ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
5 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
6 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
6 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
6 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
7 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
7 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
Ticino
7 ore

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
22.06.2021 - 16:13
Aggiornamento: 16:59

‘Caso Clemente’, Andrea Pagani va al Tribunale federale

Il procuratore generale ricorre a Losanna contro l'assoluzione dell'avvocato di Muralto dall'accusa di ripetuta appropriazione indebita qualificata

caso-clemente-andrea-pagani-va-al-tribunale-federale
Ti-Press
Pagani non ci sta

Il procuratore generale Andrea Pagani ha deciso di ricorrere al Tribunale federale contro la sentenza di assoluzione dell'avvocato Ignazio Maria Clemente. Quest'ultimo, in appello, era stato scagionato dall'accusa di ripetuta appropriazione indebita qualificata che in prima istanza, di fronte ad una Corte di Assise correzionali, gli era invece costata, nel febbraio del 2020, una condanna a 1 anno e 3 mesi di detenzione sospesi. La vicenda penale riguardava i soldi che il legale – difeso dal collega Diego Olgiati – aveva liberamente utilizzato benché fossero di una cliente, per la quale, prima che ella morisse, rogò il passaggio di proprietà di un rustico dal valore di circa 390mila franchi, poi depositati su un conto cliente. 

In Appello però le cose erano andate diversamente rispetto al primo processo, poiché la giudice Giovanna Roggero-Will aveva stabilito che gli elementi emersi in corso d’indagine “costituiscono una più che solida impalcatura che sostiene la versione dell’accordo” intervenuto fra l’imputato poi assolto e la sua benefattrice. “Il fatto che, nell’inchiesta (ma non solo, anche nella documentazione contenuta nell’incarto della cliente e prodotta agli atti), l’avvocato Clemente abbia oscillato, nel qualificare l’accordo intervenuto, fra la tesi della donazione, quella del prestito e quella del prestito con opzione di condono, non è atto nemmeno a scalfire quest’impalcatura – scriveva la Corte –. Non lo è poiché la qualifica giuridica dell’accordo non era di immediata definizione: vi erano elementi che andavano in un senso ed altri che andavano in un altro, nella misura in cui dagli atti qui discussi risulta che quando l’avvocato Clemente (la cui volontà era di chiedere un prestito) ha parlato di restituzione, la signora ha sorvolato, dando una risposta che poteva legittimamente lasciar intendere una sua rinuncia alla restituzione, e terminando con un’espressione (‘va bene così, è liquidato’) che non poteva che rafforzare, confermandolo, il senso di quel primo ‘non parliamo di questo’”, pronunciato dalla cliente. L’avvocato era dunque ampiamente legittimato a credere di avere carta bianca e l’accusa “non è riuscita a portare elementi atti a togliere valore indiziante ai numerosi e concordanti elementi che, insieme, sostengono la versione dell’avvocato Clemente”.

Una “soluzione”, quella adottata dalla presidente della Carp, che non ha evidentemente convinto l'accusa, rappresentata dal procuratore generale Andrea Pagani. Il quale, come detto, andrà fino a Losanna per far ripristinare una sentenza di condanna così come stabilito dalle Correzionali di Locarno.

Leggi anche:

Appropriazione indebita: assolto l'avvocato Clemente

Avvocato a processo per un prestito contestato

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved