caso-clemente-andrea-pagani-va-al-tribunale-federale
Ti-Press
Pagani non ci sta
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
19 min

Luci e Ombre, altri eventi e la copertura del ‘buco’ pandemico

L’Ente iniziative del Locarnese, in assemblea al Fevi, ha annunciato gli estremi della grande festa che torna dopo 2 anni, dal 7 al 9 luglio
Bellinzonese
26 min

A Giubiasco sarà costruita una centrale a biogas

L’impianto promosso da Amb e Ses permetterà di smaltire i rifiuti verdi e organici urbani producendo allo stesso tempo pregiata energia
Bellinzonese
50 min

Ritom, la funicolare riprende l’attività dopo la pausa invernale

Da sabato 21 maggio sarà di nuovo possibile raggiungere il comprensorio e i suoi innumerevoli laghetti alpini
Mendrisiotto
58 min

Mendrisio: Ata in assemblea, con dibattito su PoLuMe e Tir

L’evento è previsto domani sera alla Filanda e avrà come ospiti Maurizio Agustoni (Ppd) e Ivo Durisch (Ps). Modera Daniela Carugati.
Luganese
1 ora

Record per la Comano Run con oltre 500 partecipanti

La manifestazione podistica si è tenuta ieri e ha visto il trionfo di Ivan Boggini per gli uomini e Sara Solari per le donne
Ticino
1 ora

Coronavirus, 173 casi e un decesso da venerdì

Rispetto a lunedì della settimana scorsa si registra un calo dei test positivi e delle ospedalizzazioni
Bellinzonese
1 ora

Spettacolo dei liceali di Bellinzona al Teatro Sociale

Venerdì 20 e sabato 21 maggio alle 20.30 andrà in scena ‘Rinoceronte’ del drammaturgo Eugène Ionesco
Locarnese
2 ore

Il traguardo della Pro Monti: l’assemblea numero 100

Giovedì sul Piazzale delle Scuole un appuntamento di portata storica per l’associazione di quartiere di Locarno
22.06.2021 - 16:13
Aggiornamento : 16:59

‘Caso Clemente’, Andrea Pagani va al Tribunale federale

Il procuratore generale ricorre a Losanna contro l'assoluzione dell'avvocato di Muralto dall'accusa di ripetuta appropriazione indebita qualificata

Il procuratore generale Andrea Pagani ha deciso di ricorrere al Tribunale federale contro la sentenza di assoluzione dell'avvocato Ignazio Maria Clemente. Quest'ultimo, in appello, era stato scagionato dall'accusa di ripetuta appropriazione indebita qualificata che in prima istanza, di fronte ad una Corte di Assise correzionali, gli era invece costata, nel febbraio del 2020, una condanna a 1 anno e 3 mesi di detenzione sospesi. La vicenda penale riguardava i soldi che il legale – difeso dal collega Diego Olgiati – aveva liberamente utilizzato benché fossero di una cliente, per la quale, prima che ella morisse, rogò il passaggio di proprietà di un rustico dal valore di circa 390mila franchi, poi depositati su un conto cliente. 

In Appello però le cose erano andate diversamente rispetto al primo processo, poiché la giudice Giovanna Roggero-Will aveva stabilito che gli elementi emersi in corso d’indagine “costituiscono una più che solida impalcatura che sostiene la versione dell’accordo” intervenuto fra l’imputato poi assolto e la sua benefattrice. “Il fatto che, nell’inchiesta (ma non solo, anche nella documentazione contenuta nell’incarto della cliente e prodotta agli atti), l’avvocato Clemente abbia oscillato, nel qualificare l’accordo intervenuto, fra la tesi della donazione, quella del prestito e quella del prestito con opzione di condono, non è atto nemmeno a scalfire quest’impalcatura – scriveva la Corte –. Non lo è poiché la qualifica giuridica dell’accordo non era di immediata definizione: vi erano elementi che andavano in un senso ed altri che andavano in un altro, nella misura in cui dagli atti qui discussi risulta che quando l’avvocato Clemente (la cui volontà era di chiedere un prestito) ha parlato di restituzione, la signora ha sorvolato, dando una risposta che poteva legittimamente lasciar intendere una sua rinuncia alla restituzione, e terminando con un’espressione (‘va bene così, è liquidato’) che non poteva che rafforzare, confermandolo, il senso di quel primo ‘non parliamo di questo’”, pronunciato dalla cliente. L’avvocato era dunque ampiamente legittimato a credere di avere carta bianca e l’accusa “non è riuscita a portare elementi atti a togliere valore indiziante ai numerosi e concordanti elementi che, insieme, sostengono la versione dell’avvocato Clemente”.

Una “soluzione”, quella adottata dalla presidente della Carp, che non ha evidentemente convinto l'accusa, rappresentata dal procuratore generale Andrea Pagani. Il quale, come detto, andrà fino a Losanna per far ripristinare una sentenza di condanna così come stabilito dalle Correzionali di Locarno.

Leggi anche:

Appropriazione indebita: assolto l'avvocato Clemente

Avvocato a processo per un prestito contestato

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved