NJ Devils
1
CHI Blackhawks
0
1. tempo
(1-0)
PHI Flyers
1
VAN Canucks
0
1. tempo
(1-0)
monna-lisa-da-ex-postribolo-a-macerie-dal-futuro-incerto
Raso al suolo dalle fiamme (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
6 ore

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
7 ore

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
7 ore

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
7 ore

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
7 ore

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
7 ore

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
7 ore

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Luganese
7 ore

Villa Heleneum, ‘la proposta stimolerà esperienze nuove’

Il Municipio risponde agli interrogativi posti da Aurelio Sargenti (Ps-Pc) sul futuro dell’edificio di Castagnola, che ospiterà il museo Bally
Bellinzonese
8 ore

Cinque storie d’emozione, domani la presentazione a Bellinzona

Sarà l’occasione per scoprire il libro raccontato e scritto da 9 bambini delle scuole di Contone e Monte Carasso
Ticino
8 ore

Ecco dove saranno i radar settimana prossima

I controlli mobili toccheranno sette distretti ticinesi
Ticino
8 ore

I 40 anni da sindacalista di Ambrosetti in un libro

Vania Alleva (Unia): ‘I liberisti criticano il nostro patrimonio, ma in realtà vogliono attaccare i Ccl’
Mendrisiotto
8 ore

I bambini sono pronti ad andare a scuola a piedi

Un progetto pilota della Supsi nelle scuole di tre comuni rivela la voglia dei piccoli utenti di cambiare mobilità. Convinti anche i genitori
Mendrisiotto
9 ore

‘La Città dia vita a MendrisioNetwork’

Tre consiglieri Lega-Udc-Udf lanciano la proposta nel solco dell’esperienza luganese a favore delle persone in cerca di lavoro
Luganese
9 ore

Lugano ‘non può ospitare persone in fuga da crisi politiche’

In relazione all’emergenza afghana, il Municipio ‘assicura la collaborazione con il Cantone nei limiti concessi dalla Legge sull’asilo’
Locarnese
16.06.2021 - 16:380
Aggiornamento : 19:36

Monna Lisa, da ex postribolo a macerie dal futuro incerto

Contone, distrutto da un incendio il motel abbandonato. È fuori zona edificabile e per il Pr può essere solo albergo

Ieri sera qualcosa è andato storto nel corso dell'esercitazione militare prevista in una zona nei pressi dell'ex postribolo Monnalisa, sulla falde del Monte Ceneri. Poco prima delle 22 un violento incendio è divampato nella parte a nord dell'edificio. Le fiamme, segnala la Polizia cantonale, si sono sviluppate “nel contesto di un'esercitazione militare”. A quanto ci risulta, l'esercitazione delle forze speciali si stava svolgendo nel comparto del motel, che è una proprietà privata.

Il rogo si è sviluppato in tarda serata. Le fiamme hanno avvolto in breve tempo un'intera ala dello stabile, andando a lambire anche il bosco accanto. Impressionanti le alte lingue di fuoco e la colonna di fumo, visibili a grande distanza. Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale e, in supporto, della Polizia militare e della Polizia della Città di Bellinzona, per il disciplinamento del traffico: la vecchia strada del Monte Ceneri è stata chiusa per diverse ore al traffico in entrambe le direzione, sia per permettere le operazioni di spegnimento, sia per questioni legate alla sicurezza. Per arginare le fiamme sono accorsi i pompieri di Cadenazzo e di Bellinzona, un'autobotte militare e i pompieri delle Ffs con il treno di spegnimento. Le operazioni per domare l'incendio e per mettere in sicurezza l'area si sono concluse poco dopo le 2 di notte. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito né intossicato, ma i danni alle costruzioni – ormai dismesse, vetuste e fatiscenti – sono ingenti. Le fiamme – indica la Polizia – hanno intaccato buona parte dello stabile, interessando parzialmente anche un edificio adiacente e la vicina area boschiva.

Ora si tratterà di capire la dinamica dei fatti e ricostruire l'accaduto, per determinare anche eventuali responsabilità. Un compito affidato all'inchiesta che è coordinata dalla Giustizia militare; ma c'è da supporre che la stessa Giustizia militare chiederà collaborazione alla Polizia cantonale che per affrontare casi come questi ha maggiori strumenti e competenze.

Ex postribolo venduto all'asta nel 2019

Il Monnalisa di Contone (Gambarogno) è stato motel, poi postribolo. Da anni è in stato di abbandono. Una storia travagliata quella del complesso formato da due stabili adiacenti. Nel febbraio del 2019 era stato venduto all'asta e se lo era aggiudicato per 775mila franchi la banca che sul motel deteneva la maggiore ipoteca. L'istituto di credito da subito aveva annunciato la volontà di rivendere stabili e terreno.

“Hotel” è l'unica destinazione possibile

La presenza del ritrovo a luci rosse sulle pendici del Ceneri è stata al centro delle cronache per anni, tra prostituzione e condanna dei titolari – finiti nelle retate dell'operazione denominata “Domino” – per diversi reati (tra cui usura aggravata, poiché applicavano per le lucciole canoni d’affitto giornalieri fra i 130 e i 180 franchi). Attorno al 2017 vi fu persino un tentativo (andato a vuoto) di riaprire con regolare licenza edilizia per l'esercizio della prostituzione.
Il Monnalisa, chiuso da oltre 7 anni, è una tipica costruzione progettata e strutturata come motel, ampliata in diverse fasi: una trentina di posteggi, 23 camere da letto, bar e ristorante. L’edificio occupa una superficie di 760 metri quadrati, ai quali vanno aggiunti oltre 2'100 metri quadrati di terreno (posteggi, viale d’accesso, terrazze, prato e bosco). La parcella, indica il Piano regolatore del Comune di Gambarogno, si trova al di fuori della zona edificabile e l’unica destinazione possibile, concessa dalle normative edilizie, è quella di hotel. Attualmente, per quanto è dato di sapere, edifici e giardino appartengono ancora alla banca che li aveva acquistato all'asta.

Il vecchio stabile, abbandonato e ora ridotto a un cumulo di macerie, non è certo un bel biglietto da visita per chi percorre la strada cantonale del Ceneri. Come trovare delle soluzioni? «Non sappiamo cosa succederà – risponde il sindaco di Gambarogno, Gianluigi Della Santa –. L'altra sera sono passato poco lontano da lì proprio mentre divampava l'incendio. Uno spettacolo terrificante con fiamme altissime. Impressionante davvero. Il terreno si trova in zona non edificabile ed era stato assegnato a Piano regolatore quale zona per albergo. In altre parole, il proprietario ha una sola e unica possibilità: ricostruire il motel e adibirlo a scopo turistico. Non ci sono possibili alternative».

Demolizione e sgombero?

Al Comune, in tal senso, non è però mai giunto nessun progetto. Resta aperta la questione di un eventuale risarcimento pecuniario da parte dell'assicurazione anti incendio sullo stabile (che comunque non è obbligatoria e quindi potrebbe non essere stata stipulata) o da parte dei responsabili del rogo. Ma non è difficile immaginare che le macerie incenerite restino sul posto per lungo tempo. «Effettivamente – commenta Della Santa – il rischio c'è, ma speriamo che i nostri timori si rivelino infondati».

Le autorità possono intervenire d'ufficio e adottare provvedimenti? «Lo possiamo fare nel caso di evidenti problemi di sicurezza. A quel momento esiste la possibilità d'intervenire con lo sgombero e con una demolizione, richiedendo poi al proprietario di pagare le spese. Un discorso che comunque non abbiamo ancora affrontato ma che, secondo me, dovremo discutere a breve».

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved