ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Solduno, pulizia autunnale dei sentieri collinari

Promossa dall’omonima Associazione di quartiere, la mattinata di volontariato chiama a raccolta i residenti disposti a dare una mano nei lavori
Locarnese
1 ora

La Via Ramogna si fa bella per le feste natalizie

Su iniziativa della Società Commercianti Industriali e Artigiani, verrà addobbata con alberelli e l’autosilo Largo Zorzi sarà gratuito per due domeniche
Locarnese
1 ora

Triplo appuntamento con i canti di Natale del Gruppo Jeans

Il coro di bambini locarnesi si esibisce il 7 (a Muralto), l’11 (a Vira Gambarogno) e il 18 (a Locarno On Ice, in Piazza Grande) dicembre
Locarnese
1 ora

Inaugurazione ufficiale per il centro diurno socio-assistenziale

Dopo un’apertura in sordina nel 2020, la struttura situata presso la Residenza San Clemente di Ascona vivrà la sua ‘festa’ martedì 6 dicembre alle 14
Locarnese
2 ore

Un brindisi natalizio con il Plr di Cugnasco-Gerra

L’appuntamento con la panettonata per tutta la popolazione è per martedì 6 dicembre dalle ore 19.30 presso la Scuola elementare a Gerra Piano
Grigioni
3 ore

Val Calanca: centinaia di persone sempre isolate dal mondo

Nuove informazioni sono attese per domani. Nessuno fortunatamente è rimasto ferito nello scoscendimento che si è verificato domenica mattina.
Ticino
4 ore

Filippini: ‘La polizia unica non è mai stato un tema per noi’

Il coordinatore del gruppo designato dal governo: ‘Il focus sui compiti, per una loro chiara ripartizione fra Cantonale e polcom. Rapporto per fine anno’
Luganese
6 ore

Lugano, la replica a Lombardi: ‘Coinvolgeteci, ma davvero’

La Commissione di quartiere di Sonvico mette i puntini sulle i, dopo che il municipale si era detto deluso dal presunto inattivismo delle commissioni
Locarnese
6 ore

Gambarogno, i ritocchi ai conti possono attendere

Le finanze del Comune destano preoccupazione, ma le contromisure non saranno per il 2023. Probabile un futuro aumento del moltiplicatore
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale

Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde
Mendrisiotto
13 ore

Brusino Arsizio si prepara all’avvento

Arte, musica, fiaccolata dei bambini e falò augurale caratterizzeranno l’avvicinarsi al Natale
Ticino
14 ore

E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge

Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
14 ore

Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti

Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
15 ore

La Croce Rossa del Sottoceneri cerca volontari

La sezione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato, ringrazia anche le centinaia di persone che già danno una mano
24.10.2021 - 21:33

Monte Salmone, si uniscono le forze per la capanna

Dopo l’abbandono del progetto contemplato dal Parco nazionale, i Municipi di Terre di Pedemonte e Onsernone e il Patriziato ne studiano il rilancio

monte-salmone-si-uniscono-le-forze-per-la-capanna
+1

Il 12 giugno 2018, con il “no” pronunciato in consultazione popolare nei Comuni toccati dalla proposta, veniva definitivamente a cadere il Progetto del Parco Nazionale del Locarnese. E, con esso, di fatto, caddero come pedine di un domino tutti quelle iniziative e quei progetti in esso contenuti. Molti in maniera definitiva. Molti, ma non tutti. Perché grazie all’interessamento di alcuni enti pubblici, qualcosa ha potuto essere salvato. È il caso del progetto di una capanna alpina sul Monte Salmone, cima a 1’560 metri di quota posta sullo spartiacque tra Vallemaggia e Valle Onsernone, con un’appendice verso le Terre di Pedemonte. Un’idea sicuramente interessante e valida, quella del rifugio, dal momento che la zona è meta ambita di molti appassionati di montagna ed escursionisti che vi potrebbero così trovare un posto caldo per la notte e un riparo in caso di bizze meteo. Rafforzata, negli ultimi tempi, dalla realizzazione della Via alta della Vallemaggia e, di quella in fase di pianificazione, dell’Onsernone, per le quali una capanna in questa zona “capolinea” dei rispettivi tracciati potrebbe tornare sicuramente utile. I rifugi in Ticino, si sa, sono dei punti di ristoro frequentati da escursionisti di passaggio, punto di partenza per gite e passeggiate e come collegamento tra diversi percorsi di montagna. Ma sono anche delle vere e proprie destinazioni per chi desidera trascorrere una notte in quota, in piena tranquillità.

A coordinare il lavoro degli enti coinvolti (Comune di Onsernone, Comune delle Terre di Pedemonte e, come detto, Patriziato generale delle Terre di Pedemonte e Auressio) è Elia Gamboni (responsabile dell’Antenna subregionale Ers Centovalli-Onsernone-Terre di Pedemonte). «Caduto il progetto del Parco, Comuni e Patriziato si sono interrogati sulla necessità di trovare una soluzione alternativa a questa idea, spiega. In pratica si tratta di ripartire con un progetto ex novo alternativo a quello a suo tempo elaborato, che era ben più oneroso e corposo. Dopo un sopralluogo che ci ha permesso di meglio inquadrare il contesto, ci sarà ora da stabilire, coinvolgendo ovviamente anche l’architetto, come proseguire».

Lo sforzo sinergico di più enti

A credere nella capanna alpina sul Monte Salmone è anche il Patriziato, conferma Paolo Monotti, presidente: «Uno dei temi sul tavolo del recente incontro col Municipio delle Terre di Pedemonte è proprio questo. Come Patriziato posso dire che noi ci siamo. Di principio vediamo di buon occhio quest’opera. Sono sorti, negli ultimi tempi, diversi percorsi di trekking e sono sicuro che l’appoggio al progetto, dall’esterno, non mancherà. Ricordo, non da ultimo, che la scorsa primavera è stata anche ricostituita la Società escursionistica onsernonese, decisa a promuovere i sentieri e, in generale, questo tipo di attività. Ritengo che sia un buon esempio di lavoro svolto in accordo e con la collaborazione di enti che operano a favore di uno stesso territorio», conclude Monotti.

Gli fa eco Stephan Chiesa, sindaco di Onsernone, il quale ribadisce che «come Comune sosterremo il progetto anche se non riguarda direttamente fondi di nostra proprietà. Occorrerà un elaborato nuovo e la messa in campo delle necessarie sinergie. La Società escursionistica onsernonese, che in novembre terrà la propria assemblea costitutiva, intende occuparsi anche del rilancio delle capanne Arena e del rifugio Ribia, in alta valle. C’è dunque molta carne al fuoco per i mesi a venire».

Una struttura pensata per accogliere una ventina di posti letto

«Designare un architetto-progettista, con esperienza in materia di capanne alpine, che ci possa accompagnare nella realizzazione di questa struttura è stata la riflessione dalla quale siamo partiti, dopo l’incontro con il Patriziato – afferma Fabrizio Garbani Nerini, sindaco di Terre di Pedemonte. «A livello di contenuti, ci siamo resi conto che non potremo recuperare i vecchi diroccati (o gli edifici) presenti, dal momento che le trattative con i privati non hanno portato ai frutti sperati. L’idea è quindi quella di chiedere al Cantone di far capo a un’ubicazione vincolata, per la costruzione di un edificio ex novo. Fondamentale, a tal riguardo, sarà entrare in rete con le vie alte della Vallemaggia e della Valle Onsernone – prosegue il sindaco –. Infatti solo se il rifugio entrerà a far parte di un discorso più ampio di percorsi di più giorni potremo ottenere il permesso».

Per quanto attiene i contenuti, «ci ispiriamo alle capanne già presenti su questi itinerari alpini, dotate mediamente di un 20-25 posti letto, per evitare che Salmone diventi un collo di bottiglia. La nuova costruzione dovrà sorgere su un fondo patriziale, in modo da evitare lunghe (e spesso complicate) trattative con i privati. Importanti saranno anche i contatti preliminari con il Cantone. Dovremo essere certi di muoverci nella giusta direzione sin dall’inizio» – conclude il nostro interlocutore.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved