Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
21:00
 
locarno-un-sussidio-per-condurre-le-aziende-verso-il-bio
(Foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
2 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
2 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
2 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
2 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
3 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Luganese
3 ore

Lugano, il 5,6% dei veicoli supera i limiti presso le scuole

Malgrado le 404 multe, la Polizia della Città traccia un bilancio soddisfacente dell’operazione ‘Bimbi sicuri’, centrata anche sulla prevenzione
Bellinzonese
3 ore

Iragna, porte aperte al bunker militare di Mairano

Sabato 2 ottobre, dalle 11 alle 16, sarà possibile visitare l’opera fortificata situata sulla Via della Pietra
Ticino
3 ore

Il Ps: ‘Nei media le donne sono sottorappresentate’

Lettera aperta dei socialisti che denunciano: ‘Nella Svizzera italiana solo il 21,5% delle persone menzionate sono donne. Serve un cambio di paradigma’
Locarnese
4 ore

Al via il mese della castagna in Verzasca

Eventi legati all’albero e al frutto che nel passato garantivano il sostentamento della popolazione
Locarnese
4 ore

Tiratori veterani, campionato ticinese a Quartino

Gare in due poligoni per aggiudicarsi i titoli. Non ci sarà il tradizionale pranzo
Locarnese
4 ore

Magadino e Locarno, per Haiti

Dalla polenta per raccogliere fondi alla consegna, da parte del vescovo, del mandato ai nuovi missionari
Locarnese
4 ore

Colazione donne sul tema ‘Io ci sono’

Tornano le occasioni d’incontro e scambio nel Locarnese
Ticino
4 ore

Banca dati votazioni comunali, il governo segue la sua strada

Il Consiglio di Stato boccia l’iniziativa di Filippini (Udc): no all’obbligo per i Comuni di trasmettere le informazioni. Ma poi le raccoglie. La deputata: ‘Disarmante’
Locarnese
14.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 10:40

Locarno, un sussidio per condurre le aziende verso il Bio

In modo pionieristico, la Città ha approvato un'ordinanza per coprire i costi base necessari all'ottenimento dell'onerosa certificazione

È una prima a livello ticinese, se non addirittura svizzero. Il riferimento è alla decisione presa dalla Città di Locarno di istituire un incentivo per sostenere economicamente le aziende che intendono intraprendere un percorso per ottenere la Certificazione Bio. La scorsa settimana il Municipio ha approvato un’ordinanza che prevede l’erogazione di un contributo finanziario destinato alle attività sia agricole che di trasformazione (artigianato alimentare) che scelgono di operare, o lo stanno già facendo, secondo le direttive dell’agricoltura biologica. «Si tratta di un’iniziativa che va dal campo alla tavola – evidenzia il municipale dei Verdi Pierluigi Zanchi –. È una scelta politica importante con la quale l’ente pubblico mostra il proprio sostegno concreto in favore di un’economia regionale ed ecosostenibile e di un’alimentazione più sana».

Le ragioni che hanno portato all'ordinanza sono ben illustrate nella mozione ”Locarno a sostegno di cibi buoni, giusti e puliti per contrastare i cambiamenti climatici”, depositata dai consiglieri comunali dei Verdi nel febbraio del 2019 e alla luce di questo incentivo ritirata: “Un prodotto bio per poter essere smerciato deve avvalersi di certificazioni e protocolli sempre più onerosi, risultando poi più caro, rispetto a dei prodotti convenzionali che non necessitano degli stessi controlli e oneri, ma i cui costi ricadono in modo esternalizzato su tutta la comunità e il pianeta”.

Operazione a costo zero

Il sussidio verrà prelevato dagli introiti derivanti dalla tassa sul CO2. «In questo modo siamo riusciti a trovare una modalità di finanziamento a costo zero per la Città – spiega Zanchi –. Si tratta di un’operazione che favorisce l’economia circolare e che può avere un ritorno in termini finanziari e ambientali per tutta la società, soprattutto se altri Comuni decideranno di seguire l'esempio».

Il sostegno riguarderà i costi per la certificazione di base, che corrispondono circa al 10-20% dei costi complessivi per acquisire la certificazione aziendale. «Gli oneri maggiori – rende noto il municipale dei Verdi, titolare della Tigusto Sa, azienda che produce biologico da 33 anni – riguardano la lunga trafila burocratica, ovvero preparare le schede e le pratiche per il controllo, la tracciabilità, i marchi. Nel caso della nostra azienda, ad esempio, le spese vive di certificazione sono di circa 1’500 franchi l’anno, mentre quelle complessive si aggirano sui 10mila franchi».

Lo stanziamento del sussidio è previsto su un arco di dieci anni, in cui durante il primo quadriennio viene versato il 100% dell’onere per la certificazione di base (per un massimo di 2'000 franchi annui, mentre dal quinto al decimo anno il contributo è del 50%. Dal decimo anno in poi, quando si considera che l’attività di un’azienda è consolidata, il diritto all’incentivo decade. Per le aziende che hanno già superato i 10 anni di attività viene versato un importo una tantum di 1’000 franchi quale riconoscimento allo sforzo sostenuto in precedenza.

Benefici per l'ambiente e l'immagine

Riferendosi ai vantaggi dell'iniziativa, Zanchi mette in risalto il fatto che a Locarno si trova uno fra i più grandi comparti di terre pregiate arabili del Canton Ticino: «Il 90-95% di queste terre è situato all’interno del Parco del Piano di Magadino. Con tale incentivo viene promossa una qualità aziendale che va a beneficio sia dell’immagine che vogliamo dare del Parco, sia della concreta salvaguardia dell’ambiente. Molte aziende agricole sono limitrofe alle zone di protezione e dunque il fatto di avere un’agricoltura più rispettosa del territorio non può che facilitare il corollario legato alla biodiversità e alla sostenibilità». Diversi studi scientifici mostrano come la produzione e la trasformazione di alimenti biologici abbia tendenzialmente un minore impatto ambientale legato in particolare alla rinuncia di concimi chimico-sintetici e pesticidi, al minor consumo di acqua e di energia.

Per Zanchi il beneficio di immagine coinvolge non solo gli spazi verdi ma anche quelli urbani: «Locarno, oltre a vantare il label di Città dell’energia, è anche città del Festival del film ed è internazionalmente riconosciuta come destinazione culturale. E quando si parla di cultura non bisogna dimenticarsi di quella gastronomica. I visitatori che arrivano da noi solitamente cercano prodotti regionali e di qualità, dunque anche il settore del turismo può trarre giovamento da questa iniziativa».

L’ordinanza dovrebbe entrare in vigore tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo, in vista della stagione orticola 2022. In totale le aziende locarnesi che potrebbero beneficiare di questo incentivo sono poco meno di una decina. L’auspicio del Municipio è che nei prossimi anni almeno 3 o 4 di quelle che producono in modo convenzionale facciano i passi per acquisire la certificazione bio, tracciando un cammino che conduce a una qualità di vita migliore per tutti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved