verscio-la-barriera-in-legno-ha-ceduto-di-schianto
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
5 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
5 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
7 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
7 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
8 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
8 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
8 ore

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Luganese
8 ore

I modi di dire: origini, significati e curiosità

Incontro alla Biblioteca cantonale di Lugano con il linguista Ottavio Lurati e Luca Saltini
Ticino
8 ore

Riduzione tasso di conversione Ipct, ‘mobiliteremo il personale’

Il passaggio dal 6,3 al 5 comunicato dalla Cassa pensioni cantonale non piace affatto al sindacato Vpod, che annuncia battaglia
29.09.2021 - 11:41
Aggiornamento : 15:43

Verscio, la barriera in legno ha ceduto di schianto

Si cerca di chiarire la dinamica dell’incidente del 73enne che ieri sera è precipitato in un piccolo riale sopra il paese. La manutenzione del sentiero è stata fatta

Non aveva percorso che pochi passi lungo il sentiero escursionistico che conduce sui monti di Verscio il 73enne feritosi in maniera grave martedì sera, attorno alle 19, dopo essere precipitato in un riale (asciutto di questi tempi) ricoperto dalla vegetazione invasiva. Molto pratico della zona, quella stradina di montagna la conosceva a menadito per averla percorsa innumerevoli volte. Eppure non si aspettava che quella vecchia barriera-corrimano in legno di castagno impregnata dalla pioggia, posta accanto alla lunga pietra che consente l’attraversamento dell’ostacolo, cedesse di schianto, smezzandosi in due, facendogli perdere l’equilibrio e proiettandolo due metri sotto, tra i sassi e gli arbusti, senza la possibilità di aggrapparsi a nulla.

Scorrimano in legno di castagno vecchi e non sufficientemente sicuri?

Sul posto, a pochi metri dall’abitato, oltre ai soccorritori del Salva e gli agenti di Polizia è intervenuta anche l’eliambulanza della Rega che ha trasportato il malcapitato, residente nella regione, all’Ospedale. Un cedimento, quello della barriera di protezione, che chi è pratico di sentieri sostiene fosse da aspettarsi da un momento all’altro. Basta guardarsi attorno per rendersi conto che questi camminamenti che si snodano da via Pre du Mont, costruiti nella loro parte iniziale con gradoni in sasso, sono muniti in alcuni punti di staccionate in legno veramente vetuste e pericolanti. Non offrono, dunque, sufficienti garanzie in caso di caduta (o a seguito di uno scivolamento dovuto al fondo umido o sdrucciolevole). L’area boschiva in questione è di proprietà del Patriziato, che tuttavia non è responsabile della manutenzione dei camminamenti pedestri che attraversano i suoi boschi. Quest’ultima compete, per quello che attiene la rete ufficiale, alla Squadra sentieri dell’Organizzazione turistica lago Maggiore e valli. Non si tratta, qui, di dare inizio a una caccia alle responsabilità nell’accaduto. Impensabile, infatti, per gli addetti, garantire la manutenzione capillare di centinaia di km di sentieri in tutta la regione, senza dimenticare la complessa conformazione dei sistemi montuosi e collinari. Difficile controllare a tappeto tutte le recinzioni che costeggiano i sentieri sulle montagne per verificare il loro stato e scongiurare altri incidenti.

Capire la dinamica dell’accaduto, ma c’è anche una componente di fatalità

Matteo Zanoli, responsabile della Squadra, sul posto per un sopralluogo, conferma che durante i lavori di pulizia e sfalcio i manufatti, piccoli o grandi che siano, vengono puntualmente controllati. Quelli vetusti sostituiti o eliminati del tutto, in base alle direttive dell’Ustra (Ufficio federale delle strade). Sulla tenuta di queste protezioni, spesso, incide la dinamica dell’infortunio. Una persona che si appoggia esercita infatti una pressione inferiore su un parapetto di una che, al contrario, la investe dopo essere inciampato o caduto per alcuni metri. Non di rado, in tratti che non presentano un grado di difficoltà elevato, queste strutture hanno una semplice funzione di segnalazione, soprattutto se è evidente che non possono sopportare il peso di un individuo. C’è dunque anche una componente di fatalità che spesso gioca un suo ruolo.
Il Comune, da parte sua, come ci ha riferito un municipale, interviene puntualmente quando vengono segnalate situazioni di precarietà e potenziale pericolo. Com’è stato il caso per il “Sentiero del Sole”, che da Auressio porta ai monti di Verscio. Laddove presentava un tratto giudicato non idoneo, si è proceduto a un lavoro di messa in sicurezza prima della sua inaugurazione.

Leggi anche:

Cede la staccionata di un ponte, 73enne in pericolo di morte

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ferito verscio
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved