al-palacinema-e-necessario-un-cambiamento-di-rotta
Ti-Press
Una struttura che guarda al futuro
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Luci e Ombre, altri eventi e la copertura del ‘buco’ pandemico

L’Ente iniziative del Locarnese, in assemblea al Fevi, ha annunciato gli estremi della grande festa che torna dopo 2 anni, dal 7 al 9 luglio
Bellinzonese
1 ora

A Giubiasco sarà costruita una centrale a biogas

L’impianto promosso da Amb e Ses permetterà di smaltire i rifiuti verdi e organici urbani producendo allo stesso tempo pregiata energia
Bellinzonese
1 ora

Ritom, la funicolare riprende l’attività dopo la pausa invernale

Da sabato 21 maggio sarà di nuovo possibile raggiungere il comprensorio e i suoi innumerevoli laghetti alpini
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio: Ata in assemblea, con dibattito su PoLuMe e Tir

L’evento è previsto domani sera alla Filanda e avrà come ospiti Maurizio Agustoni (Ppd) e Ivo Durisch (Ps). Modera Daniela Carugati.
Luganese
2 ore

Record per la Comano Run con oltre 500 partecipanti

La manifestazione podistica si è tenuta ieri e ha visto il trionfo di Ivan Boggini per gli uomini e Sara Solari per le donne
Ticino
2 ore

Coronavirus, 173 casi e un decesso da venerdì

Rispetto a lunedì della settimana scorsa si registra un calo dei test positivi e delle ospedalizzazioni
Bellinzonese
2 ore

Spettacolo dei liceali di Bellinzona al Teatro Sociale

Venerdì 20 e sabato 21 maggio alle 20.30 andrà in scena ‘Rinoceronte’ del drammaturgo Eugène Ionesco
Locarnese
3 ore

Il traguardo della Pro Monti: l’assemblea numero 100

Giovedì sul Piazzale delle Scuole un appuntamento di portata storica per l’associazione di quartiere di Locarno
Grigioni
3 ore

San Vittore, trovati 5 kg di marijuana su un autobus

La polizia cantonale grigionese ha scoperto la sostanza stupefacente durante una verifica al centro controllo veicoli pesanti grazie a un cane antidroga
Luganese
3 ore

Accoltellamento a Lugano, arrestato un 32enne

L’uomo è stato fermato a Paradiso. Tra le ipotesi di reato quella di lesioni gravi tentate.
Mendrisiotto
9 ore

Parroco rimosso, tra ‘bicchieri di troppo’ e palpeggiamenti

Emergono nuovi dettagli sul fermo di sabato al sacerdote del Mendrisiotto. Quello della discoteca non l’unico caso sopra le righe
Locarnese
9 ore

Finisce in rissa la festa dei liceali al Bagno pubblico

Sabato sera amaro in via Respini a Locarno, a causa di poche teste calde che hanno scatenato la violenza. Un ragazzo ferito al volto
27.10.2021 - 06:00
Aggiornamento : 16:02

‘Al Palacinema è necessario un cambiamento di rotta’

Il direttore Roberto Pomari pensa all’evoluzione della struttura e auspica investimenti. Uno è per la ridefinizione degli spazi al terzo piano

Un Palacinema al di là del mero intrattenimento e «sempre più luogo di creazione, di studio, di ricerca e di innovazione». È una formula che Roberto Pomari, il direttore, ripete da tempo. Ma che oggi assume più concretezza grazie a una visione a lungo termine tradotta in un progetto embrionale ma beneaugurante: la rivisitazione degli spazi interni, sfruttando la terrazza al terzo piano e ricavandone, su due livelli, oltre 600 metri quadrati di superfici utili per insediarvi nuove attività da far entrare nella rete, sempre più complessa e affascinante, del polo dell’audiovisivo.

‘Cercatori di Luce’, le arti si incontrano

L’occasione per parlarne nasce dall’inaugurazione della videoinstallazione “i Cercatori di Luce”, di Giuliana Cunéaz, cui l’artista, proprio al Palacinema, lavorava già nel 2019 con l’aiuto, per le riprese, degli studenti del Conservatorio internazionale di scienze audiovisive (Cisa). Si tratta di un’opera “immersiva” che si inserisce, per dirla con Pomari, «in una dimensione espressiva che integra in modo innovativo tecnologie e forme artistiche», dove personaggi di diversa estrazione interagiscono con un visionario universo virtuale, in un clamoroso intreccio tra varie arti. Due anni fa era solo abbozzato, oggi è realtà (ma anche sogno insieme). “I Cercatori di Luce” è stato definito da Domenico Lucchini, direttore del Cisa, «percorso ecologico, ricerca dell’illuminismo». In questo contesto il Palacinema diventa anche luogo di creazione artistica, «piattaforma di orchestrazione di talenti e creatività che vive grazie alla collaborazione virtuosa con i suoi “abitanti”; in questo caso gli allievi e i docenti del Cisa – aggiunge Pomari – che danno un indispensabile contributo tecnico e artistico». La mostra, promossa dalla Palacinema Sa, curata da Valentino Catricalà, realizzata anche con l’ausilio tecnico di Emme Sa per gli impianti digitali, è anche in un bel catalogo pubblicato da Armando Dadò Editore. Potrà essere visitata da giovedì 28 ottobre al 14 novembre.

“Cercatore di Luce” è a suo modo anche Pomari, che “semplice” direttore non poteva essere poiché troppo forte era (ed è) il richiamo di una continua evoluzione della struttura. Evoluzione soprattutto nel senso di capacità di sviluppo delle diverse attività che vi si svolgono a livello formativo, divulgativo, e ovviamente cinematografico e culturale grazie al Festival (che si sta tra l’altro dotando, proprio al Palacinema, di uno strumento essenziale come un archivio propriamente detto).

«Una correzione di rotta è indispensabile – sottolinea Roberto Pomari –. E le prospettive su cui riflettere sono diverse». Una è l’entrata in funzione, a breve, di un nuovo Consiglio d’amministrazione fatto da gente del mestiere, legata all’audiovisivo, quindi capace di inquadrare la missione cui il polo dell’audiovisivo è deputato. Un elemento è la “promozione” della sala multiuso a luogo di ricerca e di lavoro; in questo senso a gennaio e febbraio i generosi spazi verranno adibiti a studio cinematografico per la realizzazione dei lavori di diploma degli studenti del Cisa. Passando da altre situazioni come il rilancio della Ticino Film Commission e dal cambio di paradigma secondo cui «le diverse realtà presenti da inquilini diventano partner», Pomari sottolinea un dato di fatto: «Bisogna investire». Un modo di farlo è strutturale: il progetto di ridefinizione degli spazi di cui si parlava. Un altro è credere nella possibilità di Locarno come «città educante con Usi, Supsi e Cisa», secondo la visione di Lucchini, e, ancor più su larga scala, «distretto culturale con una messa in rete delle risorse, al di là di una competitività che non ha senso».

Di contorno (o nel cuore, a seconda dei punti di vista) rimane ovviamente il commerciale, che il gestore Enjoy Arena fa vivere muovendosi sui fronti gastronomico e cinematografico. In quest’ultimo settore, torna a ribadire Pomari, «l’offerta va rivisitata» perché la realtà cambia velocemente.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cisa domenico lucchini festival investimenti palacinema roberto pomari supsi usi
Ti-Press
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved