a2-a13-la-bozza-verde-impallinata-da-berna
Il progetto per Quartino (foto Ti.ch)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Due laboratori per avvicinare le ragazze al digitale

È l’iniziativa promossa dal Politecnico federale di Losanna. Il primo appuntamento si è tenuto il 16 ottobre a Lugano.
Luganese
2 ore

Il patriziato di Lugano in assemblea

L’appuntamento è previsto a Palazzo dei congressi per giovedì 28 ottobre alle 17.45. Servirà un certificato covid.
Locarnese
2 ore

Adolescenza e comportamenti a rischio, una conferenza

Lunedì 25 ottobre alle Medie di Cevio si parla di prevenzione con l’Assemblea Genitori e l’Associazione Radix della Svizzera italiana
Ticino
2 ore

In Ticino 20 contagi, 2 persone in più in ospedale

Aumentano da 7 a 9 le persone ricoverate per Covid, di cui una ancora in cure intense
Locarnese
3 ore

Ascona-Brissago: automobilisti, armatevi di pazienza

Da oggi iniziano i lavori per accrescere la sicurezza del pendio soprastante la cantonale a Moscia. Gli interventi saranno svolti prevalentemente la notte
Video
Mendrisiotto
4 ore

Nebiopoli 2022 si farà con il certificato Covid

Discusso il piano di protezione che permetterà lo svolgimento della manifestazione dal 10 al 14 febbraio 2022
Locarnese
7 ore

Locarno, estetica solidale per i malati tumorali

Una nuova associazione no profit raccoglie fondi per rendere più accessibili i trattamenti contro alcuni effetti delle terapie farmacologiche
Locarnese
7 ore

Locarnese, 35 anni fa lo schianto sui monti di Mondovì

Nell’incidente aereo persero la vita 6 persone conosciute della regione. Il velivolo, decollato da Ascona e diretto in Spagna, perse la rotta nella nebbia
Luganese
7 ore

Autosilo di Carabbia, monta il malcontento dei residenti

Dopo il voto del legislativo, la soluzione della Città non piace ai promotori della petizione, né alla commissione di quartiere né ai mozionanti
Mendrisiotto
14 ore

‘Cresciuti fra i binari’, la vita ai Domus di Chiasso

Un libro racconta l’emozionante vissuto di chi ha abitato i tre palazzi accanto alla ferrovia ai margini della cittadina di confine di allora
Ticino
16 ore

Risanamento Ipct, i sindacati non esultano

Vpod e Ocst non osteggiano la soluzione di compromesso raggiunta in Gestione, ma fanno capire di preferire il finanziamento diretto
Ticino
16 ore

Impianti di risalita, il credito da 5,6 milioni scende in pista

Il Gran Consiglio dà luce verde al rapporto commissionale. Caprara (Plr): ‘Non è una cambiale in bianco, ci sono criteri da ottemperare’
Ticino
16 ore

Pareggio di bilancio agendo ‘prioritariamente’ sulla spesa

Il Gran Consiglio dà via libera all’iniziativa Udc emendata dalla proposta del Plr per rendere ‘meno rigido’ il testo. Sinistra sulle barricate
Luganese
17 ore

Torricella-Taverne, il Municipio torna alla collegialità

Dopo la polemica pubblica, la segnalazione agli Enti locali e il rimpasto dicasteriale, l’esecutivo torna sulla collegialità e sulla confidenzialità
Luganese
17 ore

Ha truffato il principe di Genova, condannato a 24 mesi

La sentenza è stata emessa dalla Corte delle Assise criminali di Lugano nei confronti di un 66enne che gli ha sottratto 817mila franchi
Ticino
17 ore

Covid Pass, cinque le multe in Ticino

Sono 531 i controlli effettuati dalla polizia da quando è entrato in vigore l’obbligo del certificato nella ristorazione
Bellinzonese
18 ore

Fc Lugano femminile, 50 anni di vita racchiusa in una mostra

A Vezia giovedì 21 ottobre si inaugura un’esposizione sulla storia della squadra e le sue protagoniste
Bellinzonese
18 ore

Ppd Giubiasco e Valle Morobbia in assemblea

Appuntamento per mercoledì 27 ottobre alle 20 all’Angolo d’Incontro
Locarnese
01.07.2021 - 19:090
Aggiornamento : 20:29

A2-A13, la ‘bozza verde’ impallinata da Berna

Ustra riconosce la bocciatura federale del progetto di allacciamento autostradale anticipato dal Cantone. Criticità molto serie e tempistica sempre più incerta

Ha tutta l'aria di una bocciatura, quella inflitta dall'Ustra al progetto “bozza verde” elaborato (e pagato) dal Cantone riguardo al collegamento autostradale A2-A13. Una bocciatura che si basa su diverse criticità non nuove, ma che il direttore di Ustra Ticino, Marco Fioroni, è tornato a sottolineare ai microfoni della Rsi. Di rimando, Claudio Zali, direttore del Dipartimento del territorio, non nasconde una certa delusione per questo ennesimo intervento da parte della Confederazione: «Di qualche obiezione al riguardo del progetto del Cantone ero venuto a conoscenza, ma solo parzialmente. Penso ad esempio alla delicata questione dell'attraversamento del fiume Ticino, zona critica dal punto di vista ambientale. Il ponte è comunque l'unica soluzione, altrimenti possiamo chiudere ogni discorso. A questo punto sarà necessario un confronto con Ustra sul piano politico. Da parte mia continuerò a difendere il nostro progetto, frutto di un lavoro condiviso con tutti gli attori del Piano, attenuatamene soppesato in tutte le sue componenti. E pure con Ustra, che ora lo contraddice. Volerlo stravolgere nei suoi contenuti significa aprire un vaso di Pandora. Ripeto, sarà importante tornare al tavolo delle discussioni. Stiamo parlando di un'opera indispensabile per il nostro cantone».

Il risultato è una tempistica che si allunga a dismisura, costi con ogni probabilità ulteriormente lievitati e, alla base, per il presente e il prossimo futuro, una situazione viaria sul Piano di Magadino che continuerà a essere irrisolta. In questo senso, fra le misure transitorie immaginate da Ustra per salvare il salvabile si parla dei semafori: una soluzione bocciata due anni fa in votazione popolare, che sembra dunque tornare prepotentemente in auge.

Le criticità riconosciute da Fioroni osservando il progetto elaborato dal Cantone – per altro con l'appoggio di Ustra – riguardano innanzitutto la zona palustre delle Bolle. In particolare, ha ricordato il direttore della filiale bellinzonese di Ustra, «nel dicembre del 2019 era giunto un preavviso dell'Ufficio federale dell'ambiente, secondo cui l'attraversamento della zona palustre delle Bolle così come previsto non è conforme alla legislazione vigente in materia di protezione delle zone palustri». Sostanzialmente diventa impensabile interrare circa mezzo chilometro di strada e a Ustra, unitamente a Cantone e Comuni, spetta il compito di trovare delle soluzioni alternative. Problemi sono stati riscontrati anche fra Cadenazzo a Camorino, dove il tema è far combaciare cantiere e gestione del traffico. Fra i diversi scenari in corso di valutazione v'è il prolungamento della galleria da Quartino direttamente fino allo svincolo di Camorino, senza passare sotto il rettifilo di Cadenazzo.

Tanto basta per indurre grossi interrogativi su ciò che può restare della “bozza verde”, ma soprattutto delle conseguenze pratiche che lo “stop” decretato da Berna avrà sui tempi e sui costi, precedentemente indicati in circa un miliardo e mezzo di franchi. Per quanto riguarda la tempistica, il via ai lavori già nel 2025 è diventato una chimera. Quanto all'apertura del tracciato, è credibile guardare a un “orizzonte 2040”. Fioroni ha inoltre rilevato che «mancano i finanziamenti. Bisogna trovare una soluzione progettuale e il parlamento dovrà esprimersi sulla priorità del progetto nel fondo di finanziamento delle strade nazionali Fostra».

Va ricordato che nell'agosto del 2019, rispondendo alle perplessità sollevate dai deputati parlamenti Nicola Pini e Fiorenzo Dadò, Ustra aveva relativizzato l'entità del bando di concorso per prestazioni in ingegneria pubblicato dallo stesso Ufficio federale delle strade per l'adeguamento del progetto ticinese. “Ripresa, verifica e allineamento del progetto sono uno step previsto”, era stato detto. Questo, malgrado i tempi di aggiornamento dello studio fossero stati indicati in un biennio, da aggiungere al triennio già trascorso in quel momento.

Caroni: “Notizia seccante”

Dura la reazione di Paolo Caroni, presidente della Commissione intercomunale dei trasporti (Cit) del Locarnese: «È una brutta notizia – afferma –. Ora bisognerà capire bene quali sono le motivazioni. Per quanto riguarda l'attraversamento della zona palustre, ritengo che bisognerebbe mettere sul piatto della bilancia anche altre esigenze. In generale, questi cambiamenti sono seccanti poiché la soluzione della “bozza verde” aveva messo tutti d'accordo ed era condivisa dalle diverse parti in causa. Senza dimenticare che era stata approvata dal Gran Consiglio». L'altolà genererà un ennesimo ritardo nella realizzazione che è in lista d'attesa da decenni: «Sta diventando pesante: siamo l'unico agglomerato in Svizzera a non avere un allacciamento degno alle strade nazionali. E resteremo ancora per un bel po' in questa situazione».

Intanto, si (ri)parla di semafori sul Piano

Non è tutto. Ustra starebbe appunto facendo più di un pensierino in direzione dei semafori quale soluzione giusta per meglio gestire il traffico sul Piano di Magadino in attesa della galleria. Una soluzione che giusta non era per la popolazione ticinese, che sul tema si era espressa in votazione nel maggio 2019, bocciandola sonoramente. «Sopravvivere per oltre 20 anni con l'infrastruttura attuale sarebbe un problema – ha concluso Fioroni –; siamo preoccupati per le continue colonne giornaliere e la soluzione semaforica è effettivamente una delle varianti che si stanno approfondendo».

«Ho sempre sostenuto quest'idea – commenta in proposito Caroni –. È quella che offre il miglior rapporto tra costi e benefici. Gli studi e i modelli eseguiti a suo tempo giungevano a conclusioni positive. A mio avviso va bene se l'Ustra ritorna su un progetto che potrà rendere il traffico più scorrevole».

Negli scorsi giorni Ustra aveva annunciato la prima riunione della rinnovata Commissione di accompagnamento politico del progetto. Oltre all’Ufficio federale delle strade, vi sono rappresentati Dipartimento del territorio, Commissioni intercomunali dei trasporti del Locarnese e Vallemaggia e del Bellinzonese, Comuni di Bellinzona, Sant’Antonino, Cadenazzo, Gambarogno e Locarno, Agrifutura, Unione contadini, Wwf Svizzera italiana, Automobile Club e del Touring Club svizzeri, nonché Fondazione Parco del Piano di Magadino.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved