ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
41 min

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
3 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
7 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
7 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
7 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
16 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
17 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
17 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
17 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
18 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
18 ore

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
18 ore

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
18 ore

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Luganese
19 ore

L’incendio boschivo sul Monte Brè è stato domato

Buone notizie, ma i Pompieri rimarranno tutta la notte a monitorare la situazione e continuare a gettare acqua
Ticino
19 ore

Radar: questa settimana sono in un comune su due

L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
19 ore

Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini

L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Luganese
20 ore

Confermato lo spostamento del circo Knie ad Agno

Lo spiega il Municipio di Lugano sollecitato da un’interrogazione. Una soluzione valida per il 2023 e che potrebbe continuare fino a fine 2030
Luganese
20 ore

Una tariffa unica per i trasporti pubblici a Lugano

È quanto chiede una mozione interpartitica presentata al Municipio, invitato ad avere coraggio
laR
 
09.11.2021 - 05:30
Aggiornamento: 09:09

‘Nelle valli siamo all’ultima chiamata per lo sviluppo’

Alessandro Speziali e l’importanza dei masterplan, partendo dall’esempio verzaschese. “I progetti che funzionano possono ispirare vicendevolmente”

nelle-valli-siamo-all-ultima-chiamata-per-lo-sviluppo
Ti-Press
Le Maldive di Milano...

«C’è grande consapevolezza che siamo probabilmente all’ultima chiamata per lo sviluppo. A me sembra che le valli stiano reagendo molto bene, diventando più auto-imprenditoriali in un contesto che non è più quello degli aiuti ad annaffiatoio della vecchia Lim, ma che fornisce supporto a progetti in grado di “stare in piedi”». Alla “Regione” lo dice Alessandro Speziali, coordinatore di quel masterplan Valle Verzasca da cui fra i tanti è nato un progetto, fresco d’inaugurazione, emblematico della voglia di invertire la tendenza dello spopolamento delle zone periferiche. Parliamo del Verzasca Mobile, partito a ottobre come progetto pilota nazionale per sostenere la mobilità interna (ed elettrica) “on demand”, ma anche per favorire lo sviluppo economico. «C’è un moto positivo – considera Speziali restando in tema – anche considerando come i singoli progetti verzaschesi, se funzionano, possono ispirare altre valli che si trovano in situazioni del tutto simili».

‘Contrastare il declino demografico e di vitalità del territorio’

La Verzasca ha una popolazione residente variabile fra le 850 e le 900 persone. Per un territorio comunale che è il più vasto dell’intero Cantone, una situazione certamente migliorabile, ma evitando voli pindarici. «I masterplan erano nati per contrastare il declino delle zone periferiche sia dal punto di vista demografico, sia da quello della vitalità del territorio inteso come progetti e posti di lavoro – ricorda Speziali –. L’obiettivo di tutti è dare un impulso su più livelli, basandosi su tre assi di sviluppo: il turismo sostenibile (quello che si ferma in valle, pernotta e crea indotto); il “vivere in valle” inteso come abitare e lavorare (quindi i progetti che migliorano la qualità di vita in valle, dal co-working al marchio Verzasca, dall’insediamento di nuovi negozi all’Agenda Verzasca, con attività e incontri aggregativi previsti durante tutto l’anno); e la salvaguardia e la promozione del paesaggio dal punto di vista naturalistico e da quello dei monumenti storici, dei rustici, delle selve castanili, eccetera».

Ebbene, prosegue, «in ognuno di questi campi stiamo cercando di portare avanti dei progetti, ma mantenendo un equilibrio, affinché lo sviluppo sia organico, coerente e bilanciato, e in primo luogo “sentito” dal territorio. Al momento stiamo raccogliendo i frutti del masterplan lanciato nel 2018 e ci stiamo accorgendo che un progetto tira l’altro». L’esempio torna ad essere il Verzasca Mobile, che «sarà utile ai residenti, ma anche ai ristoranti e al futuro albergo diffuso di Corippo». Un concetto che si può abbinare anche campeggio di Brione – promosso dal Patriziato, e che si conta di inaugurare nel 2024 –; «coprirà in primo luogo un deficit turistico specifico in valle, e creerà sia posti di lavoro, sia movimento per i negozi». In definitiva, con partner come il Comune, i Patriziati e le associazioni «si sta creando un mosaico per invertire una situazione di crisi riscontrata non soltanto in Verzasca, ma anche altrove un po’ in tutto l’arco alpino».

Speziali ammette che «portare avanti i singoli progetti non è facile vuoi per questioni di finanziamento, vuoi di burocrazia; ma mi sono accorto che le valli si stanno costruendo anche una bella “governance” in cui i Comuni (o, in Verzasca, il Comune unico) sono i “capitani strategici” e poi ci sono bracci operativi come, nel nostro caso, la Fondazione Verzasca. A questi attori vanno poi aggiunti Ente regionale di sviluppo, Ente turistico e Cantone, con cui, se ci sono le persone giuste e se c’è la consapevolezza condivisa che il prodotto regionale va costantemente migliorato, collaborare diventa facile».

La Verzasca? ‘Vale’ come Ascona

Un aspetto centrale sottolineato da Alessandro Speziali è quello riguardante il valore della residenza in valle e del contatto con la natura: «In questo ci hanno “aiutato” i vari lockdown legati alla pandemia. Oggi come oggi il “brand” della Verzasca, al di là del famoso colpo dei ragazzi che in un video avevano definito Lavertezzo come “le Maldive di Milano”, sta diventando fra i più forti in Svizzera. Dire “Verzascatal” è addirittura quasi come dire Ascona, perché assume in sè la forza delle valli ticinesi e della qualità ambientale. Noi dobbiamo “surfare” l’onda. Con il turismo interno, anche grazie alla strategia dell’Otr, stiamo pian piano conquistando la Svizzera romanda e, più in generale, un ospite che si ferma, ama e rispetta il territorio, si integra bene e grazie al suo potere d’acquisto è una risorsa fenomenale per la valle. Come detto, per mantenerlo lo standard va costantemente migliorato».

Spopolamento, uno studio regionale

Realisticamente, grazie al mosaico in via di allestimento in valle, «non potremo tornare ad avere in valle 2000 o 3000 persone, ma l’obiettivo è fermare l’emorragia per poi risalire la china portando nuovi posti di lavoro, famiglie, giovani e anche pensionati». Una bussola importantissima in questo senso è uno studio condotto, per conto dell’Ente regionale di sviluppo e dei Comuni, dal Gruppo Multi e riguardante non solo la Verzasca, ma anche Onsernone, Centovalli, Vallemaggia e Terre di Pedemonte. Il ricercatore Supsi Edoardo Slerca si occupa di raccolta ed analisi dei dati. «L’obiettivo – dice Slerca – è verificare le componenti che hanno determinato, in aggregato, lo spopolamento delle valli. Bisogna quindi capire in che misura parliamo di emigrazione e in che misura di semplice evoluzione dell’invecchiamento della popolazione (decessi). Poi siamo andati a vedere come fossero composte le migrazioni in uscita (verso dove, quali fasce d’età) e ci siamo concentrati sulle politiche che in altre zone alpine hanno portato a una ripresa dell’economia locale, dei posti di lavoro e a un progressivo rallentamento dello spopolamento (o, in alcuni casi, a un’inversione di tendenza). Sulla base di quello abbiamo identificato delle misure che possono essere applicate a breve o a medio termine per quantomeno contenere il fenomeno dello spopolamento». Lo studio sarà concluso entro l’anno.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved