terre-di-pedemonte-ancora-citta-dell-energia
Ti-Press
Per Terre di Pedemonte una bella soddisfazione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 min

Torna il Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

L’Associazione MeTeOra annuncia che il prossimo appuntamento è in programma per mercoledì 2 febbraio
Luganese
17 min

Meditazione, silenzio e riflessioni al Convento del Bigorio

Nel mese di febbraio ci saranno tre appuntamenti. Il primo è dedicato a un aspetto della figura di S. Francesco d’Assisi
Bellinzonese
23 min

Italia, multata l’azienda che aveva chiesto foto in costume

La multa per l’annuncio di lavoro di una società di Napoli che cercava una receptionist è stata inflitta dall’Ispettorato nazionale del lavoro
Locarnese
1 ora

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
1 ora

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
1 ora

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
1 ora

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
1 ora

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
2 ore

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
Ticino
2 ore

Torna la processionaria: come riconoscerla e come proteggersi

Osservati i primi nidi della farfalla le cui larve danneggiano gli alberi e possono causare infiammazioni cutanee e allergie a persone e animali
Locarnese
2 ore

Gordola, oltre 750 firme contro il ‘mastodonte’ alle Campagne

Abitanti preoccupati per l’inserimento del progetto immobiliare da circa 30 milioni. “Urge soluzione confacente, il Municipio faccia da mediatore”
Luganese
2 ore

Porto galleggiante contestato a Melide

Partita la raccolta di firme contro la variante pianificatoria votata ad ampia maggioranza dal Consiglio comunale nell’ultima seduta del 2021
Bellinzonese
3 ore

Danni del nubifragio, ‘nessuna responsabilità del Municipio’

L’esecutivo di Lumino risponde all’interrogazione Plr rispedendo al mittente ‘insinuazioni e speculazioni’ sull’alluvione del 7 agosto
Mendrisiotto
3 ore

Il Gran consiglio è con India e lancia ‘un messaggio forte’

Deputati compatti, tranne sui banchi della Lega (che si astiene). Critiche alla legge e all’attitudine del Cantone. Ma Gobbi non ci sta
16.06.2021 - 17:190

Terre di Pedemonte ancora Città dell'Energia

La Commissione nazionale del label ha confermato al Comune locarnese la sua certificazione, detenuta dal 2017

a cura de laRegione

In occasione della sua seduta del 15 giugno 2021, dopo aver esaminato il relativo dossier, la Commissione nazionale del label dell’Associazione Città dell’energia ha riconfermato al Comune di Terre di Pedemonte lo stato di Città dell’energia anche per i prossimi quattro anni. In presenza dei rappresentanti comunali di riferimento, di un auditore attivo a livello nazionale e di una rappresentante dell’Ufficio aria clima ed energie rinnovabili del Dipartimento cantonale del territorio, l’audit di certificazione svolto lo scorso 15 aprile ha permesso di riconfermare brillantemente il marchio Città dell’energia, che il Comune di Terre di Pedemonte detiene dal 2017. Il buon risultato ottenuto è la conseguenza di una politica energetica e climatica regolare e attenta in favore dell’efficienza energetica, della valorizzazione delle fonti rinnovabili e
della riduzione delle emissioni di gas serra.

Alla base delle numerose attività implementate dal Comune nel corso degli anni vi è il Piano energetico comunale (PECo), allestito e formalmente adottato nel 2015, che definisce una strategia e un piano d’azione volti al raggiungimento degli obiettivi qualitativi e quantitativi stabiliti dal Comune. Obiettivi che, con il preavviso favorevole della Commissione municipale dell’energia e rapportati alla dimensione comunale, sono stati recentemente aggiornati e allineati a quelli stabiliti a livello federale dalla Strategia energetica 2050 e dalla Società a 2000 Watt.

Proprio in questi giorni Terre di Pedemonte ha fatto aggiornare il bilancio energetico e delle emissioni di CO² per il proprio comprensorio: rispetto al 2014 nella maggior parte dei settori si nota un netto miglioramento. Dal rapporto emerge ad esempio che i consumi di calore sono diminuiti del 6%, che la quota parte di calore prodotta con fonti rinnovabili è passata dal 18 al 25%, che la produzione di calore da rinnovabili è aumentata del 35% e che il consumo di olio combustibile è sceso del 14%. Oppure ancora che la potenza di fotovoltaico installata è triplicata e che c’è stato un aumento del 33% dell’elettricità usata per veicoli elettrici, di fronte ad una diminuzione del numero di veicoli immatricolati funzionanti a benzina o a diesel. Tramite il bilancio energetico aggiornato si è calcolato che complessivamente nel Comune di Terre di Pedemonte le emissioni di CO² sono scese del 22,6%. In pratica, tali emissioni sono scese in 5 anni da 5,6 a 4,3 tonnellate di CO² equivalente per persona e per anno, a fronte di una media svizzera di 5,9 tonnellate. Questi risultati confermano la validità e l’efficacia dell’impegno del Comune nel percorso di riduzione stabilito verso una maggiore sostenibilità energetica e climatica, che si riflette anche nelle misure adottate dai privati.

Oltre alla pianificazione energetica, nell’ambito di Città dell’energia sono molte le tematiche affrontate: dagli edifici e infrastrutture comunali alla gestione dei rifiuti, dalle varie forme di mobilità alle attività di informazione, incentivazione e sensibilizzazione. Proprio per quanto riguarda gli immobili comunali, Terre di Pedemonte si distingue per un approccio esemplare. Infatti, nel 2017, il Municipio ha dichiarato il proprio impegno nel voler intervenire rispettando criteri energetici più severi rispetto a quanto imposto dalla legge (standard Minergie). In quest’ottica, rientrano la costruzione della scuola elementare di Tegna, prima scuola certificata Minergie-A della Svizzera, e il progetto previsto per la nuova palestra di Verscio. La gestione dei consumi di tutti gli edifici comunali è regolarmente monitorata attraverso una contabilità energetica che, assieme ad analisi mirate, funge da base per eventuali interventi di ammodernamento.

Un altro importante tassello della politica ambientale è stata la recente riorganizzazione della gestione dei rifiuti che, tra le altre cose, prevede ora la possibilità di raccogliere separatamente le plastiche domestiche e le piante neofite invasive. La prevista nuova passerella ciclopedonale tra Tegna e Verscio, il progetto partecipativo “Strade di quartiere” per la campagna di Verscio, la pedonalizzazione delle piazze e l’ampliamento della rete Bike Sharing del Locarnese sono alcune delle principali attività che mirano a migliorare gli spostamenti interni al Comune, prediligendo il concetto di mobilità lenta.

Il successo delle attività di politica energetica e climatica passa indubbiamente anche attraverso il coinvolgimento attivo della popolazione e dei giovani. In quest’ottica, continuerà a rimanere a disposizione di tutti gli interessati lo “Sportello energia” comunale, che offre ad un prezzo di favore una prima consulenza neutrale su temi quali efficienza energetica, sostenibilità e fonti rinnovabili. Analogamente a quanto fatto fino ad ora, il Comune intende continuare a sensibilizzare la popolazione attraverso serate informative, eventi mirati e comunicati. Per il futuro, si valuta l’introduzione di ulteriori incentivi in ambito energetico e climatico che, in aggiunta agli aiuti già disponibili a livello cantonale e federale, ci si augura potranno velocizzare il raggiungimento degli obiettivi stabiliti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved