quartiere-rusca-saleggi-il-calore-esce-dal-lago
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e lacuale.
Grigioni
23 ore

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
1 gior

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
1 gior

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
1 gior

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
1 gior

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
1 gior

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
1 gior

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
1 gior

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
26.10.2021 - 15:16
Aggiornamento : 15:38

Quartiere Rusca-Saleggi, il calore esce dal lago

A Locarno presentato stamane il Progetto Verbano 2030 di teleriscaldamento, per servire il comparto con una fonte energetica pulita e conveniente

Teleriscaldamento, il calore “pulito” che guarda al futuro di un intero quartiere cittadino: quello Rusca-Saleggi, con le sue circa 6mila anime. Ambientalmente sostenibile, finanziariamente conveniente e sicuro, questo sistema di riscaldamento urbano è oggi l’alternativa all’uso dei combustibili fossili tradizionali come il gasolio e serve a scaldare le nostre case. Proprio per questo la Calore Sa, attiva da un quarto di secolo e costituita, in egual misura, con capitale di Società elettrica sopracenerina (Ses) e Aet (Azienda elettrica ticinese), ha presentato oggi il progetto “Verbano 2030”, il quale prevede l’estensione della rete di teleriscaldamento della Città a questo comparto. La proposta, ha spiegato in entrata Claudio Nauer, condirettore dell’Aet, si innesta sulla positiva esperienza della Centrale della Morettina, in funzione da oltre un ventennio tra la soddisfazione generale di utenti e promotori. Ora ecco spuntare il secondo progetto, che si spera possa ricevere una degna accoglienza tra i potenziali fruitori.
Il nuovo impianto fornirà agli immobili che si allacceranno calore prodotto da fonti rinnovabili per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. Una soluzione in linea con gli obiettivi delle politiche energetiche di Confederazione, Cantone e Città, che contribuirà all’abbattimento delle emissioni di CO2. Disegno che rientra nell’ambito della strategia per l’azzeramento delle emissioni di questa sostanza nociva entro il 2050, da parte del nostro Paese.

Sfruttare il calore delle acque di falda del Verbano

Per quanto riguarda la rete “Verbano 2030”, sarà alimentata da una centrale termica che sfrutterà il calore dell’acqua di falda lacustre mediante pompe di calore acqua/acqua. Sorgerà in zona Lido e disporrà pure di due caldaie di riserva nel caso vi fossero problemi tecnici. Una volta completato, nel 2024, l’impianto sarà in grado di ridurre le emissioni di almeno 3mila tonnellate di CO2 annue. I proprietari degli immobili situati lungo la rete potranno riconvertirsi a un sistema di riscaldamento rinnovabile, approfittando dei numerosi vantaggi offerti da questa tecnologia: prezzi concorrenziali e stabili nel tempo, ingombri dei sistemi di produzione ridotti, eliminazione di rumori e cattivi odori negli edifici e trasferimento al fornitore degli oneri di manutenzione e dei rischi legati a guasti.
Calore Sa è già oggi in grado di formulare proposte ai potenziali clienti.

Il Ticino sta pedalando per recuperare il ritardo

«Il Ticino − ha spiegato Daniele Lotti – viaggia con un po’ di ritardo rispetto alla Svizzera tedesca, dove questi impianti sono realtà da mezzo secolo. Ora sta cercando di recuperare terreno e anche il Cantone si è attivato con sussidi a simili iniziative. Verbano 2030 è un progetto molto importante, da portare a conclusione in 4-5 anni. Grazie a sinergie, entro la fine dell’anno a livello cantonale vorremmo poter arrivare alla creazione di una società unica per la gestione e manutenzione di tutta l’impiantistica, dal momento che le società che portano avanti analoghi progetti sono tutte a partecipazione pubblica».
Secondo Vinicio Curti, direttore di Calore Sa, è auspicabile che almeno una ventina di palazzi tra i più grandi presenti nel quartiere partecipi, inizialmente, alla prima tappa del progetto (il settore edifici è responsabile del 25% delle emissioni di CO2 in Svizzera!). L’esplosione dei costi dell’energia elettrica sul mercato dovrebbe convincere il cliente che questa alternativa richiede investimenti contenuti e genera costi limitati e stabili nel tempo».

Convincere l’utenza per partire su basi solide

Tra i pregi del teleriscaldamento, Curti ha elencato la possibilità di far capo a incentivi per il passaggio dal fossile (o dall’elettrico) al nuovo approvvigionamento; l’affidabilità e sicurezza di questa fonte, gestita professionalmente da esperti; lo scarico al fornitore di tutti gli oneri legati alla produzione del calore (riparazioni, manutenzioni, adeguamenti normativi e controlli); l’occupazione di spazi ridotti delle apparecchiature necessarie; la silenziosità e la pulizia dell’impiantistica. Temperatura e comfort delle case restano invariati in base alle abitudini del cliente, ma aumentano i vantaggi.
Gli ha fatto eco Daniele Lotti: «Dobbiamo fornire risposte precise e convincenti alla clientela, per raggiungere il quorum. Questo nuovo impianto dovrà scrivere cifre nere e non rosse. Non possiamo infatti permetterci di andare a spendere soldi già sapendo che sbagliamo direzione».
Informazioni sull’argomento sono disponibili sul sito www.calore.ch.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
calore progetto rusca-saleggi teleriscaldamento
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved