vallemaggia-la-via-alta-attende-gli-escursionisti
27.05.2021 - 14:580
Aggiornamento : 16:47

Vallemaggia, la Via Alta attende gli escursionisti

L'inaugurazione di questo percorso sulle creste da Fusio e Ponte Brolla prevista nei prossimi mesi. Due i trekking predisposti. Avvicendamenti in seno al comitato

a cura de laRegione

Tempo di assemblee anche per l'Associazione Via Alta Vallemaggia che, lo scorso 21 maggio, ai Ronchini di Aurigeno, ha convocato i propri soci. Parecchia la carne al fuoco. A cominciare dalle nomine dei vertici, con il Comitato che ha subito un cambiamento. Dopo anni al fronte, hanno lasciato la loro carica Efrem Foresti (presidente, ora nominato presidente onorario), Michele Rotanzi (membro di comitato, segretario), Silvano Sartori (membro). A tutti i partenti sono andati i ringraziamenti di rito per il prezioso lavoro svolto in questi anni. Per quanto riguarda, invece, le novità sul territorio, quest’anno verrà inaugurata la nuova Via Alta della Vallemaggia. A tal riguardo sabato 24 luglio a Fusio l'Associazione proporrà una giornata di festa volta a sottolineare il completamento dell’itinerario in quota che si sviluppa in 19 tappe e copre 200 km. Il giorno successivo partirà il Trekking inaugurale (tratto Fusio-Ponte Brolla, passando dal rifugio Poncione di Braga). Due settimane dopo partirà un secondo trekking accompagnato (entrambi sono già al completo).   Ricordiamo che questa impegnativa camminata richiede comunque un minimo di conoscenze tecniche e una buona condizione fisica. In ogni caso si è intervenuti mettendo in sicurezza i tratti più problematici, al fine di renderla fruibile il più possibile. Da non dimenticare che, attualmente, la Via non è ancora percorribile, ci sono ancora importanti tratti innevati.  Da questo fine settimana in ogni caso aprono le prime capanne.

Importante, nel campo della conoscenza della montagna, anche il lavoro di promozione: grazie alle attività di comunicazione realizzate nel 2020 è stata registrata una sensibile crescita d'interesse (richieste da Francia, Germania e naturalmente da tutta la Svizzera). Tra le iniziative segnaliamo il documentario RSI “In cammino sul crinale”; il libro di Roberto Buzzini dedicato alla Via Alta, come pure l'attività di marketing portata avanti in collaborazione con l’Organizzazione turistica regionale Lago Maggiore e Valli e Ticino Turismo.

A livello di prodotti, sono state elaborate 3 sotto-proposte: il Trekking dei camosci; il  Trekking dei laghetti e il Trekking delle aquile (presentati sul sito www.vialtavallemaggia.ch). 


Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved