Verona
0
Bologna
0
1. tempo
(0-0)
Bienne
1
Zurigo
0
1. tempo
(1-0)
Berna
0
Friborgo
2
2. tempo
(0-1 : 0-1)
Ajoie
1
Zugo
3
1. tempo
(1-3)
Lakers
1
Ginevra
1
1. tempo
(1-1)
Langnau
0
Ambrì
2
1. tempo
(0-2)
Davos
3
Losanna
2
2. tempo
(2-2 : 1-0)
Turgovia
1
Winterthur
0
1. tempo
(1-0)
arcabalena-ai-ronchini-di-aurigeno-obiettivo-raggiunto
Foto Arcabalena
Monitori e aiuto-monitori della colonia inclusiva
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
46 min

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
1 ora

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
1 ora

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
1 ora

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
2 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
2 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
2 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
3 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
3 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
3 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
3 ore

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
3 ore

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
Locarnese
3 ore

Muralto, la Sant’Andrea ha un nuovo presidente

La società di pesca sarà guidata da Giorgio Cossi, che subentra al compianto Ivan Pedrazzi
Locarnese
4 ore

Muralto, il moltiplicatore può scendere al 78%

Nell’ambito della discussione sui conti preventivi, la Commissione della gestione sostiene la riduzione della pressione fiscale
 
19.08.2021 - 05:300
Aggiornamento : 12:24

Arcabalena ai Ronchini di Aurigeno, obiettivo raggiunto

Bilancio positivo per la colonia che favorisce l’inclusione in un contesto pacifico, ludico e stimolante, ma soprattutto accessibile a tutti

«L’obiettivo dell’Arcabalena è di favorire l’inclusione di tutte e tutti in un contesto pacifico, ludico e stimolante», così Stefania Nessi, corresponsabile della colonia. Conclusosi lo scorso 2 agosto, il soggiorno per minorenni organizzato dall’Associazione ticinese di genitori e amici dei bambini bisognosi di educazione speciale (Atgabbes) ha ospitato per una settimana diciotto bambini e ragazzi, di cui nove con disabilità e altrettanti normodotati, ai Ronchini in Vallemaggia. Dal 1984, tra i numerosi progetti a sostegno delle famiglie portati avanti dall’Atgabbes, l’Arcabalena opera così verso l’inclusione di persone in situazione di handicap proponendo annualmente anche una settimana di colonia.

Inclusione prima che integrazione

Colonia che cerca appunto di essere «la più inclusiva e accogliente possibile prevedendo delle attività stimolanti e accessibili a tutti», ci dice Giacomo Clerici, anche corresponsabile dell’Arcabalena. Cosa si intende però con inclusivo? «Se l’integrazione si concentra sul singolo per poi occuparsi dell’ambiente esterno – spiega Mathias Hochstrasser, terzo corresponsabile –, l’inclusione punta ad adeguare le attività affinché siano fattibili anche per le persone che presentano delle difficoltà maggiori, il che può essere ad esempio implementato attraverso la collaborazione con i monitori o tra gli stessi partecipanti». Un obiettivo che sembra però essere ancora molto difficile da raggiungere nella vita di tutti i giorni, ma che secondo Mathias è del tutto praticabile in un piccolo gruppo.

Durante la settimana vengono organizzate diverse attività che si svolgono di norma al mattino, dopo pranzo e alla sera, e che variano tra creatività manuale e sfogo fisico. «Questi esercizi vengono scelti in base al tema centrale, deciso prima dell’inizio della colonia dai monitori e dai responsabili, che quest’anno – precisa Clerici – ruotava intorno al mondo magico di Harry Potter. Per quanto concerne il lavoro manuale, abbiamo proposto ai partecipanti di creare delle cravatte per le quattro ‘case di Hogwarts’ o di costruire la propria bacchetta magica andando a cercare un ramo nel bosco per poi decorarlo con della pittura. Le attività di sfogo si sono invece declinate tra balli di gruppo, giochi con la palla per rievocare il ‘quidditch’, ma anche teatrini che coinvolgessero tutti i ragazzi».

Tornando alla questione dell’inclusione, per i tre corresponsabili una delle attività proposte quest’anno che più ha soddisfatto questo criterio è stata un labirinto sensoriale ispirato al ‘Torneo Tremaghi’. «Abbiamo creato un percorso con sedie, panchine, tavoli e pouf, con l’aggiunta di ostacoli sensoriali, quali una piccola vasca di acqua e sapone dove immergere i piedi e una zona con degli stracci. I partecipanti, scalzi e bendati, dovevano attraversare il labirinto grazie alle indicazioni di un altro bambino o monitore, e il percorso poteva essere ripetuto più volte proprio per fare in modo che ognuno avesse la possibilità di essere guidato e di guidare», racconta Hochstrasser.

Una responsabilità condivisa

Si tratta quindi di attività coinvolgenti, accessibili a chiunque e che permettono una buona interazione fra tutti i partecipanti. Tant’è che un’altra particolarità dell’Arcabalena è quella di essere inclusiva anche tra gli animatori. Infatti, da qualche anno a questa parte, nel corpo monitori vi sono anche delle persone con disabilità. Stando ai tre corresponsabili, «questa collaborazione è molto preziosa perché gli aiuto monitori con disabilità danno il loro contributo nelle attività con i ragazzi, in cucina per la preparazione dei pasti e nella pianificazione della settimana di colonia. L’idea è nata grazie a un’ex partecipante disabile che ha fatto richiesta di poter prendere parte alla colonia come aiuto monitrice. Approfittando del fatto che stava completando la sua formazione come cuoca, le abbiamo proposto sia di lavorare in cucina, sia di contribuire all’organizzazione delle attività».

In ogni caso, diventare monitore all’Arcabalena è una scelta fatta su base volontaria e la voglia di mettersi in gioco costituisce un requisito centrale, ci spiega Nessi. «Il mondo del sociale – continua – è bello proprio perché chiunque, con o senza formazione, può condividere le proprie esperienze e insegnare qualcosa a tutti gli altri». In tal senso, «il nostro scopo principale – ci tiene a sottolineare in ultima battuta Clerici – è permettere a tutte e tutti di divertirsi e di partecipare attivamente alle attività proposte, cercando di rispondere ai bisogni di ogni persona».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved