ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
13 min

Morbio Inferiore, Cenacolo del movimento sacerdotale

Appuntamento nel pomeriggio di sabato 8 ottobre nel Santuario di Santa Maria dei Miracoli
Luganese
44 min

Bissone diventa il paese degli scacchi per due giorni

Il prossimo fine settimana ci saranno tornei riservati ai ragazzi e il Trofeo semi-lampo con il maestro di levatura intersezionale Damir Levacic
Locarnese
53 min

Locarno, auto contro un palo. Conducente all’ospedale

Incidente stamane in via Vela: la donna al volante è stata ricoverata con l’ambulanza
Locarnese
55 min

‘Una possibilità’ è quella che vedrà la luce a Solduno

IIl gruppo interdisciplinare capitanato dallo studio Lopes Brenna di Chiasso ha vinto il concorso per ristrutturazione e ampliamento delle Scuole comunali
Bellinzonese
1 ora

Incidente con ferimento sul viadotto del Ceneri. Disagi sulla A2

Il sinistro si è verificato poco dopo la galleria, sull’asse di percorrenza sud-nord, provocando la momentanea chiusura della corsia di destra
Luganese
1 ora

Piscina di Carona, snellito il progetto di rilancio

Abbattuti i costi, razionalizzato l’intervento ma restano l’intenzione dell’autorità di rivalutare il comparto e le perplessità dei critici
Ticino
5 ore

Parità per l’età Avs? ‘Allora parità in tutti gli ambiti’

Secondo i contrari alla riforma avallata per pochi voti, ora è ancora più urgente combattere le disuguaglianze di genere. ‘Il no del Ticino è un segnale’
Ticino
5 ore

Giovani nei partiti, tra ‘buone alleanze’ e ‘spine nel fianco’

Parola ai responsabili dei movimenti politici giovanili: i temi, i rapporti con gli schieramenti di riferimento, come intercettano le nuove generazioni
Bellinzonese
5 ore

Val d’Ambra 2, Pro Natura ribadisce il proprio ‘niet’

L’associazione ambientalista sempre contraria a un secondo bacino in Bassa Leventina, rispolverato da alcuni parlamentari vista la penuria energetica
Locarnese
5 ore

Hotel Arcadia, ‘il malessere è reale’: cade la Direzione

Confermato dall’audit dell’Ispettorato del lavoro il profondo disagio in albergo per i metodi di conduzione. Inevitabili i provvedimenti della casa madre
Luganese
12 ore

Lugano, scontro tra un automobilista e un motociclista

Ad avere la peggio il secondo, un 47enne che ha riportato ferite di media gravità. È successo a inizio serata in via Ciani
Luganese
14 ore

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
07.09.2021 - 23:16

Gordola: ‘Il caro elettricità penalizza la svolta energetica'

Il Municipio della località locarnese scrive a tutti i Comuni azionisti della Ses, chiedendo un cambio della politica aziendale

gordola-il-caro-elettricita-penalizza-la-svolta-energetica
I prezzi salgono e a guadagnarci non è l'ambiente (archivio Ti-Press)

L'aumento delle tariffe e della tassa base dell'elettricità mal si conciliano con la svolta energetica, che bisognerebbe perseguire a tutti i livelli. In altre parole, la scelta di sistemi di riscaldamento meno inquinanti (come quelli che utilizzano termopompe) è penalizzato e, a livello finanziario, diventa sempre meno attrattivo. È la conclusione a cui giunge il Municipio di Gordola che nei giorni scorsi ha inviato una lettera a tutti i Comuni ticinesi azionisti della Società elettrica sopracenerina Sa (Ses). Scopo della missiva è invitare questi Comuni “a voler approfondire e rivedere l’attuale politica aziendale della Ses”.

Va detto che all'ultima assemblea degli azionisti Ses il delegato gordolese era già intervenuto chiedendo che l’attenzione dell’azienda venga rivolta maggiormente alla svolta energetica, sostenendo la produzione rinnovabile distribuita e promuovendo l’efficienza energetica attraverso tariffe adeguate.

“Purtroppo, i vari differenziati aumenti delle tariffe degli ultimi anni, come ad esempio la tassa base cresciuta del 50 per cento negli ultimi anni e una tariffa notoriamente tra le più alte a livello nazionale, in un cantone con i redditi più bassi ma che abbonda di energia idroelettrica a buon mercato, non possono più essere sostenuti e ritenuti adeguati nell’interesse dell’utenza – scrive il Municipio di Gordola –. Il mero raggiungimento di utili a favore degli azionisti, seppur ridistribuito in buona parte ai Comuni, non deve essere l’obiettivo unico di politica aziendale. Motivo in più se il finanziatore è in primo luogo il cittadino medesimo che si vede gravare la propria fattura finale per un bene di prima necessità”.

In conclusione, segnalando la propria apertura a un dialogo e a un dibattito sul tema e “ringraziando la Ses per il buon lavoro e l’ottimo risultato d’esercizio conseguito nel 2021, si chiede ai Comuni azionisti di attuare una politica aziendale che preveda una netta riduzione degli utili come da servizio pubblico, rivedendo le tariffe a favore di una politica energetica che promuova il rinnovabile e l’efficienza in particolare la produzione decentrata del fotovoltaico e incentivare, con una riduzione dei prezzi, l’utilizzo d'impianti di riscaldamento efficienti a pompa di calore, penalizzati dagli impropri aumenti delle tariffe dal 2019”.

‘Eliminare le tasse locali sulle energie rinnovabili’

Sempre da Gordola, ma su un altro fronte, arrivano pure altre richieste: Bruno Storni, consigliere nazionale Ps, ha presentato una mozione dal titolo: “Eliminare tasse locali su energie rinnovabili, la distribuzione e il consumo di energia elettrica non può essere gravata da tasse comunali e cantonali”. In sostanza, chiede l'introduzione a livello federale di un articolo di legge specifico “la distribuzione e il consumo di energia elettrica non possono essere soggetti a tasse di concessione cantonali o comunali o a oneri per l'uso del suolo pubblico”. Anche in questo caso, si tratta di ridurre le tasse che pesano sulla bolletta elettrica dei cittadini. Quella per l'uso del suolo pubblico, ad esempio, non viene applicata per la rete del gas o le telecomunicazioni: perché invece la si incassa per l'elettricità che è un bene di prima necessità?

«Così facendo – spiega Storni – l'energia elettrica (rinnovabile e locale) è penalizzata dai Comuni/Cantoni, che invece favoriscono il combustibile gassoso fossile importato. Considerato che la svolta energetica richiede una decisa accelerazione della conversione di riscaldamenti a combustibili fossili verso sistemi a pompa di calore, è assurdo penalizzare coloro che, nonostante gli scarsi sussidi, investono parecchio denaro in impianti a termopompa per poi vedersi rincarata l'energia da tasse comunali/cantonali. Una situazione controproducente che frena gli investimenti nell'efficienza energetica e nella conversione fossile rinnovabile. È quindi opportuno eliminare gli aggravi finanziari che colpiscono gli impianti energeticamente efficienti e a zero CO2 e che usano energia rinnovabile. In questo senso occorre eliminare qualsiasi tipo di tasse comunali o cantonali su vettori energetici rinnovabili fatte salvo eventuali tasse incentivanti restituite al 100 per cento alla popolazione sotto forma di sussidi in campo energetico o direttamente in contanti».

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved