ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
33 min

Val Calanca: centinaia di persone sempre isolate dal mondo

Nuove informazioni sono attese per oggi, lunedì. Nessuno fortunatamente è rimasto ferito nello scoscendimento che si è verificato domenica mattina.
Ticino
1 ora

Filippini: ‘La polizia unica non è mai stato un tema per noi’

Il coordinatore del gruppo designato dal governo: ‘Il focus sui compiti, per una loro chiara ripartizione fra Cantonale e polcom. Rapporto per fine anno’
Locarnese
3 ore

Gambarogno, i ritocchi ai conti possono attendere

Le finanze del Comune destano preoccupazione, ma le contromisure non saranno per il 2023. Probabile un futuro aumento del moltiplicatore
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale

Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde
Luganese
3 ore

Lugano, la replica a Lombardi: ‘Coinvolgeteci, ma davvero’

La Commissione di quartiere di Sonvico mette i puntini sulle i, dopo che il municipale si era detto deluso dal presunto inattivismo delle commissioni
Mendrisiotto
10 ore

Brusino Arsizio si prepara all’avvento

Arte, musica, fiaccolata dei bambini e falò augurale caratterizzeranno l’avvicinarsi al Natale
Ticino
11 ore

E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge

Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
11 ore

Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti

Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
12 ore

La Croce Rossa del Sottoceneri cerca volontari

La sezione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato, ringrazia anche le centinaia di persone che già danno una mano
Luganese
13 ore

I Cantori delle Cime tornano al Lac con il Concerto Corale

Domenica 11 dicembre alle 17 nella sala teatro del Lac sul palco anche Giovanni Storti del trio Aldo Giovanni e Giacomo, Rosy Nervi e Flavio Sala
Luganese
14 ore

Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea

Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Mendrisiotto
14 ore

A Chiasso la quarta edizione del torneo cantonale di burraco

La competizione è stata vinta dalla coppia formata da Lina Pizzi e Silvana Polonara. L’evento ha visto la partecipazione di 24 coppie di giocatori.
Grigioni
15 ore

Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’

Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
laR
 
03.09.2021 - 05:30
Aggiornamento: 25.04.2022 - 09:57

Locarnese, corsi d’italiano per le mamme di scolari alloglotti

Dalla fine di settembre, alla Scuola media Morettina partiranno le lezioni di lingua, cultura e integrazione proposti dalla docente Lorenza De Vita-Zelante

locarnese-corsi-d-italiano-per-le-mamme-di-scolari-alloglotti
Tornare sui banchi. I corsi di italiano partiranno martedì 28 settembre, alle 9, alla sede delle Scuole medie di Locarno 2 (foto archivio Ti-Press)

«Partecipava e ascoltava di nascosto, ma mi ero accorta della sua presenza. Avevo notato che durante le lezioni da casa, tenute due-tre volte a settimana, la mamma di una mia allieva seguiva il corso di lingua e integrazione. Ascoltava». Era il periodo della didattica a distanza, quando siamo stati confinati fra le mura domestiche per contrastare il diffondersi del coronavirus. A raccontare l’aneddoto emblematico è Lorenza De Vita-Zelante, da cinque anni docente di lingua e integrazione alla Scuola media di Locarno 2, meglio conosciuta come Morettina. Oltre all’insegnamento della lingua italiana agli scolari alloglotti nei primi due anni dal loro arrivo, il suo ruolo prevede il loro sostegno all’integrazione nella struttura scolastica, facendo da tramite se necessario con la famiglia. Lei è la promotrice delle lezioni che partiranno a fine mese: «È stato durante il lockdown e dopo quell’episodio che mi è venuta l’idea di proporre corsi di lingua, cultura e integrazione per le madri dei miei scolari, poi aperti anche alle altre sedi di scuola media del Locarnese», spiega.

Imparare l’italiano per non essere isolate

Spesso sottovalutate, donne e mamme sono coloro che favoriscono il processo d’integrazione, che si occupano maggiormente dei figli, aiutandoli e seguendoli anche nelle faccende scolastiche, instaurando il contatto con gli insegnanti. Affinché questo processo possa avere luogo, il presupposto imprescindibile è la conoscenza della lingua del Paese d’arrivo e avere contatto con il contesto socioculturale che le circonda. Tuttavia questi presupposti non sono affatto scontati e normalmente ci si trova confrontati con situazioni in cui le donne immigrate rimangono tendenzialmente chiuse fra le quattro mura domestiche, facendo riferimento e muovendosi solo all’interno della propria comunità d’origine, ancorandovisi, non parlando la lingua del luogo in cui abitano, poiché non vi sono le condizioni necessarie perché l’imparino. Diversa sorte per i padri, per cui gran parte d’integrazione e apprendimento linguistico passa dal lavoro. «L’obiettivo del corso è l’indipendenza linguistica delle mamme e sono due le ragioni per cui abbiamo deciso di aprire il corso solo a loro. La prima è pratica: proponendo un corso di lingua a uomini e donne è molto probabile che sia il padre a prendervi parte, perché in diverse culture è la figura dominante. Seconda ragione – legata alla prima –, perché si crea un contesto protetto in cui non sentirsi giudicate».

Creare indipendenza

«Verso dicembre, ho portato la mia idea al direttore della scuola (Patrick Dal Mas, ndr): è stato molto disponibile, sostenendo il progetto sin da subito». Il corso è gratuito ed è un progetto pilota sostenuto dal Servizio integrazione stranieri e dal Lions Club Locarno – spiega la promotrice –. Il livello è quello base ed è rivolto a chi non ha mai seguito un corso d’italiano. Soprattutto, le lezioni saranno rivolte alla comunicazione utilitaria coniugata a diverse situazioni: particolare rilievo lo avrà la scuola (facilitando la comunicazione fra famiglia e istituto), ma anche la vita quotidiana (quando si va dal dottore, a fare la spesa, l’orientamento), per esprimere le proprie esigenze ed emozioni». Ma non è tutto: «Oltre all’apprendimento della lingua, l’auspicio è che le partecipanti, che è probabile parlino lingue fra loro diverse, condividano le proprie esperienze di vita, creino una rete e magari stringano amicizie». L’esperienza migratoria è comune e questo dovrebbe facilitare l’incontro e l’interscambio.

Iscrizioni fino al 10 settembre

Il ciclo dura trenta settimane, con lezioni di due ore ciascuna rivolte alle mamme degli allievi di lingua straniera di tutte le sezioni di scuola media del Locarnese (dovrebbero essere 35 divise fra Locarno 1 e 2, Minusio, Losone, Gordola) cui è stata aperta l’iscrizione. Sostenuto dal Servizio integrazione stranieri (col fondo Pic2) e dal Lions Club Locarno, il corso prenderà avvio martedì 28 settembre, alle 9 presso la Morettina.

Le iscrizioni possono essere inoltrate entro venerdì 10 settembre alla segreteria della scuola media in via Francesco Chiesa 17, telefonando allo 091 816 04 91, scrivendo a decs-sm.locarno2@edu.ti.ch. Informazioni possono essere richieste inviando un’e-mail alla docente promotrice (lorenza.devita@edu.ti.ch) oppure al direttore dell’istituto Patrick Dal Mas (decs-sm.locarno2@edu.ti.ch).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved