BENCIC B. (SUI)
0
ANISIMOVA A. (USA)
2
fine
(2-6 : 5-7)
renato-tagli-dalla-piccola-cevio-alla-gigantesca-suzhou
Opere di Tagli esposte in Cina
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
5 min

Prolungato l’obbligo della mascherina nelle scuole

La misura è in vigore fino al 5 marzo a partire dalla terza elementare fino al grado superiore
Ticino
4 ore

Media, i comunisti chiedono di monitorare il pluralismo

Una mozione chiede di effettuare un’analisi annuale delle testate pubbliche e private per vedere se danno voce a tutti. Intervista a Massimiliano Ay
Ticino
4 ore

Meteo, in corso uno degli inverni più caldi

Temperature record in montagna. Luca Nisi di MeteoSvizzera: ‘È la frequenza del fenomeno a essere sintomo del cambiamento climatico’
Luganese
4 ore

Circo Knie: fra ‘Cenerigraben’ e futuro incerto in Ticino

Dove andrà il tendone nazionale? Da Trevano a Breganzona, alcune ipotesi sul tavolo. E mentre la famiglia rassicura, si mormora di un addio al cantone
Locarnese
4 ore

In estate più alto il livello del Lago Maggiore

Ma le manovre, volute per evitare le ripercussioni di un’eventuale siccità a valle della Miorina, sono criticate dalle località rivierasche
Ticino
11 ore

L’accusa: ‘Erano mossi da intenti egoistici e avidità di denaro’

Caso Fec-Hottinger, chiesti quattro anni di reclusione per Rocco Zullino e due anni e nove mesi per Alfonso Mattei. Venti mesi per Tartaglia
Ticino
12 ore

‘Riforma tutorie, ora bisogna accelerare’

Preture di protezione, la presidente della commissione Giustizia: ‘Come deputati non dobbiamo perdere tempo’. Agna intanto propone dei correttivi
Bellinzonese
12 ore

Lupo in alta Valle, la Società agricola Bleniese scrive al CdS

Gli allevatori lamentano carenze nella comunicazione e sollecitano un incontro per definire una strategia da adottare in caso di presenza del predatore
Luganese
14 ore

Presunto stupro di gruppo, in tre a processo

Rinviati a giudizio tre uomini che lo scorso 25 settembre avrebbero abusato di una donna dopo una serata in un locale del Sottoceneri
Locarnese
14 ore

Lungolago di Muralto, stop alla progettazione ‘totale’

Ritirato il messaggio per moderazione del traffico e riassetto urbano perché due dei tre comparti sono “troppo” legati alle incertezze in stazione
Ticino
14 ore

Scuole di musica e obbligo 2G: ‘Non ci sono margini di manovra’

Il Consiglio di Stato risponde al Conservatorio sulle novità introdotte a fine dicembre: formazioni non equiparate a scuola dell’obbligo o secondario II
Luganese
14 ore

Campione, ricorso al Tar contro il taglio della sanità ticinese

La delibera del Consiglio regionale della Lombardia è in vigore dal 15 dicembre. Un’avvocata chiede l’intervento del Tribunale amministrativo regionale
Mendrisiotto
14 ore

Piazza del Ponte, progetto in sospeso. ‘Che delusione’

La Lista civica torna alla carica con il Municipio di Mendrisio. ‘A che punto è il bando di concorso?’
Luganese
14 ore

Guasto risolto, i treni da Lugano al nord tornano in viaggio

Dopo due ore di disagi, le Ffs sono riuscite a ripristinare ‘la perturbazione tecnica agli impianti ferroviari’
Bellinzonese
15 ore

Anche Sant’Antonino si doterà di un custode sociale di paese

Il Municipio risponde positivamente alla richiesta Plr. Valutazioni in corso sulla proposta Ppd per un centro extrascolastico
02.10.2021 - 10:440

Renato Tagli, dalla piccola Cevio alla gigantesca Suzhou

Storia di un’eccellenza ‘made in Ticino’ che ha saputo andare oltre i confini, approdando in Cina. Come? Attraverso il linguaggio universale dell’arte

Suzhou e Cevio. Due mondi che stanno agli antipodi l’uno dall’altro, e non solo per pura questione geografica. La prima, situata nella provincia dello Jiangsu, nell’estremo est della Repubblica Popolare Cinese, è infatti una frenetica metropoli in cui vivono circa 10milioni e mezzo di persone. La città nasce fra le rive del Fiume Azzurro e le sponde del lago Taihu, da cui parte una fitta rete di canali e corsi d’acqua; particolarità questa che l’è valsa l’evocativo appellativo di “Venezia d’Oriente”. Anche Cevio, capoluogo del Distretto valmaggese, è punto d’incontro di vari fiumi, ma ancora troppi pochi per ricercare un (im)possibile paragone con la Serenissima e, anche facendo un conteggio delle anime che vivono nel paese, 1150 in tutto, siamo ben lontani dalla realtà di Suzhou.

Eppure, in questo Yin e Yang dove a contrapporsi non ci sono bene o male, oscurità e luce, ma due culture, due tradizioni, due contesti differenti, qualcosa che unisce la piccola Cevio alla grande Suzhou c’è, e si chiama arte. L’arte di un artista e grafico ticinese, Renato Tagli che, con i suoi tessuti, i suoi colori e la sua creatività è riuscito a portare un po’ di Ticino e po’ di “Occidente” in Cina.

Sulla via della “stoffa”

L’esposizione, dal titolo “Inspiration of the East and the West International Art Exhibition 2021” (Ispirazione dell’Oriente e dell’Occidente Esposizione Internazionale d’Arte 2021) è stata organizzata dall’Hanshan Art Museum, nel nuovo distretto di Suzhou. Lo scopo del progetto, co-sponsorizzato dall’Hanshan Art Museum e curato dal designer Sha Feng, è stato quello di promuovere l’integrazione e l’ispirazione fra culture e arti differenti, il tutto cercando di sviluppare e dare qualità anche all’industria culturale. Poiché l’arte, non è solo bellezza fine a se stessa o merce preziosa, è anche esperienza, sentimento.

Sono state circa una quarantina le opere tessili e le stoffe che, inizialmente, dovevano essere esposte dal 16 fino al 31 agosto: «La mostra, di principio, era stata pensata per una durata di due settimane ma poi, visto il grande interesse riscosso, si è deciso di prolungarla di altre due settimane. Quindi è terminata il 12 settembre – spiega Tagli, che non nasconde la sua emozione –. Ancora fatico a crederci. Pensare che le mie creazioni, nate qui, nel mio atelier a Cevio siano oggi dall’altra parte del mondo, in un città con milioni di abitanti è qualcosa d’incredibile. È un punto d’arrivo molto importante per il lavoro svolto in tutti questi anni».

Il viaggio nell’esposizione

L’incontro fra due culture non porta solo a una reciproca influenza. Mettersi faccia a faccia con “l’altro” significa accorgersi anche delle differenze che contraddistinguono e separano due mondi. E questo avviene pure quando si parla dell’arte, sia intesa come la creazione della stessa opera artistica, sia come presentazione e divulgazione al pubblico. Lo sa bene la Cina, che da anni investe tempo e risorse nella “fruizione” della cultura.
«Hanno un altro modo d’intendere l’arte, a partire proprio dalla sua stessa esposizione. In soli 60 giorni sono riusciti a riservare gli spazi, misurarli, preparare le varie installazioni, stampare i volantini, e tanto altro. In Svizzera questo è impensabile, ci sarebbero voluti come minimo sei mesi. Non hanno paura del tempo, degli imprevisti o degli ostacoli, cosa che invece a noi svizzeri, e a me in primis, incutono un certo timore», dice Tagli.

Si aggiunge alla conversazione Sabina Oberholzer, compagna e collega di Tagli: «Hanno accompagnato Renato in questo viaggio nell’esposizione. Esposizione che per loro non è solo “far vedere”, ma lasciar qualcosa a chi osserva: un’emozione, un ricordo, un’esperienza». Infatti, oltre alle creazioni, la mostra ha combinato anche diversi video, realizzati nell’atelier di Cevio, gadget, che riprendevano la texture delle stoffe, e alcune copie di altri celebri lavori dell’artista. «Per presentarmi hanno disegnato su una parete una linea del tempo che riassumeva la mia vita e in una sala hanno riproposto il mio TerraTerra», conferma Tagli.
Alla cerimonia d’apertura erano presenti, oltre al sindaco della città e ai vari operatori culturali, pure Istvan Kocsis, console generale ad interim e capo della Sezione culturale del Consolato generale di Svizzera a Shanghai, Heidi Zhang, vice capo della stessa Sezione culturale, e Yu Meihua, membro del Partito. Inoltre l’esposizione è stata patrocinata dal Comune di Cevio e dalla Fondazione Bally per la cultura. Unico assente della serata, lo stesso Renato Tagli che, a causa della pandemia, non è potuto volare fino in Cina. Con un sorriso dolce-amaro ci dice: «Mi è dispiaciuto non prendervi parte. Ma, unica nota positiva, almeno non ho messo su chili. Da quelle parti si mangia bene».

Il segreto? Colore e natura

In un’ultima battuta, l’artista ci racconta il segreto del suo successo: «Sono felice della partecipazione attiva della gente. Significa che hanno capito il messaggio e i valori che volevo trasmettere. Il ritorno alla natura e alle cose più genuine fanno parte della mia creatività. Mi ispiro a questo, oltre che al continuo studio del colore. Natura, colori, non possiamo stare senza. Sono parte attiva della nostra vita».

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved