ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
15 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
16 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
17 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
21 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
1 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
1 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
1 gior

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
1 gior

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
1 gior

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
02.10.2021 - 10:44

Renato Tagli, dalla piccola Cevio alla gigantesca Suzhou

Storia di un’eccellenza ‘made in Ticino’ che ha saputo andare oltre i confini, approdando in Cina. Come? Attraverso il linguaggio universale dell’arte

di Shila Dutly Glavas
renato-tagli-dalla-piccola-cevio-alla-gigantesca-suzhou
Opere di Tagli esposte in Cina

Suzhou e Cevio. Due mondi che stanno agli antipodi l’uno dall’altro, e non solo per pura questione geografica. La prima, situata nella provincia dello Jiangsu, nell’estremo est della Repubblica Popolare Cinese, è infatti una frenetica metropoli in cui vivono circa 10milioni e mezzo di persone. La città nasce fra le rive del Fiume Azzurro e le sponde del lago Taihu, da cui parte una fitta rete di canali e corsi d’acqua; particolarità questa che l’è valsa l’evocativo appellativo di “Venezia d’Oriente”. Anche Cevio, capoluogo del Distretto valmaggese, è punto d’incontro di vari fiumi, ma ancora troppi pochi per ricercare un (im)possibile paragone con la Serenissima e, anche facendo un conteggio delle anime che vivono nel paese, 1150 in tutto, siamo ben lontani dalla realtà di Suzhou.

Eppure, in questo Yin e Yang dove a contrapporsi non ci sono bene o male, oscurità e luce, ma due culture, due tradizioni, due contesti differenti, qualcosa che unisce la piccola Cevio alla grande Suzhou c’è, e si chiama arte. L’arte di un artista e grafico ticinese, Renato Tagli che, con i suoi tessuti, i suoi colori e la sua creatività è riuscito a portare un po’ di Ticino e po’ di “Occidente” in Cina.

Sulla via della “stoffa”

L’esposizione, dal titolo “Inspiration of the East and the West International Art Exhibition 2021” (Ispirazione dell’Oriente e dell’Occidente Esposizione Internazionale d’Arte 2021) è stata organizzata dall’Hanshan Art Museum, nel nuovo distretto di Suzhou. Lo scopo del progetto, co-sponsorizzato dall’Hanshan Art Museum e curato dal designer Sha Feng, è stato quello di promuovere l’integrazione e l’ispirazione fra culture e arti differenti, il tutto cercando di sviluppare e dare qualità anche all’industria culturale. Poiché l’arte, non è solo bellezza fine a se stessa o merce preziosa, è anche esperienza, sentimento.

Sono state circa una quarantina le opere tessili e le stoffe che, inizialmente, dovevano essere esposte dal 16 fino al 31 agosto: «La mostra, di principio, era stata pensata per una durata di due settimane ma poi, visto il grande interesse riscosso, si è deciso di prolungarla di altre due settimane. Quindi è terminata il 12 settembre – spiega Tagli, che non nasconde la sua emozione –. Ancora fatico a crederci. Pensare che le mie creazioni, nate qui, nel mio atelier a Cevio siano oggi dall’altra parte del mondo, in un città con milioni di abitanti è qualcosa d’incredibile. È un punto d’arrivo molto importante per il lavoro svolto in tutti questi anni».

Il viaggio nell’esposizione

L’incontro fra due culture non porta solo a una reciproca influenza. Mettersi faccia a faccia con “l’altro” significa accorgersi anche delle differenze che contraddistinguono e separano due mondi. E questo avviene pure quando si parla dell’arte, sia intesa come la creazione della stessa opera artistica, sia come presentazione e divulgazione al pubblico. Lo sa bene la Cina, che da anni investe tempo e risorse nella “fruizione” della cultura.
«Hanno un altro modo d’intendere l’arte, a partire proprio dalla sua stessa esposizione. In soli 60 giorni sono riusciti a riservare gli spazi, misurarli, preparare le varie installazioni, stampare i volantini, e tanto altro. In Svizzera questo è impensabile, ci sarebbero voluti come minimo sei mesi. Non hanno paura del tempo, degli imprevisti o degli ostacoli, cosa che invece a noi svizzeri, e a me in primis, incutono un certo timore», dice Tagli.

Si aggiunge alla conversazione Sabina Oberholzer, compagna e collega di Tagli: «Hanno accompagnato Renato in questo viaggio nell’esposizione. Esposizione che per loro non è solo “far vedere”, ma lasciar qualcosa a chi osserva: un’emozione, un ricordo, un’esperienza». Infatti, oltre alle creazioni, la mostra ha combinato anche diversi video, realizzati nell’atelier di Cevio, gadget, che riprendevano la texture delle stoffe, e alcune copie di altri celebri lavori dell’artista. «Per presentarmi hanno disegnato su una parete una linea del tempo che riassumeva la mia vita e in una sala hanno riproposto il mio TerraTerra», conferma Tagli.
Alla cerimonia d’apertura erano presenti, oltre al sindaco della città e ai vari operatori culturali, pure Istvan Kocsis, console generale ad interim e capo della Sezione culturale del Consolato generale di Svizzera a Shanghai, Heidi Zhang, vice capo della stessa Sezione culturale, e Yu Meihua, membro del Partito. Inoltre l’esposizione è stata patrocinata dal Comune di Cevio e dalla Fondazione Bally per la cultura. Unico assente della serata, lo stesso Renato Tagli che, a causa della pandemia, non è potuto volare fino in Cina. Con un sorriso dolce-amaro ci dice: «Mi è dispiaciuto non prendervi parte. Ma, unica nota positiva, almeno non ho messo su chili. Da quelle parti si mangia bene».

Il segreto? Colore e natura

In un’ultima battuta, l’artista ci racconta il segreto del suo successo: «Sono felice della partecipazione attiva della gente. Significa che hanno capito il messaggio e i valori che volevo trasmettere. Il ritorno alla natura e alle cose più genuine fanno parte della mia creatività. Mi ispiro a questo, oltre che al continuo studio del colore. Natura, colori, non possiamo stare senza. Sono parte attiva della nostra vita».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved