ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
20 min

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
3 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
3 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
3 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
3 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
Ticino
3 ore

La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano

È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
4 ore

Al Nara c’è una fune da sostituire

Il Municipio chiede di concedere 240mila franchi per rimpiazzare, dopo 26 anni di servizio, il cavo portante-traente della seggiovia Leontica-Cancorì
Mendrisiotto
4 ore

Giornata mondiale contro il cancro infantile alla Filanda

Tre ore di incontri ed eventi sul tema, in programma il 15 febbraio al centro culturale di Mendrisio
Bellinzonese
4 ore

Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia

La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Ticino
5 ore

‘Quel silenzio verso chi pedala’, Pro Velo sprona i candidati

L’associazione che difende i diritti dei ciclisti lamenta il fatto che nella campagna elettorale in corso sia assente il tema della mobilità lenta
Bellinzonese
5 ore

A Castione tre giorni di festa con il Carnevaa di Sciatt

55esima edizione da giovedì 16 a sabato 18 febbraio. Novità di quest’anno la cena offerta del sabato a base di polenta e formaggio o mortadella
Ticino
6 ore

Torna in aprile l’appuntamento con slowUp Ticino

Come di consueto lungo il percorso chiuso al traffico tra Locarno e Bellinzona ci si potrà muovere con mezzi non motorizzati godendosi natura e animazioni
Luganese
6 ore

Sorpresa per i 18enni di Bissone: Norman Gobbi in visita

Il consigliere di Stato ha partecipato alla tradizionale cerimonia di accoglienza dei neomaggiorenni svoltasi il 29 gennaio
Locarnese
6 ore

La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni

Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
laR
 
29.04.2021 - 05:30
Aggiornamento: 14:20

Riaprono le sale: grandi titoli e ‘nostrani’ di qualità

Palacinema a Locarno e Otello ad Ascona rompono gli indugi con una programmazione mista che vuol fare di necessità virtù

riaprono-le-sale-grandi-titoli-e-nostrani-di-qualita
Ti-Press
Voglia di sala
+1

Restituisce l'immagine di un "climber" in arrampicata libera, senza corde, la situazione dei gestori di sale cinematografiche: una faticaccia per risalire la parete resa scivolosa dagli effetti della pandemia; l'obiettivo se non di una vetta, almeno di un promontorio da cui godere un nuovo panorama; ma anche l'infido vento trasversale costituito da una distribuzione con il freno a mano tirato e da nuove possibili restrizioni qualora vi fosse una recrudescenza dei casi di Covid-19 (facciamo le corna).

Dal 7 maggio ‘Fast & Furious 9’

In casi simili è necessario fare di necessità virtù, devono aver pensato al Palacinema di Locarno, dove il rilancio parte con prudenza, ma soprattutto con l'intelligenza di un abbinamento fra i (pochi) “blockbuster” a disposizione e un'offerta per cinefili duri e puri, gli appassionati a prescindere per i quali la magia della sala vale già una buona parte del biglietto, e quella rimanente viene demandata a film possibilmente di qualità. Michael Lämmler, della Enjoy Arena che sin dall'apertura ha preso in mano la gestione di sale e ristorazione, riconosce lo sforzo di volere a tutti i costi una ripartenza, pur dovendo confrontarsi ad un contesto non propriamente favorevole: «La situazione è condizionata su larga scala da una distribuzione ancora molto timida, e su scala più ridotta dal fatto che consumare cibo e bevande in sala è ancora proibito, il che da un profilo meramente economico significa l'assenza di una parte importante dei ricavi. Inoltre, vige il tetto massimo dei 50 spettatori, con tutte le misure sanitarie che è necessario rispettare. Tuttavia, la voglia di cinema in sala è forte, ed è pertanto giusto fare tutto il possibile per rispondervi. Noi inizieremo il 7 maggio, un mercoledì, proponendo il nono “Fast & Furious”, che darà il “la” a una programmazione orientata di principio al fine settimana. Per ritrovare un calendario per così dire canonico bisognerà attendere l'autunno, dopo che sarà andato in scena il Film Festival».

Ciò non toglie, come accennato, che l'offerta iniziale potrà comunque attirare variegate fette di pubblico. Oltre ai film di cartellone che passerà il convento della grande distribuzione, il Palacinema vivrà anche e soprattutto d'altro. Lo specifica Roberto Pomari, direttore della Palacinema Sa e persona capace di addentrarsi con sicurezza nei bui cunicoli del settore cinematografico attuale. «L'idea è allestire un'offerta che vada oltre la cinematografia “mainstream”; e con questo penso, ad esempio, ad un focus sulle ultime uscite del cinema svizzero e anche di quello ticinese, con fiction e documentari prodotti localmente»; è quello che Lämmler, opportunamente, chiama “cinema a chilometro zero”. A questo si sta lavorando con la Ticino Film Commission, notoriamente anch'essa di casa al Palacinema.

‘Mank’, Clooney, i cineclub e altro

Una scelta molto più di qualità che non di quantità è stata operata anche ad Ascona, dove la programmazione dell'Otello è nelle mani di Antonio Prata: «La prima cosa da dire è che si riapre. Con mille dubbi, ma si fa, per riaccogliere il nostro pubblico, che è adulto e appassionato ma nutre probabilmente ancora qualche timore. Non sarà facile reperire i film, in particolare quelli in italiano. Le Major appaiono ancora confuse e constatano che a conti fatti i passaggi in “streaming” non hanno fatto raggiungere i traguardi in cui speravano perchè la sala rimane centrale, e devono pertanto capire come agire per far tornare i loro film nelle sale. La pandemia ha portato una riflessione, da parte dei distributori e di chi fa esercizio, secondo cui vale la pena tornare a lavorare con tutti, e non solo sui grandi circuiti». La sala asconese riparte domani, venerdì, con due titoli che erano in programmazione quando le sale erano state richiuse a dicembre. Parliamo di "Mank", il biopic – doppio Oscar – di David Fincher sullo sceneggiatore di “Quarto potere” Herman J. Mankiewicz (venerdì alle 20.50 in versione originale inglese con sottotitoli in italiano; poi ancora domenica alle 18.10) e di “The Midnight Sky”, diretto e interpretato da George Clooney (sabato alle 20.50 in italiano, e ancora domenica alle 20.20).

L'Otello si ripresenta comunque con una programmazione ridotta (4 o 5 giorni a settimana) ma forte sia di alcuni titoli del cinema svizzero ed europeo (in parte anche italiano) sia delle collaborazioni con i vari cineclub (Alliance française e Amigos de la lengua española). Questo, conclude Prata, «sapendo che arriva l'estate, un periodo normalmente più debole e che porta quindi altre incognite. Non ci aspettiamo subito il botto, ma vogliamo che la gente torni a fidarsi della sala, dove per altro vige la più stretta osservanza delle norme igieniche e di sicurezza imposte dalla pandemia. Per dirla tutta, non vediamo l'ora. Stando al tam-tam sui social, l'attesa è stata sofferta ed è davvero il momento di ripartire».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved