bosco-gurin-fino-al-2098-gli-impianti-resteranno-aperti
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
4 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
9 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
9 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
10 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
10 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
10 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
18 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
18 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
18 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
18 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
18 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
18 ore

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
19 ore

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
Luganese
19 ore

Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola

L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
laR
 
16.09.2021 - 17:47
Aggiornamento : 19:13

Bosco Gurin, ‘fino al 2098 gli impianti resteranno aperti’

Non è l’ennesima provocazione di Giovanni Frapolli, il quale conferma che resterà alla guida della stazione. E intanto l’estate ha regalato un ottimo bilancio

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Come posso partire dopo gli incoraggiamenti e il sostegno ricevuti? Non me la sono sentita di voltare le spalle a chi crede in Bosco Gurin. Perciò fino al 2098 gli impianti lassù saranno in funzione. Aggiungo altro: la data del 2098 non è casuale. Facendo ordine tra le mie carte ho scoperto un contratto d’uso dei terreni che ospitano, oggi, il cuore della stazione (vale a dire le stazioni di partenza e arrivo delle seggiovie e il ristorante) votato dall’Assemblea patriziale di Bosco Gurin nel lontano 1998 (quindi dall’organo sovrano) e pure ratificato dagli Enti locali, che mi autorizza a rimanere dove sono con le mie infrastrutture fino a quella scadenza. Un rogito che parla chiaro!».

All’udire queste parole, pronunciate da Giovanni Frapolli, l’uomo che solo 5 mesi fa aveva minacciato di andarsene e mollare tutto, vien da pensare che l’imprenditore bellinzonese, proprietario degli impianti di risalita della Rovana, non abbia perso nulla della sua indole a tratti provocatoria. La tattica, secondo alcuni, è semplice: più si parla delle sue minacce, più esse suscitano clamore, più lui ottiene il suo effetto, cioè quello di scatenare una reazione a lui favorevole.

È l’ennesima sparata?

«No, è tutto nero su bianco. Quello che molti non sanno, è che ci sono sempre stati, in passato, attriti con alcune figure locali. Ma questo già prima del mio arrivo. Quando venne costituita la Grossalp SA, le beghe erano all’ordine del giorno. Il sottoscritto, quando ha assunto la conduzione della SA e presentato i suoi piani, ha quindi ereditato una situazione assai critica. Non è Frapolli ad aver “dinamitato” i rapporti tra le parti. Mentre altrove la gente del posto sostiene le iniziative, qui si mettono i bastoni tra le ruote».

È andata così, ma oggi, a distanza di oltre un ventennio, non sarebbe finalmente ora di mettere fine alle polemiche?

«Giusto. Oggi guardo avanti con fiducia, tiro dritto per la mia strada col sostegno di Cantone e Comuni valmaggesi e di chi sa apprezzare il mio lavoro; evito le discussioni di scarso valore e le diatribe e mi concentro sui miei progetti».

Fino alla prossima puntata? Speriamo solo di non doverci abituare a questo clima...

«Lo ammetto, ero esasperato. Quando uno non ne può più di critiche e attacchi personali, può capitare che si sfoghi. È successo la scorsa primavera. Ma da questa lotta sono uscito rafforzato nelle mie convinzioni. Ho vinto la mia battaglia, basta minacce di chiusura. Dopotutto, quello che ho saputo creare a Bosco Gurin e in precedenza a Carì e Airolo, in questi anni, è sotto gli occhi di tutti».

Lei è comunque stato ben “nutrito” dal Cantone in questi suoi progetti.

«Vero, certo, ma i finanziamenti pubblici erano aiuti sotto forma di prestiti a copertura di una parte degli investimenti. Una fetta della spesa complessiva ho dovuto racimolarla io, cercando finanziatori privati, trattando con le banche, mettendoci la faccia. E guardate che d’imprenditori e investitori disposti a sobbarcarsi simili rischiose operazioni non se ne trovano tutti i giorni. Chi ti fa prestito ti chiede garanzie, non stiamo mica discutendo di noccioline. Quanto al presente, guardate che Airolo beneficia di sussidi per 800mila franchi all’anno, contro i 180mila che spettano a Bosco. Il che è tutto dire... Ma tra due anni le cose cambieranno».

Parliamo allora dell’estate: nata come stazione prettamente invernale, la destinazione della Rovana, dopo un disastroso inverno (crollo delle presenze, strutture ricettive deserte, pochi introiti) minato dal Covid, ha dovuto affrontare mesi avari di sole. Apriti o cielo?

«Al contrario posso assicurare che è stata una stagione molto positiva. Sono entusiasta. Malgrado un mese di luglio caratterizzato dal maltempo, la voglia di non mollare ci ha premiati. In agosto abbiamo avuto un’affluenza da far invidia ai fine settimana sugli sci. I ristoranti hanno lavorato bene, gli impianti erano sempre pieni, i produttori locali hanno fatto buoni affari. Abbiamo registrato qualche piccolo problema di gioventù con la slittovia (del quale ci scusiamo con l’utenza) ma posso assicurare che il bilancio turistico è davvero positivo. Hotel e Ostello hanno fatto registrare un +15% di pernottamenti. Il posteggio del villaggio (compreso il sedime all’entrata) spesso presentava un’occupazione totale. Nemmeno in inverno si vede tanta gente da queste parti. Obiettivo quindi raggiunto, a dimostrazione di quanto importante sia, per la località walser, la presenza della nostra offerta, completata da altre realtà, quali il Museo».

L’estate ha i giorni contati, a breve si tornerà a parlare di sfide future. Il pensiero corre ai progetti contenuti nel Masterplan della Vallemaggia.

«In ottobre il Bak (istituto basilese di ricerca economica) presenterà i risultati dello studio sul Metro Walser, il collegamento sotto la montagna tra Vallemaggia e Ossola. A fine ottobre, lo stesso sarà poi illustrato alla popolazione valmaggese nel corso di una serata pubblica».

Leggi anche:

Bosco, Frapolli se ne va! 'Troppi attriti, nessun aiuto'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bosco gurin giovanni frapolli impianti
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved