli sportelli, la chiusura dell’atrio centrale e la partizione asimmetrica del piano terra, comprometterebbe quelle stesse qualità dell’edificio per cui la collettività ha scelto di tutelarlo. Per questi motivi, il Municipio non può che porsi in difesa della conservazione e dell’integrità del bene culturale opponendosi alla domanda di costruzione. Alle criticità progettuali si sommano quelle legate alla destinazione d’uso identificata dalla Posta per sostituire gli sportelli: un supermercato. Ad affacciarsi su Piazza Grande non ci sarebbe più uno spazio pubblico bensì gli scaffali di un negozio di alimentari. L’assurdità di questa proposta è proporzionale solamente al paradosso di una società di diritto pubblico che mette sul mercato del miglior offerente una risorsa immobiliare ereditata dal suo passato di ente pubblico, come l’edificio rivolto su Piazza Grande. Occorre rammentare che la posta di Locarno ha sede in Piazza Grande 3 perché in quel luogo, accanto al Palazzo della Sopracenerina, la collettività ha voluto insediare un servizio pubblico come quello postale, non di certo un supermercato”.

Per il Gruppo Territorio e ambiente “appare quindi indispensabile, soprattutto alla luce dei recenti sforzi per la valorizzazione del centro urbano, che la politica, in collaborazione con l’ente parapubblico proprietario dello stabile, colga l’occasione per interrogarsi su quali spazi pubblici possano inserirsi all’interno dell’edificio del Vacchini, divenuto apparentemente troppo grande per le esigenze della Posta. La sede dell’Ente turistico del Locarnese rappresenterebbe un esempio valido di contenuto che possa giovare della posizione di rilievo e al contempo apportare un valore aggiunto all’entrata di Piazza Grande”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
destinazione uso livio vacchini locarno partito socialista piazza grande posta
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved