gordola-se-il-legislativo-ordina-il-municipio-esegua
Ti-Press
Nel 2016, festa per la certificazione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
27 min

Galleria del San Gottardo chiusa causa incidente

Giornata particolarmente ‘calda’ sulla A2: oltre ai disagi sull’asse sud-nord nel Sottoceneri, anche a nord sono da mettere in conto problemi viari
Gallery
Luganese
1 ora

Incidente con feriti all’altezza di Collina d’Oro. A2 in tilt

Urto fra un’auto e un camioncino poco dopo la galleria. In direzione nord code fino a Mendrisio
Ticino
1 ora

Lettura, un problema per quasi un quindicenne su cinque

L’Associzaione leggere e scrivere: il nostro cantone supera comunque la media svizzera e si situa in quella dei paesi più performanti
Ticino
2 ore

Giornate da ‘bollino rosso’ in arrivo sulle strade ticinesi

Ascensione, Pentecoste e Corpus Domini porteranno con sé un considerevole aumento del traffico sulla rete viaria cantonale
Bellinzonese
3 ore

Giubiasco, Piazza Grande sarà presto zona d’incontro a 20 km/h

Il progetto è in pubblicazione al Dicastero territorio e mobilità a Sementina. Il 16 settembre prevista una festa di inaugurazione
Ticino
3 ore

Contagi, ospedalizzati e pazienti in cure intensive in calo

Buone nuove nelle ultime 24 ore sul fronte coronavirus in Ticino. Dove per il terzo giorno consecutivo non si registrano decessi
Luganese
4 ore

‘La massa critica per riportare i tifosi a Cornaredo c’è’

Con Roberto Badaracco, vicesindaco di Lugano, ripercorriamo le vicissitudini che hanno caratterizzato l’ultimo anno dell’Fc Lugano
Bellinzonese
5 ore

Il Social Truck cerca nuovi partner per aiutare ancora i giovani

Il servizio offerto ai ragazzi di Bellinzona necessita di nuovi fondi visto che a settembre finiranno i sussidi della Confederazione
Gallery
Locarnese
5 ore

Violento incendio in un appartamento in via San Jorio

Vasto dispiegamento di pompieri a Locarno: palazzina evacuata. Due persone intossicate e un ferito portati all’ospedale per le cure del caso
Locarnese
8 ore

‘Non rissa, ma aggressione. Dobbiamo dire basta tutti insieme’

Festa liceale interrotta, parla la vittima: ‘Quei violenti venivano da fuori. Cercavano solo un pretesto per attaccar briga. Le istituzioni reagiscano’
Ticino
8 ore

Un Arcobaleno per ogni deputato? ‘Il santo non vale la candela’

L’iniziativa di Ermotti-Lepori e Berardi (Ppd) per favorire l’uso del trasporto pubblico non convince a Commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’
Ticino
8 ore

‘Chi propone la polizia unica non conosce la realtà ticinese’

Felice Dafond, Associazione dei comuni: non ci sono motivi per rivedere l’organizzazione attuale, le polcom garantiscono la sicurezza di prossimità
Grigioni
16 ore

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Mendrisiotto
17 ore

Eventi a Mendrisio, la Lista civica vuole la distinta

Il gruppo interroga la Città in nome della trasparenza. Alla lente società e contributi a fronte dell’ipotesi di tagliare mezzo milione
Ticino
18 ore

Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’

Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
18 ore

Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari

La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
laR
 
17.06.2021 - 05:20
Aggiornamento : 17:17

Gordola, ‘se il legislativo ordina, il Municipio esegua’

Importante sentenza del Consiglio di Stato in merito all'uscita da ‘Città dell'Energia’ decisa dall'esecutivo nonostante il parere opposto del Consiglio comunale

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Da una parte Gordola torna a essere fra i Comuni virtuosi «che promuovono politiche energetiche e climatiche sostenibili e all’avanguardia». Dall’altra, il Municipio deve prendere atto di «aver agito al di fuori dei suoi poteri, e dovrà in futuro attenersi alle scelte politiche del Consiglio comunale, rispettandole». Ha questi due risvolti, la sentenza del Consiglio di Stato riguardante la vertenza della non ricertificazione come Città dell’Energia decisa dal Municipio di Gordola malgrado il parere opposto del suo Consiglio comunale. Ad esprimere il concetto è Gabriele Balestra (Plr e Verdi liberali), consigliere comunale che a nome del gruppo Plr aveva ricorso al governo contro la decisione municipale di abbandonare l’impegno della ricertificazione per il mantenimento del label.

La mozione del 2011

L’adesione al progetto Città dell’Energia parte da lontano: dall’approvazione in legislativo di una mozione del 2011 (preavvisata favorevolmente dallo stesso Municipio) poi sfociata nell’entrata di Gordola nell’Associazione Città dell’Energia. Questo, fino ai preventivi 2019, dove l’esecutivo chiedeva di non più procedere alla ricertificazione per il label, evitando di inserire l’importo necessario allo scopo e chiamandosi di fatto fuori dall’Associazione. Su queste basi il Plr aveva presentato un emendamento ai conti che chiedeva di inserire 5'000 franchi per ricertificarsi; emandamento che il Consiglio comunale aveva approvato a larga maggioranza (16 sì, 4 no e 7 astenuti). Così il tema era tornato in Municipio (27 maggio 2019), che aveva però deciso di rimanere sulle sue posizioni, ritenendo che non ci fossero più i presupposti per l’ottenimento della certificazione. Pubblicata all’albo comunale, la decisione non era piaciuta a molti consiglieri, e in particolare a Gabriele Balestra, che per conto del Plr aveva appunto ricorso al Consiglio di Stato chiedendo in via principale la nullità della decisione e in via subordinata il suo annullamento, con conseguente reintegro dei 5'000 franchi e l’obbligo municipale di dare seguito all’iter per mantenere la certificazione, così come statuito dal Consiglio comunale.

Il Municipio: ‘Decisione ben ponderata’

A settembre, prendendo posizione sul ricorso, il Municipio riteneva di avere un potere di apprezzamento nel decidere se impiegare o meno quanto previsto a preventivo, “se questo non porta al conseguimento dell’obiettivo, rispettivamente che la motivazione a supporto di questa scelta è frutto di un’attenta analisi delle possibilità di riqualifica in base a quanto fatto negli ultimi tre anni, dove a parte la vendita sporadica di lampadine e prese elettriche da parte dell’Ufficio tecnico, per ragioni di contingente, poca attenzione e priorità è stata data al tema energetico” (la formulazione è riportata dal governo nella sua sentenza). L’esecutivo aggiungeva che voleva stabilire altre priorità (ad esempio il rinnovamento della maggior parte degli stabili comunali) ma anche che il label era stato raggiunto con il 55,9% del punteggio massimo possibile, quindi senza particolari squilli. In sede di duplica aveva considerato che la decisione di rinunciare alla certificazione ”era stata ponderata bene, non soltanto per evitare uno spreco di denaro pubblico per un mandato che non avrebbe successo, ma anche per opportunità e credibilità politica a fronte del tema ambientale”.

Secondo il governo, l’agire del Municipio “non può essere tutelato” poiché “quanto risolto di non procedere con la ricertificazione disattende il disposto della Loc” secondo cui il Municipio propone, esegue o fa eseguire le risoluzioni dell’Assemblea o del Consiglio comunale. Nel caso di Gordola, il volere del Consiglio comunale era stato chiaramente espresso quale “frutto della volontà politica di provare a raggiungere questa certificazione che lo stesso Comune aveva per altro già ottenuto nel 2015, volontà che il Municipio di Gordola non poteva ignorare visti i suoi compiti di legge”.

Balestra: ‘Peccato per i due anni persi’

Riflettendo oggi sulla questione, sentenza alla mano, Balestra affronta dunque due temi. Il primo è il ritorno sul cammino della ricertificazione: «Un bel segnale per un paese che vuole puntare a migliorare la qualità di vita dei propri cittadini. L’adesione a “Città dell’energia” consente infatti di beneficiare di strumenti, aiuti e servizi per una politica energetica e climatica a beneficio del cittadino, e orientata ai risultati. Queste misure sono rivolte anche a ogni singolo cittadino». C’è, poi, il principio del primato del legislativo in ambito decisionale: «Nei prossimi anni saremo confrontati con decisioni non facili, ad esempio per il contenimento della spesa pubblica e le scelte sulle priorità degli investimenti da realizzare. Sarà fondamentale che il legislativo dia delle indicazioni chiare, e che il Municipio le concretizzi, senza intralciare la volontà democratica di chi rappresenta la cittadinanza di Gordola. Naturalmente il tutto nella speranza che il Municipio non si accanisca in un incomprensibile quanto imbarazzante ricorso alla decisione governativa». A Balestra «resta il rammarico per i due anni persi nello sviluppo della politica energetica gordolese, e per gli inutili costi causati (vedi ad esempio l’eliminazione in fretta e furia – nonostante il ricorso pendente – della segnaletica sul marchio “Città energia”, che dovrà essere ripristinata)».

Leggi anche:

Gordola si strappa l'etichetta di Città dell'Energia

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
città energia consiglio comunale consiglio di stato gordola municipio ricorso
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved