ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
14 min

Incidente sul viadotto del Ceneri, disagi sulla A2

L’incidente si è verificato poco dopo la galleria, sull’asse di percorrenza sud-nord, provocando la momentanea chiusura della corsia di destra
Luganese
28 min

Piscina di Carona, snellito il progetto di rilancio

Abbattuti i costi, razionalizzato l’intervento ma restano l’intenzione dell’autorità di rivalutare il comparto e le perplessità dei critici
Ticino
4 ore

Parità per l’età Avs? ‘Allora parità in tutti gli ambiti’

Secondo i contrari alla riforma avallata per pochi voti, ora è ancora più urgente combattere le disuguaglianze di genere. ‘Il no del Ticino è un segnale’
Ticino
4 ore

Giovani nei partiti, tra ‘buone alleanze’ e ‘spine nel fianco’

Parola ai responsabili dei movimenti politici giovanili: i temi, i rapporti con gli schieramenti di riferimento, come intercettano le nuove generazioni
Bellinzonese
4 ore

Val d’Ambra 2, Pro Natura ribadisce il proprio ‘niet’

L’associazione ambientalista sempre contraria a un secondo bacino in Bassa Leventina, rispolverato da alcuni parlamentari vista la penuria energetica
Locarnese
4 ore

Hotel Arcadia, ‘il malessere è reale’: cade la Direzione

Confermato dall’audit dell’Ispettorato del lavoro il profondo disagio in albergo per i metodi di conduzione. Inevitabili i provvedimenti della casa madre
Luganese
11 ore

Lugano, scontro tra un automobilista e un motociclista

Ad avere la peggio il secondo, un 47enne che ha riportato ferite di media gravità. È successo a inizio serata in via Ciani
Luganese
12 ore

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
13 ore

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Mendrisiotto
13 ore

Servizio idrico, c’è il sigillo degli Enti locali

Via libera della Sezione alle fondamenta del Consorzio che vede unire le forze del Basso Mendrisiotto
Luganese
13 ore

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
14 ore

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
15 ore

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
15 ore

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
Luganese
16 ore

Lugano, chiusure viarie per la ‘Ladies run’

La tratta del lungolago verrà sbarrata alle auto dalle 9 alle 16, dalla rotonda del Lac fino a piazza Castello. Lo stesso per la zona di Riva Caccia.
16.06.2021 - 16:38
Aggiornamento: 19:36

Monna Lisa, da ex postribolo a macerie dal futuro incerto

Contone, distrutto da un incendio il motel abbandonato. È fuori zona edificabile e per il Pr può essere solo albergo

monna-lisa-da-ex-postribolo-a-macerie-dal-futuro-incerto
Raso al suolo dalle fiamme (Ti-Press)

Ieri sera qualcosa è andato storto nel corso dell'esercitazione militare prevista in una zona nei pressi dell'ex postribolo Monnalisa, sulla falde del Monte Ceneri. Poco prima delle 22 un violento incendio è divampato nella parte a nord dell'edificio. Le fiamme, segnala la Polizia cantonale, si sono sviluppate “nel contesto di un'esercitazione militare”. A quanto ci risulta, l'esercitazione delle forze speciali si stava svolgendo nel comparto del motel, che è una proprietà privata.

Il rogo si è sviluppato in tarda serata. Le fiamme hanno avvolto in breve tempo un'intera ala dello stabile, andando a lambire anche il bosco accanto. Impressionanti le alte lingue di fuoco e la colonna di fumo, visibili a grande distanza. Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale e, in supporto, della Polizia militare e della Polizia della Città di Bellinzona, per il disciplinamento del traffico: la vecchia strada del Monte Ceneri è stata chiusa per diverse ore al traffico in entrambe le direzione, sia per permettere le operazioni di spegnimento, sia per questioni legate alla sicurezza. Per arginare le fiamme sono accorsi i pompieri di Cadenazzo e di Bellinzona, un'autobotte militare e i pompieri delle Ffs con il treno di spegnimento. Le operazioni per domare l'incendio e per mettere in sicurezza l'area si sono concluse poco dopo le 2 di notte. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito né intossicato, ma i danni alle costruzioni – ormai dismesse, vetuste e fatiscenti – sono ingenti. Le fiamme – indica la Polizia – hanno intaccato buona parte dello stabile, interessando parzialmente anche un edificio adiacente e la vicina area boschiva.

Ora si tratterà di capire la dinamica dei fatti e ricostruire l'accaduto, per determinare anche eventuali responsabilità. Un compito affidato all'inchiesta che è coordinata dalla Giustizia militare; ma c'è da supporre che la stessa Giustizia militare chiederà collaborazione alla Polizia cantonale che per affrontare casi come questi ha maggiori strumenti e competenze.

Ex postribolo venduto all'asta nel 2019

Il Monnalisa di Contone (Gambarogno) è stato motel, poi postribolo. Da anni è in stato di abbandono. Una storia travagliata quella del complesso formato da due stabili adiacenti. Nel febbraio del 2019 era stato venduto all'asta e se lo era aggiudicato per 775mila franchi la banca che sul motel deteneva la maggiore ipoteca. L'istituto di credito da subito aveva annunciato la volontà di rivendere stabili e terreno.

“Hotel” è l'unica destinazione possibile

La presenza del ritrovo a luci rosse sulle pendici del Ceneri è stata al centro delle cronache per anni, tra prostituzione e condanna dei titolari – finiti nelle retate dell'operazione denominata “Domino” – per diversi reati (tra cui usura aggravata, poiché applicavano per le lucciole canoni d’affitto giornalieri fra i 130 e i 180 franchi). Attorno al 2017 vi fu persino un tentativo (andato a vuoto) di riaprire con regolare licenza edilizia per l'esercizio della prostituzione.
Il Monnalisa, chiuso da oltre 7 anni, è una tipica costruzione progettata e strutturata come motel, ampliata in diverse fasi: una trentina di posteggi, 23 camere da letto, bar e ristorante. L’edificio occupa una superficie di 760 metri quadrati, ai quali vanno aggiunti oltre 2'100 metri quadrati di terreno (posteggi, viale d’accesso, terrazze, prato e bosco). La parcella, indica il Piano regolatore del Comune di Gambarogno, si trova al di fuori della zona edificabile e l’unica destinazione possibile, concessa dalle normative edilizie, è quella di hotel. Attualmente, per quanto è dato di sapere, edifici e giardino appartengono ancora alla banca che li aveva acquistato all'asta.

Il vecchio stabile, abbandonato e ora ridotto a un cumulo di macerie, non è certo un bel biglietto da visita per chi percorre la strada cantonale del Ceneri. Come trovare delle soluzioni? «Non sappiamo cosa succederà – risponde il sindaco di Gambarogno, Gianluigi Della Santa –. L'altra sera sono passato poco lontano da lì proprio mentre divampava l'incendio. Uno spettacolo terrificante con fiamme altissime. Impressionante davvero. Il terreno si trova in zona non edificabile ed era stato assegnato a Piano regolatore quale zona per albergo. In altre parole, il proprietario ha una sola e unica possibilità: ricostruire il motel e adibirlo a scopo turistico. Non ci sono possibili alternative».

Demolizione e sgombero?

Al Comune, in tal senso, non è però mai giunto nessun progetto. Resta aperta la questione di un eventuale risarcimento pecuniario da parte dell'assicurazione anti incendio sullo stabile (che comunque non è obbligatoria e quindi potrebbe non essere stata stipulata) o da parte dei responsabili del rogo. Ma non è difficile immaginare che le macerie incenerite restino sul posto per lungo tempo. «Effettivamente – commenta Della Santa – il rischio c'è, ma speriamo che i nostri timori si rivelino infondati».

Le autorità possono intervenire d'ufficio e adottare provvedimenti? «Lo possiamo fare nel caso di evidenti problemi di sicurezza. A quel momento esiste la possibilità d'intervenire con lo sgombero e con una demolizione, richiedendo poi al proprietario di pagare le spese. Un discorso che comunque non abbiamo ancora affrontato ma che, secondo me, dovremo discutere a breve».

Leggi anche:

Violento incendio all'ex Monna Lisa di Contone

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved