e-morto-alvaro-mellini-precursore-e-passionario
Alvaro Mellini avrebbe compiuto 80 anni a dicembre
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
48 min

Lugano ha il suo nuovo vicecomandante, è Mauro Maggiulli

Il primo tenente, dal prossimo primo luglio, affiancherà Roberto Torrente andando ad assumere il grado di capitano
Mendrisiotto
2 ore

Torna a Chiasso l’appuntamento estivo Cinequartiere

Cinque proiezioni all’aperto in vari punti strategici della cittadina e a Pedrinate con pellicole di recentissima distribuzione
Mendrisiotto
2 ore

Dopo due anni ritorna a Bruzella la Sagra del formaggino

La festa inizierà alle 17 e si protrarrà per tutta la serata. Fra le novità un buon risotto con... formaggino
Mendrisiotto
2 ore

A Chiasso c’è da riconsiderare un’antenna: nessun permesso

Il Municipio disattende le indicazioni favorevoli del Dipartimento del territorio e rispedisce alla Swisscom la richiesta di licenza edilizia
Locarnese
3 ore

Verzasca, bocciofili in azione

A Sonogno si è disputa la gara ‘Lui e lei - Tüt è bom’. Il successo alla coppia Perozzi-Pelucca
Mendrisiotto
5 ore

Portò il figlio in Egitto senza consenso, pena ridotta

La Corte di appello e revisione penale ha riconosciuto il sincero pentimento a Salah Hassan, condannandolo a 180 aliquote sospese per due anni
Luganese
5 ore

Secondo tiro obbligatorio allo stand della Ressega

Fra le novità ottenendo un risultato minimo a entrambi è possibile conseguire la distinzione militare di tiro
Mendrisiotto
5 ore

Dalla Festa della Birra alla Sagra del Controfiletto

Sabato 9 luglio a Tremona. Il tradizionale e quest’anno doppio appuntamento si aprirà alle 19. Organizza la Società Filarmonica
Ticino
5 ore

Incidente sul Susten, due docenti le vittime

Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport attiva il sostegno psicologico per gli allievi e i colleghi delle due vittime
Locarnese
7 ore

Muralto Musika edizione 2022

Giovedì il primo dei tre appuntamenti della rassegna concertistica nella Collegiata di San Vittore
05.07.2021 - 17:51

È morto Alvaro Mellini, precursore e passionario

Cordoglio a Locarno per la sua scomparsa alla soglia degli 80 anni. Ha amato scuola, tennis, calcio e (non sempre) la politica

Il ricordo della figura di Alvaro Mellini quando congiunti e amici ne piangono la scomparsa alla soglia degli 80 anni non può allontanarsi dal luogo che Alvaro, lungamente, ha chiamato “casa”. Ovvero il Tennis club Locarno, con l'odore della terra rossa, gli amici che organizzano prima la partita e poi l'aperitivo; la passione di mettere a disposizione ore e competenze; la determinazione di rendere unico, nel suo piccolo, il “club house”. Mellini era il primo interprete di questa sensibilità fatta di cameratismo e generosità. Perchè proprio lì, al Tennis club, la generosità aveva fatto breccia, per la prima volta, nella vita dell'Alvaro ragazzo.

Ce lo aveva raccontato lui stesso nel novembre del 2019, al momento di lasciare per la terza volta la carica di presidente del sodalizio: correva l'anno 1952, alla morte del padre la mamma era rimasta con 6 figli da crescere. Lavorava, ma non poteva bastare. Provvidenziale era stato il “posto” di ”ball boy” che un conoscente aveva propiziato. «L'ambiente era esclusivo, al “club house” si parlava francese; ma mi sentivo protetto – aveva ricordato Alvaro Mellini – e in più guadagnavo qualche soldo». Se sono poi arrivati, da adulto, tre mandati da presidente; se sono stati realizzati i campi coperti alla Morettina; e se a fine anni '90 Mellini è stato il vero artefice del salvataggio finanziario del club muovendo con intelligenza tutte le pedine giuste su uno scacchiere finito di sghimbescio, ebbene, tutto ciò è riconducibile a questo: al bisogno di ripagare un debito con quell'ambiente che gli era così caro. Ed è un “saldato!”, quello esclamato con affetto dagli amici del tennis, che si è tradotto nella sacrosanta presidenza onoraria del sodalizio.

Uomo di idee e responsabilità Alvaro Mellini è stato anche ad altri livelli e in altri contesti. Quello della scuola, da direttore della Spai di Locarno per una vita, l'ha visto precursore del modello di scuola a blocchi, con una nuova e migliore omogeneità fra studio e lavoro per gli apprendisti. Poi c'era la politica, una passione vissuta negli anni '80 con l'impressione, spesso, di non essere al posto giusto laddove finte parevano certe pacche sulle spalle e troppo facili i cedimenti a compromessi di parte di molti colleghi, di partito e non. Il valore e il limite di Alvaro era nella necessità di essere sempre coerente con se stesso, con il rischio di incrinare determinati equilibri. Particolarmente significativo l'anno da primo cittadino di Locarno, come presidente del Consiglio comunale, nel 1985.

Ancora in ambito sportivo, un'altra grande passione è stata il calcio: da giocatore delle bianche casacche negli anni '60; da vicepresidente del Fc Locarno negli anni di Graziano Botta; e anche, lungamente, da “voce” dello Stadio Lido per la lettura delle formazioni e l'accompagnamento al pubblico durante le partite. In quel tono entusiasta che ci sembra di riascoltare oggi, con l'emozione tenuta a freno annunciando un gol del Beneamato, o i “tot-mila” spettatori che ancora premiavano le gesta dei bianchi, c'era l'incontro fra lo “speaker” ufficiale e il tifoso ebbro di gioia. Spesso, per distacco vinceva il secondo.

Alla moglie Elda e ai figli Davide e Marzio – nostro collega della redazione sportiva – vadano le più sincere condoglianze della “Regione”.

Leggi anche:

Alvaro Mellini, da 'ball-boy' a triplo presidente

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alvaro mellini calcio locarno politica tennis
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved