ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
5 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
6 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
6 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
6 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
6 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
6 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
7 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
7 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
7 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
7 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
8 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
8 ore

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
Locarnese
8 ore

Karate, riconoscimento europeo per il 7° Dan Mario Campise

Già organizzatore del Campionato del mondo a Locarno e di due Wuko Day, ha avvicinato in modo decisivo la disciplina ai disabili
Tenero
07.08.2021 - 13:06

La ‘classe’ di Noè fa già scuola fra i giovanissimi

Molinari: ‘L’impresa olimpica di Ponti ha sicuramente dato al nuoto la spinta di cui ha bisogno per poter emergere e consolidarsi in Ticino e in Svizzera’

di Vittoria De Feo
la-classe-di-noe-fa-gia-scuola-fra-i-giovanissimi
Foto Nuoto sport Locarno
Seguendo le orme di Noè

«Quando era piccolo Noè si era fatto male a un’unghia della mano. Visto che voleva stare in acqua a tutti i costi, facevamo a turno nella piscina di casa tenendolo per un braccio per non fargli bagnare la ferita, in modo che potesse continuare a nuotare, o almeno a provarci». È un aneddoto di Barbara, mamma di due dei numerosi cugini e cuginetti del giovane nuotatore di Quartino appena tornato da Tokyo con un bronzo al collo. I bambini sono pronti a tuffarsi in acqua nonostante il maltempo dello scorso martedì per partecipare ai corsi estivi della Nuoto sport Locarno (Nsl).

Anche Anthea, monitrice ed ex compagna di squadra di Noè, ci tiene a raccontarci di quando nuotavano nello stesso gruppo. Rammenta infatti che ad allenamento è capitato in più di un’occasione che partissero dal bordo insieme, quindi in due corsie contigue, facendo lo stesso tempo. Peccato però, ci dice ridendo, che «io nuotavo a stile libero, mentre lui faceva i misti (la combinazione dei quattro stili natatori notoriamente più lenta rispetto alla stessa distanza nuotata a crawl, ndr) e spesso e volentieri arrivava in fondo prima lui».

Da quando sono iniziate le Olimpiadi, continua Barbara, «mia figlia continua a chiedere se è stata iscritta ai corsi invernali perché vorrebbe seguirne le orme. In ogni caso – scherza – la sua preoccupazione principale resta di sapere se anche lei riceverà il peluche Barry, spesso presente nelle foto con il cugino». Cugino che anche per gli altri bimbi iscritti ai corsi della Nsl al Centro sportivo di Tenero non è più uno sconosciuto, ma è ormai diventato una figura nota. Tant’è che, alla domanda ’Chi di voi conosce Noè Ponti?’, le manine che restano abbassate sono veramente poche e alcuni di loro, chi più timidamente chi meno, si spingono oltre non nascondendo di ambire perfino a una medaglia olimpica.

La medaglia di Noè come esempio per grandi e piccini

La corresponsabile dei corsi estivi della Nsl, anche lei ex compagna di squadra di Noè, conferma infatti che in molti, tra bambini e genitori, hanno seguito le gesta olimpiche del gambarognese. «Settimana scorsa – ci racconta Alessandra – ho guardato qui in piscina le qualificazioni dei 100 metri a delfino e alcuni genitori mi hanno chiesto di poter assistere insieme alla gara. Erano tutti molto emozionati e speranzosi che Noè riuscisse poi a vincere anche la medaglia».

In tal senso, l’auspicio è che l’interesse per il nuoto come disciplina sportiva aumenti globalmente qui in Ticino. Secondo Alessandra, «l’impresa di Noè ha sicuramente dato al nuoto – sport che in Svizzera viene generalmente messo un po’ in secondo piano rispetto al calcio, al tennis, all’hockey o allo sci – la spinta di cui ha bisogno per poter emergere e consolidarsi. Anche il fatto che tutto il Ticino si sia svegliato alle tre di notte per fargli il tifo – aggiunge –, è già di per sé un indicatore positivo di quanta gente si stia avvicinando a questo sport».

Se il terzo posto di Noè è stato un’emozione unica per chi l’ha visto crescere, nonostante resti ancora difficile da realizzare completamente, per Alessandra non è stata del tutto una sorpresa. In effetti, ricorda che «è sempre stato un ragazzino molto tenace: sin da piccolo ha puntato il suo obiettivo finché non ci è arrivato. In più, la motivazione e la determinazione sono due elementi centrali che, insieme al talento, lo porteranno lontano».

Passione e voglia di fare sacrifici

Tornando ai corsi di nuoto, Alessandra spiega che «la loro funzione primaria è quella di togliere ai bimbi la paura dell’acqua e di far nascere l’interesse per questo sport. In più, in una regione ricca di laghi e fiumi come la nostra è chiaramente importante imparare a nuotare, fattore che sicuramente è già alla base di molte iscrizioni, ma che, affiancato da un crescente entusiasmo alimentato dalle prestazioni di Noè, potrebbe spingere molti genitori e bambini a tentare questo percorso». Il nuoto di competizione arriva poi in un secondo tempo e qui, insiste Alessandra, «la passione è fondamentale per proseguire, unitamente alla predisposizione al sacrificio. Comprensibilmente, per uno sport come il nostro, che è prettamente individuale, la squadra conta senza dubbio molto. Nel mio caso, ma non solo, la Nsl è stata come una grande famiglia allargata».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved