GIRON M. (USA)
0
NADAL R. (ESP)
3
fine
(1-6 : 4-6 : 2-6)
giallo-alla-palma-il-buco-clamoroso-dell-ora-del-decesso
Ti-Press
Il giudice Mauro Ermani ha di che essere perplesso
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Terre di Pedemonte, nei nuclei storici scende la velocità

A Verscio e Cavigliano si punta alla Zona 30, mentre vari progetti accresceranno la sicurezza degli utenti deboli della strada nel comprensorio
Luganese
2 ore

Alle medie di Camignolo a scuola... di migrazione

Due giorni per mettersi nei panni dei migranti, come pure delle figure professionali a loro contatto: resoconto delle giornate progetto di sede
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, una copertura mobile per 365 giorni di nuoto

La garanzia del pallone sta per scadere. Il consigliere comunale Claudio Schneeberger presenta al Municipio un’ipotesi di lavoro per la piscina
Ticino
2 ore

Caro-spaghetti & Co.: l’inflazione tocca anche il Ticino

Resta comunque inferiore rispetto all’Ue, ma alcuni beni di consumo risentono del rialzo globale. C’entrano clima, trasporti, petrolio, pandemia.
Bellinzonese
12 ore

Assemblea generale alla Domus Poetica

L’incontro è previsto giovedì 27 gennaio nella sede di Bellinzona
Ticino
13 ore

Livelli alle medie, Vpod pronta a iniziativa per eliminarli

Il sindacato dei docenti chiede al Gran Consiglio di rifiutare lo stralcio della spesa inserita nel Preventivo 2022
Bellinzonese
14 ore

Frontale a Cadenazzo, strada bloccata

Traffico fortemente congestionato sul Piano di Magadino a causa di un incidente
Ticino
14 ore

Offerta Trenord-Tilo ridotta almeno per un’altra settimana

Le assenze di macchinisti e capitreno a causa della pandemia si fanno ancora sentire. Soppresse anche tutte le linee notturne
Mendrisiotto
14 ore

Opere d’arte per i campus di Mendrisio e Viganello

Il concorso ha premiato Davide Cascio e Adriana Beretta. Le opere saranno inaugurate nel corso del prossimo autunno
Mendrisiotto
15 ore

Riva, annullata la Sagra del Beato Manfredo

L’evento era in programma il 30 gennaio. Lo ha deciso il Municipio considerato l’evolversi della situazione pandemica
Bellinzonese
15 ore

‘Trasporti pubblici gratuiti per giovani e anziani’

A proporlo con una mozione è il consigliere comunale Ppd di Bellinzona Pietro Ghisletta
Mendrisiotto
15 ore

Castel San Pietro ha 43 abitanti in più

Il saldo migratorio di +47 ha compensato il saldo naturale di -4. Ad aumentare maggiormente sono stati i ticinesi
Mendrisiotto
16 ore

Solidarit’eau, il sostegno di Stabio va all’Uganda

Comune e Aziende municipalizzate hanno deciso di devolvere il contributo all’Associazione SwissLimbs
Bellinzonese
16 ore

Il grande nord in un documentario

Appuntamento sabato 22 gennaio alle 20.30 al Cinema Leventina di Airolo
Mendrisiotto
16 ore

Riri sempre più polo dedicato agli accessori di lusso

La società di Mendrisio ha acquisito l’azienda toscana Dmc, specializzata nei componenti metallici per l’alta moda
Bellinzonese
16 ore

Riprendono gli spettacoli di Minimusica

Primo appuntamento mercoledì 19 gennaio all’oratorio parrocchiale di Salita alla Motta a Bellinzona
Luganese
17 ore

Quando il robot te lo costruisci tu

Dal 5 febbraio a Lugano corsi per bambini dai 9 agli 11 anni promossi dall’associazione Robo-Si
Locarnese
17 ore

Brissago, sotto controllo l’incendio boschivo

Stamane ultimi lavori di bonifica da parte della decina di pompieri rimasta di picchetto. Limitati i danni alla vegetazione
20.09.2021 - 18:540
Aggiornamento : 19:17

Giallo alla ‘Palma’, il buco clamoroso dell’ora del decesso

Nella prima giornata di processo al 32enne accusato della morte della 22enne inglese, il “j’accuse” del giudice sul lavoro del medico legale

Nessuna indicazione precisa sull’ora della morte. È un “buco” clamoroso, quello sottolineato dal giudice Mauro Ermani durante il processo al 32enne cittadino tedesco accusato della morte della 22enne compagna inglese nella notte del 9 aprile 2019 all’albergo La Palma di Muralto. Un buco, ha detto il presidente della Corte, imputabile alla poca accortezza (eufemismo) del medico legale, che in sede di accertamenti non ha fatto ciò che avrebbe dovuto – e che la prassi prevede in casi simili – per stabilire con la massima precisione possibile quando il cuore della ragazza ha smesso di battere.

Il presidente della Corte è andato sul tema rivolgendosi all’incolpevole magistrata titolare dell’inchiesta, Petra Canonica Alexakis, parlando di «note dolentissime» e di «gravissimo errore di chi deve raccogliere le prove». L’orario del decesso genericamente fornito dal primo rapporto del medico legale si situa fra le 4 e le 6, e la procuratrice pubblica non ha potuto fare altro che fidarsi. Quando però ha chiesto un maggiore approfondimento, le risultanze sono state «più che deludenti», ha detto Ermani, poiché non erano stati effettuati gli esami di reazione della muscolatura del volto, della pupilla e scheletriche. Non potevano che nascerne «indicazioni arbitrarie», che situano l’ora della morte nella voragine compresa fra mezzanotte e le 6 del mattino. «Mi auguro che il Ministero pubblico abbia preso i provvedimenti necessari – ha sentenziato il giudice –. È inammissibile lasciare queste cose irrisolte. Abbiamo una vittima di 22 anni e un imputato che rischia una condanna a vita per assassinio».

Nel corso della prima giornata di processo alle Criminali di Locarno, riunite a Lugano, della relazione fra la 22enne e il 32enne ora alla sbarra è uscito un quadro fatto di viaggi, spreco, lusso, spese pazze – tutte sul conto della giovane vittima – e sesso “estremo” al punto tale da determinare – secondo l’imputato – la morte per asfissia meccanica della ragazza. Ma le prime crepe nel castello difensivo sono emerse proprio dal racconto dell’imputato, dalla credibilità di una versione secondo cui l’asfissia sia sopraggiunta a causa di un’esagerazione nella pratica del famoso “gioco erotico finito male”. Diversi tasselli non entrano nel puzzle messo insieme dal 32enne, sia a livello di riscontri concreti, sia come tempistica, sia come logica nel susseguirsi degli eventi. Stando all’uomo, quella notte ci furono prima alcol e droga, poi un litigio, e, in camera, un rapporto sessuale completo e uno parziale sfociato nella morte della ragazza per soffocamento. Nessuna indicazione aggiuntiva è emersa in merito alle grida sentite da altri ospiti dell’albergo nei corridoi, ad una bottiglia misteriosamente trovata rotta, come il cavo del telefono fisso dell’hotel.

Un altro elemento pesantissimo e tutt’ora in cerca di spiegazione è la carta di credito occultata dall’uomo nel vano della lampada dell’ascensore dell’albergo, e riemersa soltanto mesi dopo durante una normale manutenzione del lift. Per un caso curioso, l’imputato è meccatronico e manutentore di ascensori. Non poteva non sapere che periodicamente i lift vengono passati al setaccio, e che prima o poi la carta di credito fatta sparire sarebbe riapparsa. Secondo l’imputato, nascondere la carta di credito nel lift era stato uno scherzo malriuscito fatto da ubriaco rientrando in albergo alle 2.30 del mattino. Secondo l’atto d’accusa è un faro sul movente finanziario di un possibile assassinio. L’uomo, malgrado una generosa rendita della Suva, era in difficoltà economiche poiché oberato di debiti, anche nei confronti della donna che gli ha dato due figli. Disporre anche solo dei 20mila franchi garantiti dalla carta di credito della ragazza poteva avere un senso.

Significativo, per capire chi è l’accusato, il dialogo con il giudice quando quest’ultimo l’ha messo di fronte ai risultati della perizia psichiatrica. «Qui si parla di disturbo della personalità, di narcisismo, di una prognosi altamente negativa – ha notato Ermani –. Cosa ci dice in proposito?». «Tutte queste cose vengono fuori da 3 colloqui da 20 minuti con lo psichiatra, che ha poi prodotto una perizia di 80 pagine – ha risposto l’imputato –. Personalmente ritengo di non avere proprio nessun problema». Ma allora è tutto normale, ha incalzato Ermani, ricordando che «ci sono i precedenti, il fatto di aver vissuto spesso a scrocco e quello di essere finito in prigione». «Mi spiace per quel che ho fatto – ha ribattuto il 32enne – ma non mi considero psichicamente malato». Quindi, si è chiesto Ermani, «non c’è un problema reale, di fondo, da risolvere?». «Se fossi davvero così come mi si dipinge – è stata l’ultima risposta dell’uomo – sarebbe emerso anche durante la prigionia. Invece, sono sempre stato bravo».

Bravo del resto non era stato, secondo l’atto d’accusa, in altre occasioni prima del fatidico soggiorno alla Palma. Non lo era stato truffando la Suva, non nel falsificare dei documenti, non nel conciare per le feste un avventore di un bar in Svizzera interna, colpevole forse di aver fatto degli apprezzamenti nei confronti delle donne che quella sera accompagnavano il 32enne e il compagno della madre di una ex. A questo proposito la versione dell’accusato, interrogato in proposito, diverge profondamente rispetto a quella della magistrata. «Non ho fatto assolutamente niente, sono solo andato in bagno e poi sono stato invitato ad andarmene dal locale perché quel signore mi accusava di averlo picchiato». «Ma – ha ribattuto Ermani – risulta che lei al bagno ci è stato due volte in un minuto. Da una parte sostiene di avere la vescica debole; dall’altra si vanta di poter avere due rapporti sessuali completi a pochi minuti di distanza uno dall’altro». Fra le altre indicazioni emerse, in questo filone, quella secondo cui l’uomo avrebbe “avuto”, nella sua vita, circa 400 donne.

Il processo prosegue domani con la requisitoria della procuratrice pubblica, che dovrebbe parlare per circa 4 ore, e gli interventi della difesa, rappresentata da Yasar Ravi e Luisa Polli, i quali si sono riservati arringhe per un totale di circa 3 ore e mezza. Poi la camera di consiglio e l’attesissima sentenza della Corte, formata, con Ermani, dai giudici a latere Monica Sartori-Lombardi e Luca Zorzi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved