gordola-il-caro-elettricita-penalizza-la-svolta-energetica
I prezzi salgono e a guadagnarci non è l'ambiente (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini
Ticino
3 ore

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma
Mendrisiotto
3 ore

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia
Ticino
11 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
13 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
13 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
13 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
14 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
14 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
15 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
15 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
15 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
07.09.2021 - 23:160

Gordola: ‘Il caro elettricità penalizza la svolta energetica'

Il Municipio della località locarnese scrive a tutti i Comuni azionisti della Ses, chiedendo un cambio della politica aziendale

L'aumento delle tariffe e della tassa base dell'elettricità mal si conciliano con la svolta energetica, che bisognerebbe perseguire a tutti i livelli. In altre parole, la scelta di sistemi di riscaldamento meno inquinanti (come quelli che utilizzano termopompe) è penalizzato e, a livello finanziario, diventa sempre meno attrattivo. È la conclusione a cui giunge il Municipio di Gordola che nei giorni scorsi ha inviato una lettera a tutti i Comuni ticinesi azionisti della Società elettrica sopracenerina Sa (Ses). Scopo della missiva è invitare questi Comuni “a voler approfondire e rivedere l’attuale politica aziendale della Ses”.

Va detto che all'ultima assemblea degli azionisti Ses il delegato gordolese era già intervenuto chiedendo che l’attenzione dell’azienda venga rivolta maggiormente alla svolta energetica, sostenendo la produzione rinnovabile distribuita e promuovendo l’efficienza energetica attraverso tariffe adeguate.

“Purtroppo, i vari differenziati aumenti delle tariffe degli ultimi anni, come ad esempio la tassa base cresciuta del 50 per cento negli ultimi anni e una tariffa notoriamente tra le più alte a livello nazionale, in un cantone con i redditi più bassi ma che abbonda di energia idroelettrica a buon mercato, non possono più essere sostenuti e ritenuti adeguati nell’interesse dell’utenza – scrive il Municipio di Gordola –. Il mero raggiungimento di utili a favore degli azionisti, seppur ridistribuito in buona parte ai Comuni, non deve essere l’obiettivo unico di politica aziendale. Motivo in più se il finanziatore è in primo luogo il cittadino medesimo che si vede gravare la propria fattura finale per un bene di prima necessità”.

In conclusione, segnalando la propria apertura a un dialogo e a un dibattito sul tema e “ringraziando la Ses per il buon lavoro e l’ottimo risultato d’esercizio conseguito nel 2021, si chiede ai Comuni azionisti di attuare una politica aziendale che preveda una netta riduzione degli utili come da servizio pubblico, rivedendo le tariffe a favore di una politica energetica che promuova il rinnovabile e l’efficienza in particolare la produzione decentrata del fotovoltaico e incentivare, con una riduzione dei prezzi, l’utilizzo d'impianti di riscaldamento efficienti a pompa di calore, penalizzati dagli impropri aumenti delle tariffe dal 2019”.

‘Eliminare le tasse locali sulle energie rinnovabili’

Sempre da Gordola, ma su un altro fronte, arrivano pure altre richieste: Bruno Storni, consigliere nazionale Ps, ha presentato una mozione dal titolo: “Eliminare tasse locali su energie rinnovabili, la distribuzione e il consumo di energia elettrica non può essere gravata da tasse comunali e cantonali”. In sostanza, chiede l'introduzione a livello federale di un articolo di legge specifico “la distribuzione e il consumo di energia elettrica non possono essere soggetti a tasse di concessione cantonali o comunali o a oneri per l'uso del suolo pubblico”. Anche in questo caso, si tratta di ridurre le tasse che pesano sulla bolletta elettrica dei cittadini. Quella per l'uso del suolo pubblico, ad esempio, non viene applicata per la rete del gas o le telecomunicazioni: perché invece la si incassa per l'elettricità che è un bene di prima necessità?

«Così facendo – spiega Storni – l'energia elettrica (rinnovabile e locale) è penalizzata dai Comuni/Cantoni, che invece favoriscono il combustibile gassoso fossile importato. Considerato che la svolta energetica richiede una decisa accelerazione della conversione di riscaldamenti a combustibili fossili verso sistemi a pompa di calore, è assurdo penalizzare coloro che, nonostante gli scarsi sussidi, investono parecchio denaro in impianti a termopompa per poi vedersi rincarata l'energia da tasse comunali/cantonali. Una situazione controproducente che frena gli investimenti nell'efficienza energetica e nella conversione fossile rinnovabile. È quindi opportuno eliminare gli aggravi finanziari che colpiscono gli impianti energeticamente efficienti e a zero CO2 e che usano energia rinnovabile. In questo senso occorre eliminare qualsiasi tipo di tasse comunali o cantonali su vettori energetici rinnovabili fatte salvo eventuali tasse incentivanti restituite al 100 per cento alla popolazione sotto forma di sussidi in campo energetico o direttamente in contanti».

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved