c-e-un-caso-vetterli-che-imbarazza-forse-il-plr
Ti-Press
Gianbeato Vetterli lunedì sera durante l'annuncio dell'addio al gruppo Plr
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
10 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
11 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
12 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
15 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
19 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
23 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
1 gior

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
1 gior

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
1 gior

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
1 gior

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
1 gior

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
laR
 
19.05.2021 - 05:30
Aggiornamento : 19:41

C'è un ‘caso Vetterli’ che imbarazza (forse) il Plr

Il consigliere decano di Locarno lascia il gruppo dopo l'esclusione a larghissima maggioranza dalla Gestione. De Lorenzi: “Una scelta da gestire fino in fondo”

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Tempo fa scrivevamo su queste pagine delle diverse sfumature dei “no comment”, con particolare attenzione a quelli pronunciati in ambito politico. Il “no comment” di Gianbeato “Mani” Vetterli, consigliere comunale decano, rispetto ai motivi che l’hanno spinto a staccarsi dal gruppo Plr in legislativo per continuare, da adesso, come indipendente, ha senza alcun dubbio il timbro amaro di chi si sente a disagio.

Che alla base dello strappo vi sia la sua esclusione, per votazione del gruppo, dalla commissione della Gestione, è un fatto. Come lo è che il gruppo stesso, escludendolo, abbia probabilmente mal valutato le possibili conseguenze delle proprie azioni. Dopo aver scritto a sindaco, presidente sezionale e capogruppo in Consiglio comunale, Vetterli le ha esplicitate in maniera ancora più netta al termine del suo lungo discorso da consigliere decano, letto lunedì durante la seduta costitutiva: «Pur essendo stato eletto sulla lista del Plr ho deciso di uscire dal gruppo del Plr ed affrontare la legislatura quale indipendente, seguendo la vecchia e buona filosofia liberale che, a parole, tutti, da destra a sinistra, fanno propria, anche se poi nei fatti non è proprio così. Da parte mia invece la seguirò, come ho sempre fatto, certo che sia, se ben interpretata, la miglior base per una politica sociale, economica ed anche ambientale corretta ed equilibrata per il benessere di tutta la popolazione».

Memoria storica e conoscenza dei temi

L’esclusione dalla Gestione di Vetterli da parte dei colleghi di gruppo non è una questione di lana caprina. Anche e soprattutto per come è maturata e per le radici che si è deciso di recidere. Vetterli ha 77 anni, fa politica attiva da una vita e solo nell’ultimo quinquennio, quale commissario Plr della Gestione, ha firmato ben 35 rapporti sulla cinquantina complessivamente sfornati dalla commissione. Fra questi troviamo quattro rapporti su cinque riguardanti i consuntivi della Città di Locarno, uno sui preventivi, nonché ad esempio quello sull’ente autonomo che gestirà l’istituto per anziani Casa San Carlo e una miriade di rapporti e rapportini tecnici, che – chi è consigliere comunale lo sa molto bene – sono i meno invitanti e più ostici da redigere. Perché non si bluffa: o si approfondiscono i temi, previa conoscenza degli stessi, oppure è meglio astenersi. Così, a fronte della maggioranza dei commissari Plr (e non solo) che ha ritenuto più saggio chiamarsi fuori, c’è spesso stato un Vetterli a metterci una pezza.

Ciononostante, il gruppo Plr (12 persone, Vetterli non si è naturalmente espresso) in votazione democratica lo ha escluso a schiacciante maggioranza (10 a 2), preferendogli il quartetto di novelli commissari formato da Luca Renzetti, Mauro Silacci, Simone Merlini e Orlando Bianchetti. «Il gruppo è sovrano e ha deciso così – commenta, raggiunto dalla “Regione”, il capogruppo Renzetti –. Probabilmente questo aspetto della Gestione ha giocato un ruolo nelle decisioni di Vetterli: non si può negarlo. D’altra parte c’è stato un voto e Mani è rimasto fuori, unitamente ad altri. Nessuno può mettere in discussione il grandissimo lavoro che ha sempre svolto e la sua conoscenza dei temi. A questo punto è per me importante capire la sua posizione, le motivazioni esatte del suo distacco dal gruppo, e verificare se vi sia la possibilità di discutere con lui. So che il partito intende farlo».

“Dinamiche interne al gruppo”

L’intenzione è confermata dal presidente sezionale Gabriele De Lorenzi: «Lo incontreremo nei prossimi giorni per un colloquio. La posizione della sezione è estremamente chiara: abbiamo sempre dato fiducia al gruppo, e ciò vale anche per le nomine. Sono dinamiche interne. La sezione può solo dare dei consigli. I fatti dicono che il gruppo si è comportato in modo formalmente corretto e palese, votando. Il risultato, a malincuore per il Mani, è quello. Vetterli ha tutto l’apprezzamento della sezione: nei lunghi anni di militanza ha sempre dimostrato coerenza con la sua idea politica liberale radicale. Adesso c’è questo problema, che dovrà essere affrontato e possibilmente risolto, al netto di una mia certezza: Vetterli è sempre stato, e rimane, liberale radicale. Non rinnega il partito, dal quale non è quindi fuori perché nessuno ha in mente di escluderlo». In realtà lo ha già fatto lui, obiettiamo. «Si è estromesso dal gruppo – ribatte De Lorenzi –, non dal partito. Ha detto che collaborerà singolarmente con la cordata liberale radicale e lo farà sicuramente sulla base di un’idea di fondo condivisa. Secondo me si sta ingigantendo una situazione che potrà rientrare, perché Vetterli è una “mente libera”, come ha sempre dimostrato, ma è anche un pragmatico, oltre che una persona ragionevole».

Non può sfuggire che a Vetterli è stato riservato un po’ lo stesso trattamento riscontrato in casa socialista con un’altra “mente libera”: Bruno Cereghetti. Lì si era parlato di un rinnovamento. «Se da noi c’è un’idea di rinnovamento, non è legata all’età, ma allo spirito e all’atteggiamento liberale radicale. È quello che ho sempre cercato di far passare, e che dovrebbe attecchire anche a livello cantonale. Se giochiamo alle epurazioni siamo finiti. Questa però è la teoria. Purtroppo, la pratica sta dando dei risultati che non sempre sono perfetti. Ma ripeto: noi come gruppo dirigente siamo avulsi dalle dinamiche del gruppo, che ha preso una decisione per motivi che non conosco e nella quale non mi permetto di metter voce, se non dicendo che mi spiace per Vetterli. Il gruppo ha scelto. Ora è chiaro che dovrà gestire la sua scelta fino in fondo».

Leggi anche:

Vetterli, strappo dal Plr: ‘Da adesso, indipendente’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio comunale gestione gianbeato vetterli gruppo plr
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved