la-sfida-a-brione-sopra-minusio-attirare-nuovi-domiciliati
Bonalumi e Gandin
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
27 min

Aprile? Il più freddo degli ultimi trent'anni

Così, dati alla mano, MeteoSvizzera. Ma a inizio mese abbiamo avuto le prime due giornate estive del 2021
Bellinzonese
1 ora

Tiro obbligatorio e in campagna allo stand dei Saleggi

Appuntamento per giovedì 20 maggio dalle 17 alle 19
Gallery
Mendrisiotto
2 ore

Novazzano, vitello cade in una valletta. Lo recupera la Spab

Salvato con un elicottero, il giovane bovino è tornato a casa sano e salvo. E si è guadagnato il nome di Icaro
Ticino
2 ore

Sirica: il Plr ha pagato una sua certa arroganza

'Opportuno il ballottaggio a Bellinzona e la nostra è stata una campagna corretta', ribatte il presidente dei liberali radicali Speziali all'omologo socialista
Ticino
2 ore

'Imponimento': 147 persone rinviate a giudizio

'Ndrangheta, le richieste dei pm antimafia di Catanzaro in relazione all'inchiesta dai risvolti svizzeri
Luganese
2 ore

Monte Ceneri, tiro obbligatorio

La società del Vedeggio organizza gratuitamente mercoledì al poligono militare
Mendrisiotto
3 ore

A Novazzano il 21 maggio si sciopera per il futuro

Anche nel Distretto si aderisce alla manifestazione indetta a livello nazionale per il clima
Luganese
3 ore

Insediato il nuovo Municipio di Lamone

A guidarlo è nuovamente il sindaco Marco Balerna, mentre il vicesindaco è Daniele Franzoni
Mendrisiotto
5 ore

Otto 'testimonial' per i cinque musei d'arte del Distretto

La Rete MAM aderisce a una campagna che racconta di legami d'affetto e con il territorio attraverso la voce di personalità della cultura
Locarnese
5 ore

Locarno, le e-bike vanno per la maggiore

Quasi esaurito il credito che la Città mette a disposizione dei cittadini per l'acquisto di biciclette elettriche
Mendrisiotto
6 ore

Genestrerio, si parte con il progetto stradale sulla zona 30

In pubblicazione il dossier che limita la velocità su tre vie interne e sistema il marciapiede. Obiettivo: più sicurezza e tranquillità
Locarnese
6 ore

Renata Casetta, protagonista dell'Ascona ‘da bere’

Personaggio conosciutissimo in tutto il Locarnese (anche per aver gestito il bar del Teatro Dimitri) è morta a 85 anni
Grigioni
6 ore

Scontro sulla cantonale a Roveredo: un ferito leggero

Subaru finisce rovesciata sul fianco. Per estrarre il conducente dall'abitacolo si è reso necessario l'intervento dei pompieri
Bellinzonese
8 ore

Bellinzona senza partita, Branda confermato sindaco col 60%

Con 9'169 voti contro i 6'024 dello sfidante Gianini, il socialista si aggiudica lo scranno per la terza volta consecutiva: ‘Risultato oltre le aspettative’
Ticino
LIVE

Spoglio concluso, le reazioni - Segui il live de La Regione

Concluso lo spoglio per i ballottaggi. A Bellinzona e Riviera confermati Branda e Pellanda, ribaltone a Lumino. A Vezia si impone Piva, Catarin a Losone
Luganese
8 ore

Novaggio conferma Andrea Pozzi sindaco

All'elezione, lo sfidante Piergiorgio Morandi ottiene 191 voti, il sindaco di quindicina (Spazio libero - per ambiente e socialità) 38 in più
Locarnese
8 ore

Piano direttore: discarica Quartino, faggeta Lodano e altri

Le modifiche decise dal Consiglio di Stato saranno in pubblicazione dal 17 maggio
Ticino
8 ore

Santa Chiara alla Moncucco, 'a sfavore della popolazione'

La dirigenza socialista esprime preoccupazione per l'acquisizione temendo 'un'inutile concorrenza che avvelana il settore'
Ticino
11 ore

Covid: ospedalizzazioni in Ticino sotto le trenta unità

Due dimissioni a fronte di una sola ammissione nelle ultime 24 ore. I nuovi casi sono 19
Bellinzonese
22 ore

Auto nel burrone sopra Olivone, morto un giovane grigionese

Era l'unico occupante della vettura. Un volo di oltre cento metri. L'incidente ieri intorno alle 20
Locarnese
04.05.2021 - 19:260
Aggiornamento : 21:10

La sfida a Brione sopra Minusio: attirare nuovi domiciliati

Intervista ai due candidati alla poltrona di sindaco della località collinare, Franco Gandin e Alessandro Bonalumi

I cittadini di Brione sopra Minusio il prossimo 16 maggio eleggeranno il loro sindaco. Lo scorso 18 aprile il più votato è risultato Alessandro Bonalumi (Plr), sindaco di quindicina. A sfidarlo è Franco Gandin, della formazione “L’altra Brione e indipendenti”.
Gandin, 61 anni, broker assicurativo, vanta una lunga esperienza politica: consigliere comunale dal 2000 al 2008 poi municipale e vicesindaco (capo dei dicasteri finanze, imposte e sicurezza pubblica fino al 2012 e quindi dei dicasteri educazione, salute e socialità). Trascorre il tempo libero in compagnia di famigliari e amici, ama sciare e passeggiare in montagna.
Bonalumi, 50 anni, ingegnere civile Eth-Z, titolare di uno studio d’ingegneria, docente Supsi, responsabile della logistica e dei trasporti per il Locarno film Festival, è stato municipale dal 2008 al 2012. Tra le sue passioni la barca a vela, il rampichino e le passeggiate in montagna.
Abbiamo posto loro alcune domande per capire come potrà e dovrà essere gestito il Comune nella legislatura 2021-2024.

È ipotizzabile un ritorno del tema dell’aggregazione per Brione s./Minusio? Con chi?

Bonalumi: Il discorso dell’aggregazione deve essere un discorso compreso e condiviso dalla popolazione e non imposto dall’alto. Se sarà aggregazione, importante che sia parte di un progetto esteso e completo per tutti gli aspetti legati al Comune.
Gandin: Nell’ambito dell’aggregazione i piccoli comuni come il nostro vengono dimenticati e non saranno mai rappresentati. Il rischio di perdere l’identità e di perdere l’anima del nostro bellissimo paese è eccessivo. Per cui personalmente ritengo che la soluzione migliore sia anzitutto quella di unire e condividere i servizi regionali lasciando vivere per il momento i Comuni della regione.

Quali gli investimenti prioritari per il Comune?

Gandin: Fortunatamente chi ci ha preceduto ha effettuato numerosi investimenti molto importanti per Brione. Ovviamente ci sono ancora delle problematiche pubbliche da definire e migliorare, per adeguarle alle necessità attuali nell’ambito della protezione dell’ambiente e del risparmio energetico; penso ad esempio alla Casa Erina, alle strade, eccetera.
Bonalumi: Ad oggi molti investimenti prioritari sono stati fatti, bisognerà capire come migliorare il paese con investimenti mirati e senza perdere di vista l’evoluzione dei costi e del Piano finanziario.

Quali le sfide più importanti?

Bonalumi: Garantire il riequilibrio finanziario nel lungo periodo e il buon funzionamento del Comune dal punto di vista amministrativo.
Gandin: La sfida più importante è quella di mantenere un comune vivo, abitato, vissuto e amato da molti cittadini giovani e anziani con la nostra bella piazza, i nostri esercizi pubblici, i sentieri, le montagne e la magnifica posizione privilegiata.

Le finanze comunali dipendono da contribuenti facoltosi e ciò è motivo di incertezza. Per ora il moltiplicatore d’imposta è al 78 per cento. Nei prossimi anni si riuscirà a mantenere questa situazione?

Gandin: Per poter mantenere un moltiplicatore favorevole per i nostri cittadini è necessario anzitutto creare i presupposti necessari affinché nuove famiglie vi si possano domiciliare limitando, secondo il mio parere, la possibilità di insediamento di ulteriori residenze secondarie.
Bonalumi: L’attrattività del paese sta migliorando, anche a seguito delle nuove sensibilità legate al Covid. Ci sono diverse nuove costruzioni con carattere primario che potranno garantire incrementi del gettito. L’obiettivo è il mantenimento del moltiplicatore e il ri-equilibrio delle finanze.

Brione ha un debito pubblico eccessivo e, stando al Piano finanziario 2020-2024, salirà ulteriormente nei prossimi anni: come interpretare questo dato?

Bonalumi: Il piano finanziario serve a dare un’indicazione per scegliere con cura gli investimenti da effettuare in modo che siano equilibrati. Vista la situazione bisognerà da una parte aumentare le entrate con nuovi contribuenti e dall’altra parte abbassare gli investimenti e i costi in modo da ritrovare il pareggio tra entrate e uscite.
Gandin: La via da intraprendere: aumentare il numero dei domiciliati, diminuire le residenze secondarie e ovviamente mantenere un controllo oculato delle nostre finanze e soprattutto delle nostre spese.

Il capitale proprio si sta erodendo e le previsioni del Pf per il quadriennio indicano chiusure in rosso. Quanto preoccupano queste cifre?

Gandin: Negli ultimi 15 anni il capitale proprio è costantemente aumentato fino a raggiungere lo scorso anno la quota massima. Ciò permette di assorbire eventuali disavanzi. È chiaro che non bisogna abusarne, ma la situazione è ancora tranquilla.
Bonalumi: Il capitale proprio resta abbastanza solido. All’interno del Municipio si stanno valutando le misure per garantire questa solidità anche in futuro.

Scuole elementari a Brione e dell’infanzia a Orselina, sotto la direzione di Minusio. Questa la situazione attuale. Lottare per mantenere la scuola, nonostante i costi alti, o rinunciare e trovare collaborazioni alternative?

Bonalumi: Va trovata una soluzione ideale per avere un equilibrio tra costi e benefici. La scuola nella forma attuale è troppo onerosa, si dovranno cercare delle modalità per garantire qualità d’insegnamento e costi sostenibili. I dati per i prossimi anni sono comunque confortanti e questo lascia ben sperare. Si valuteranno le diverse soluzioni, non da ultimo una scuola della collina con Orselina e Locarno-Monti.
Gandin: Sull’educazione non bisogna risparmiare ed è indispensabile che i nostri giovani possano avere una perfetta e adeguata educazione. ll nostro scopo deve essere quello di poter mantenere le sezioni della scuola lnfanzia ed elementari in collina in collaborazione con i Comuni di Orselina e di Locarno-Monti e in sinergia con la direzione delle scuole di Locarno o Minusio.

Le residenze secondarie a Brione sono molte: è un problema o un’opportunità?

Gandin: Possono diventare un problema: intanto perché rischiano di creare un comune fantasma, soprattutto durante le stagioni invernali e poi, dal punto di vista finanziario, va sottolineato che i proprietari delle residenze secondarie non pagano le imposte a Brione, ma utilizzano le nostre infrastrutture.
Bonalumi: Sono un’opportunità che bisogna però cogliere. Il Municipio si sta attivando anche in questo senso in modo da portare maggiori benefici al Comune.

I prezzi degli immobili in collina sono inarrivabili per molti: un ostacolo per nuovi domiciliati? Come ovviare al problema?

Bonalumi: In collina si possono trovare immobili per tutte le fasce di prezzo anche se prevalgono quelle di fascia medio-alta; l’arrivo di famiglie e di nuovi domiciliati è un obiettivo del nuovo Municipio.
Gandin: Purtroppo i prezzi degli immobili nella nostra regione sono elevati e impediscono l’insediamento di nuove persone, in particolare giovani, che vorrebbero domiciliarsi nel nostro Comune, ma che sono costretti a optare per altre zone non essendo in grado di pagare i terreni, le case o le pigioni, per loro troppo onerosi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved