bosco-sono-gli-impianti-ad-assicurare-gli-introiti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
5 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
9 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
9 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
10 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
10 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
11 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
18 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
18 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
19.08.2021 - 21:15

Bosco, ‘sono gli impianti ad assicurare gli introiti’

Lo Sci club scrive a Comune, Patriziato e Centri turistici montani per ricordare l'importanza, per l'economia locale, dell'offerta invernale di Giovanni Frapolli

“A Bosco Gurin la parte del leone, per quel che riguarda non solo la promozione dell'immagine del villaggio bensì anche le ricadute economiche per la comunità locale, la fanno gli impianti invernali di Giovanni Frapolli. Piaccia o meno, questa è la verità”. Di questo ne è fermamente convinto lo Sci club Bosco Gurin, che per bocca del suo presidente, Giacomo Gobbi e del membro di comitato Marco Corvi, si rivolge, tramite lettera, al Comune di Bosco Gurin, al Patriziato, alla Centri turistici montani SA e alle varie associazioni attive in paese.

L'indotto finanziario maggiore non arriva dal Walserhaus

Siccome l'emergenza sanitaria non ha consentito di organizzare l'assemblea annuale, i due vertici del Comitato hanno comunque ritenuto opportuno far sentire la voce di un sodalizio particolarmente dinamico e attivo, interpretando anche il parere dei numerosi membri. Lo dimostra, come ricordano gli stessi nello scritto, l'organizzazione, in oltre 75 anni di attività, di un numero incalcolabile di eventi (sportivi e non); dai Campionati Svizzeri alle gare Fis, dalle sfide per le famiglie alle competizioni regionali, per non citare che le più ricorrenti e importanti in ambito, ovviamente, sportivo. “Queste manifestazioni – osservano i due – hanno permesso di dare lustro e far conoscere Bosco Gurin ai visitatori dentro e fuori i confini nazionali”. Alcuni membri dello Sci club, inoltre, attivi in politica a livello locale, si sono prodigati per conservare l'ufficio postale e il negozio Coop in paese, minacciati di chiusura.

Secondo loro, è però solo grazie al richiamo turistico creato dalle piste da sci che il villaggio walser ha potuto svilupparsi anche dal punto di vista abitativo (generando, indirettamente, lavoro per le aziende e gli artigiani della zona). Senza voler mancare di rispetto a chi non condivide i progetti di sviluppo di Giovanni Frapolli, lo Sci club rileva “come l'indotto finanziario maggiore non sia portato dal Museo Walserhaus, al quale va tutta la stima del caso, bensì dagli impianti invernali”.

Cantone e istituzioni regionali intervengano per evitare la chiusura

Preoccupati per le polemiche scoppiate, lo scorso inverno, tra l'impresario bellinzonese alla testa della Centri Montani SA e il locale Patriziato, il sodalizio sportivo auspica un intervento del Cantone e delle istituzioni regionali per appianare le divergenze e creare una struttura in grado di garantire continuità a quanto realizzato sin qui. Un'eventuale chiusura degli impianti sarebbe un colpo letale per la destinazione walser  (e pure per l'intero cantone, viste le risorse finanziarie assicurate, negli ultimi decenni, a favore della località della Rovana). “Un eventuale smantellamento degli skilift e delle seggiovie non potrà che essere, a quel punto, imputabile a quelle persone o enti che hanno ostacolato i progetti dell'imprenditore bellinzonese Giovanni Frapolli”.

Lo stesso Sci club, in conclusione, fa sapere che continuerà a impegnarsi, come fatto fino a ora, per promuovere manifestazioni e sostenere progetti a favore dei domiciliati e degli ospiti del paese.

Leggi anche:

Bosco, Frapolli se ne va! 'Troppi attriti, nessun aiuto'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bosco gurin centri turistici montani giovanni frapolli patriziato sci club
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved