ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
33 min

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
38 min

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
1 ora

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
1 ora

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
2 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
2 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
2 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
3 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
3 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
3 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
3 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
4 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
Ticino
4 ore

Mobilità aziendale, in vigore il nuovo credito di 2 milioni

Il Consiglio di Stato informa sulle novità e sulle attività oggetto di questo secondo finanziamento. Aumenta il cofinanziamento per posteggi di bici
Ticino
4 ore

Pensioni del Cantone, ‘in piazza per opporci a un altro taglio’

Il gruppo per la difesa delle rendite (ErreDiPi) chiama a raccolta gli affiliati all’Ipct. Il portavoce: ‘Si rischia di impoverire la società ticinese’.
Bellinzonese
4 ore

Domande e risposte sulla sessualità nei luoghi di cura

Giovedì 13 ottobre questa tematica delicata sarà al centro del convegno annuale della Fondazione Sasso Corbaro. Si rifletterà su limiti e approcci diversi
Luganese
4 ore

Ex direttore indagato, incontro informativo per i genitori

Domani sera è prevista una riunione riservata ai familiari della sede delle scuole Medie. Intanto il docente ha incaricato un avvocato di fiducia
Locarnese
4 ore

Alla Magistrale la Festa del libro per bambini e ragazzi

Una giornata dedicata, con letture, incontri con gli autori, mercatino, workshop e firmacopie, sabato 1° ottobre dalle 10 alle 18 a Locarno
18.10.2021 - 14:55
Aggiornamento: 15:16

‘Verzasca Mobile’, il mite passerotto che intende volare alto

La nuova frontiera nel riposizionamento delle zone periferiche è un trasporto pubblico ‘on demand’ (ed elettrico) gestito e pagato tramite app

verzasca-mobile-il-mite-passerotto-che-intende-volare-alto
Ti-Press/Golay
Piace già (e non poco)

Parrebbe cinguettare già con una certa energia, il passerotto simbolo del “Verzasca Mobile”. A due settimane dalla sua introduzione, il servizio di mobilità elettrica da e per la valle – con una ramificazione al Piano, ma limitatamente ad alcuni punti strategici dentro il perimetro compreso fra Tenero, Gordola e Riazzino – registra infatti l’interessamento di circa 200 persone. Se consideriamo che i residenti in Verzasca sono 900, e che loro sono i principali destinatari dell’iniziativa – la quota è decisamente soddisfacente. Ciò conferma la lungimiranza di chi – Comune di Verzasca, Associazione dei Comuni, Fondazione Verzasca, Ente regionale di sviluppo, AutoPostale, Ffs, Otlmv, Cantone con il suo Ufficio dello sviluppo economico e Confederazione – in due anni ha ideato, approntato, organizzato, sviluppato e concretizzato l’operazione. Che oltretutto si presenta come progetto pilota a livello nazionale che ha l’obiettivo di fare scuola in altre regioni discoste.

Tre zone a 5 franchi l’una

Cos’è, in tre parole, il “Verzasca Mobile”: è un servizio di mobilità flessibile, porta a porta, su prenotazione tramite app (o anche telefonica, 091 785 42 22) rivolto in primo luogo ai residenti – e secondariamente ai turisti con casa secondaria – che si spostano lungo l’asse di 26 chilometri della Verzasca, ma che per ragioni contingenti non possono o non vogliono utilizzare i mezzi pubblici o l’auto privata. L’area coperta è stata divisa in tre zone: Alta Valle (da Sonogno a Brione), Bassa Valle (da Brione alla diga) e Piano (Tenero e Gordola, fino a Riazzino). Viaggiare all’interno di ogni singola zona costa 5 franchi, quindi più del servizio pubblico di AutoPostale, ma meno di un taxi. Il vantaggio è che vengono a prendermi e mi lasciano esattamente dove lo richiedo. Prenotazioni e pagamento sono gestiti tramite l’applicazione per smartphone che confronta, valuta e ottimizza le richieste e organizza i viaggi, favorendo così una condivisione delle corse. Al momento è in servizio un bussino, ma presto se ne aggiungerà un secondo, così i due autisti assunti al 100% verranno affiancati, si è detto, da alcuni volontari.

Il “Verzasca Mobile” è da considerare una risposta intelligente alle criticità generate in valle nell’ambito della mobilità: un elemento fondamentale, per la popolazione verzaschese, del quale si occupa il Masterplan 2030 coordinato da Alessandro Speziali. Una mobilità sulla “cantonale”, ha ricordato stamattina a Vogorno il sindaco di Verzasca, Ivo Bordoli, «che è senza dubbio un problema prioritario». È significativo il fatto che il progetto pilota sia scattato a un anno esatto dalla nascita del nuovo Comune, che fra i temi principali annovera lo sviluppo demografico, sociale ed economico della valle, come rilevato dal sindaco di Gordola, Damiano Vignuta, presente soprattutto in veste di delegato dell’Associazione dei Comuni di Verzasca e Piano. «Parliamo di un progetto che rivoluziona il modo di pensare la mobilità nelle zone periferiche – ha affermato Vignuta –. L’obiettivo è mettere in moto le condizioni quadro che favoriscano la residenza in valle».

‘Servizio facile, flessibile ed economico’

I contorni del traffico cui è confrontato il territorio verzaschese sono stati illustrati da Alan Matasci, presidente della Fondazione Verzasca: 4’500 auto al giorno in media; un boom dei camper; oltre 500 bus turistici all’anno; la presenza della mobilità lenta; un trasporto pubblico recentemente potenziato; e gli effetti del Ticino Ticket, «un’azione straordinaria ma che porta anche qualche criticità». Per districarsi in questo coacervo di variabili, ha aggiunto, «serviva un servizio facile, flessibile ed economico pensato appositamente per favorire chi vive e lavora in valle». Servizio che il coordinatore Lorenzo Sonognini ha poi spiegato nei dettagli, mettendo l’accento sia sul potenziale della app e della geolocalizzazione degli utenti – quindi del digitale –, sia sul valore aggiunto di un’offerta «che non è solo un trasferimento di persone, ma abbraccia il concetto del “ti do volentieri un passaggio”», toccando quindi anche l’aspetto delle relazioni umane.

La puntualizzazione di Valesko Wild, capo dell’Ufficio sviluppo economico del Dfe, è stata quella secondo cui parlando di “Verzasca Mobile” «per il Cantone non si tratta solo di un finanziamento. Il tema è riposizionare le zone periferiche in tutto il cantone. I Masterplan parlano proprio di questo: di mantenervi le attività economiche e crearne di nuove». Wild ha anche voluto sottolineare «la tenacia di chi ha lavorato per concretizzare questa iniziativa affinché non rimanesse sulla carta» e si è augurato che il progetto pilota «diventi esemplare per altre regioni in Ticino e in Svizzera».

‘Nuove soluzioni in appoggio a residenti e turisti’

Se lo diventerà, sarà anche grazie alla collaborazione, soprattutto come know-how, di AutoPostale, che – come spiegato da Alex Malinverno – «ha in gestazione in Ticino diversi progetti di servizio “on demand” da integrare laddove il trasporto pubblico non arriva a soddisfare tutti». Oppure a partire dai cosiddetti nodi intermodali dai quali il servizio di trasporto pubblico si irradia, come precisato da Roberta Cattaneo, direttrice regionale di Ffs il cui primo scopo è «sostenere le regioni nel loro sviluppo economico, permettendo di guadagnare in concorrenzialità». Proprio in relazione ai nodi di interscambio e al ruolo fondamentale che rivestono nello sviluppo della mobilità, Cattaneo ha parlato dell’«innovazione del trasporto pubblico, che cambia con nuove soluzioni in appoggio ai turisti, ma soprattutto ai residenti».

Il successo della soluzione verzaschese è ora nelle mani dei due giovani autisti e al passaparola che il servizio saprà generare in valle. I primi due anni sono considerati di prova e saranno fondamentali, ha aggiunto Sonognini, «per sondare, capire, raccogliere informazioni e censire eventuali criticità». In poche parole: per migliorarsi, e far sì che il mite passerotto di cui sopra non solo sappia cinguettare, ma anche volare sempre più in alto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved