ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
3 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni, ma sempre pendente al Tram il ricorso dell’ex sindaco. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss
Luganese
20 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
20 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
1 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
Luganese
1 gior

Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%

Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
Locarnese
1 gior

Attive della Sfg Losone sugli scudi a Zugo e a Veyrier

Ginnastica, ottimi risultati delle ragazze locarnesi, impegnate oltre Gottardo in due gare di livello nazionale
gallery
Bellinzonese
1 gior

Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto

Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
04.07.2021 - 18:08

A2-A13, la bocciatura è 'frutto d'ideologismo pianificatorio?'

I deputati Plr in Gran Consiglio Speziali e Garzoli paventano 20 anni di traffico e colonne dopo il niet dell'Ustra alla 'bozza verde'

a2-a13-la-bocciatura-e-frutto-d-ideologismo-pianificatorio

"Si prospetta così un altro ventennio di traffico e colonne, producendo una situazione tutt'altro che ecologica e amica dell'ambiente, oltre che penalizzante per l'unico agglomerato in Svizzera non allacciato all'autostrada". Questa è la prospettiva ipotizzata e paventata nell'interrogazione "Collegamento A2-A13 nel duemilaecredici?", recentemente indirizzata al Consiglio di Stato dal presidente del Partito liberale radicale Alessandro Speziali, nonché deputato nel Legislativo cantonale, insieme al collega Giacomo Garzoli.

Gli autori dell'interrogazione reagiscono alla notizia dello scorso 1° luglio della bocciatura parziale da parte dell'Ufficio federale delle strade (Ustra) del progetto di collegamento veloce A2-A13, un asse viario sempre più saturo di veicoli (e probabilmente prossimo al collasso), con una serie di domande all'Esecutivo cantonale sulle criticità esposte dall'Ustra e sul suo ruolo nell'iter progettuale della 'bozza verde' di collegamento, elaborata dal Cantone e presentata anni fa alla Confederazione.

Perché l'Ustra non ha detto nulla prima?

Soprattutto, essendo l'Ustra coinvolto nella fase d'elaborazione, i deputati Plr chiedono se non abbia mai fatto emergere in sede progettuale le criticità poi pubblicate. Domandandosi quindi per quali ragioni tali considerazioni siano venute fuori solo in un secondo momento e se non siano, in parte, frutto di "ideologismo pianificatorio e ambientale". Chiedono perciò di chiarire le responsabilità, tenuto conto che il lavoro di elaborazione ha richiesto tempo e denaro. Ma non è finita qui. I deputati sollevano obiezioni circa le misure transitorie proposte dall'Ufficio delle strade: la rete semaforica, approvata dal Governo, ma respinta dalla popolazione a suo tempo. Una soluzione definita da Speziali e Garzoli "un cerotto a scapito di un'opera infrastrutturale vera".

'Inciampi e lungaggini frenano il progetto'

I due granconsiglieri non troppo velatamente temono che "inciampi e lungaggini siano un modo per rinviare o – ancor peggio – far franare un progetto di ben 1,5 miliardi di franchi", sospettando che qualcuno a Berna non voglia distribuire i soldi del Fostra (ovvero il Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato). Ci si chiede allora quali siano le reali volontà e disponibilità sul fronte federale e in che misura la Deputazione a Berna, unitamente al Governo cantonale, intenda sostenere gli interessi del Ticino.

A parere dell'Ustra e dell'Ufficio federale dell'ambiente (Ufam) alcuni spicchi di tracciato andrebbero ripensati, perché non tengono conto di normative, quali, ad esempio, la protezione di siti naturalistici. Ricordiamo che, in particolare, l'Ufam ha sollevato criticità riguardo all'attraversamento del Fiume Ticino, all'altezza delle Bolle di Magadino: le dimensioni del manufatto non rispetterebbero le norme di protezione che salvaguardano le zone palustri. "Un secondo veto – riporta l'atto parlamentare – è caduto sul comparto tra Cadenazzo e Camorino, in merito alla gestione del traffico in particolare durante il cantiere".

Che il Consiglio di Stato si faccia portavoce

Speziali e Garzoli chiedono al Consiglio di Stato di farsi portavoce presso Ustra al fine di trovare soluzioni adeguate, giacché la parziale bocciatura "ritarderà malauguratamente una volta ancora la realizzazione dell'opera, su cui si cominciò a votare già nel lontano 2007 con la cosiddetta 'variante 95'", riportano gli autori.

Una cosa ancora è certa: "Occorre dunque riprogettare soluzioni alternative, che chiederanno quindi ulteriori risorse di tempo e finanziarie, posticipando l’ipotetica messa in funzione del collegamento veloce non prima del 2040".

Leggi anche:

A2-A13, la ‘bozza verde’ impallinata da Berna

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved