la-nuova-tassa-sui-lampioni-non-piace
La spesa dell'illuminazione pubblica sulle strade; nodo da sciogliere (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 min

Aprile? Il più freddo degli ultimi trent'anni

Così, dati alla mano, MeteoSvizzera. Ma a inizio mese abbiamo avuto le prime due giornate estive del 2021
Bellinzonese
56 min

Tiro obbligatorio e in campagna allo stand dei Saleggi

Appuntamento per giovedì 20 maggio dalle 17 alle 19
Gallery
Mendrisiotto
2 ore

Novazzano, vitello cade in una valletta. Lo recupera la Spab

Salvato con un elicottero, il giovane bovino è tornato a casa sano e salvo. E si è guadagnato il nome di Icaro
Ticino
2 ore

Sirica: il Plr ha pagato una sua certa arroganza

'Opportuno il ballottaggio a Bellinzona e la nostra è stata una campagna corretta', ribatte il presidente dei liberali radicali Speziali all'omologo socialista
Ticino
2 ore

'Imponimento': 147 persone rinviate a giudizio

'Ndrangheta, le richieste dei pm antimafia di Catanzaro in relazione all'inchiesta dai risvolti svizzeri
Luganese
2 ore

Monte Ceneri, tiro obbligatorio

La società del Vedeggio organizza gratuitamente mercoledì al poligono militare
Mendrisiotto
2 ore

A Novazzano il 21 maggio si sciopera per il futuro

Anche nel Distretto si aderisce alla manifestazione indetta a livello nazionale per il clima
Luganese
3 ore

Insediato il nuovo Municipio di Lamone

A guidarlo è nuovamente il sindaco Marco Balerna, mentre il vicesindaco è Daniele Franzoni
Mendrisiotto
4 ore

Otto 'testimonial' per i cinque musei d'arte del Distretto

La Rete MAM aderisce a una campagna che racconta di legami d'affetto e con il territorio attraverso la voce di personalità della cultura
Locarnese
5 ore

Locarno, le e-bike vanno per la maggiore

Quasi esaurito il credito che la Città mette a disposizione dei cittadini per l'acquisto di biciclette elettriche
Mendrisiotto
5 ore

Genestrerio, si parte con il progetto stradale sulla zona 30

In pubblicazione il dossier che limita la velocità su tre vie interne e sistema il marciapiede. Obiettivo: più sicurezza e tranquillità
Locarnese
5 ore

Renata Casetta, protagonista dell'Ascona ‘da bere’

Personaggio conosciutissimo in tutto il Locarnese (anche per aver gestito il bar del Teatro Dimitri) è morta a 85 anni
Grigioni
6 ore

Scontro sulla cantonale a Roveredo: un ferito leggero

Subaru finisce rovesciata sul fianco. Per estrarre il conducente dall'abitacolo si è reso necessario l'intervento dei pompieri
Bellinzonese
7 ore

Bellinzona senza partita, Branda confermato sindaco col 60%

Con 9'169 voti contro i 6'024 dello sfidante Gianini, il socialista si aggiudica lo scranno per la terza volta consecutiva: ‘Risultato oltre le aspettative’
Locarnese
10.04.2021 - 10:370
Aggiornamento : 11:29

La nuova tassa sui lampioni non piace

Gambarogno vorrebbe introdurla (minimo 25, massimo 60 franchi annui, per tutti). Ma c'è chi contesta

Gambarogno ha intenzione d’introdurre una nuova tassa per i suoi abitanti: quella per l’illuminazione pubblica. Ma sulla proposta soffiano venti contrari. Lunedì sera il Consiglio comunale dovrebbe discutere il regolamento, che prevede per ogni unità abitativa una fattura stabilita all’interno di una forchetta che va da 25 a 60 franchi annui: l’ammontare esatto sarà deciso dal Municipio, di anno in anno, tenendo conto della spesa globale per l’illuminazione. In ogni caso, avverte lo stesso Municipio, “I’incasso tramite imposta speciale non potrà eccedere la copertura dei costi effettivi”. Stando all’esecutivo, dal punto di vista giuridico la proposta si fonda su una sentenza del Tribunale federale del 17 marzo 2017, che conferma “a determinate condizioni l’addossamento dei costi dell’illuminazione pubblica stradale agli utenti finali”.

Va detto che la novità giunge dopo che il Consiglio di Stato, sempre nel 2017, aveva dichiarato inapplicabile il “Regolamento sulle prestazioni contrattuali con i gestori delle reti di approvvigionamento elettrico”, che Gambarogno e altri avevano introdotto. Ora arriva la soluzione alternativa. Il nuovo balzello, però,  non sembra riscuotere molti consensi. A livello locale le contestazioni non mancano e si faranno sentire nel corso della seduta di lunedì sera. Ma pure da fuori c’è chi critica. Bruno Storni, municipale di Gordola, non ci sta. Il suo timore: «Gambarogno fa da apripista: ha già pronto il messaggio. Gli altri Comuni seguiranno e attendono il dopo elezioni comunali per far risorgere lo zombie della tassa sull’illuminazione pubblica. L’invenzione esce dal Convivio dei sindaci del Locarnese (Cisl), regione dove grazie al ricorso che avevamo fatto con la sezione Ps di Locarno, la tassa che era già in vigore a Tenero-Contra, Gambarogno e Ascona e che si stava diffondendo a macchia d’olio ha dovuto essere abolita. Ora l’iniziativa dei sindaci di Ascona e Gambarogno si sta materializzando con la presentazione del messaggio del Municipio della località sulla sponda sinistra del lago. Si prevede un tassa fissa per utente Ses tra 25 e 60 franchi». Stando a Storni il Cisl aveva fatto circolare la proposta a inizio anno. «A parte Gambarogno, gli altri l’hanno tenuta ferma, tatticamente, per non parlarne in periodo pre elettorale. In molti Comuni non è nemmeno arrivata sul tavolo del Municipio, ma è rimasta nelle mani del sindaco».

Storni: ‘Così si spremono i cittadini’

Per l’intervistato si tratta di una tentativo «per spremere ai cittadini una nuova tassa illegale, come da ricorso già vinto, per pagarsi l’illuminazione pubblica non sempre gestita in modo efficiente e che già ora beneficia in modo improprio del Fondo energie rinnovabili comunale. Fondo usato per finanziare l’infrastruttura (candelabri) e per la manutenzione dell’illuminazione pubblica». Il Fer, ricorda Storni, dovrebbe servire a misure pubbliche o private per ridurre i consumi o produrre da fonti rinnovabili, in particolare per sostenere le parti d’investimento che non coprono i costi. «La sostituzione di lampioni a vapori di sodio o peggio mercurio (illegali da anni) dell’illuminazione pubblica con la tecnologia Led si autofinanzia in pochi anni grazie ai risparmi in energia e sulla manutenzione (non occorre più cambiare regolarmente le costose lampade con la navicella). Quindi non sono necessari sussidi e non si può attingere al Fer».

Storni critica pure il fatto che la futura tassa sarà riscossa dal gestore di rete, la Ses: «Sicuramente non ci sono le condizioni per aumentare la bolletta, appesantendola con fantasiose tasse comunali. Inventare una tassa per l’illuminazione pubblica che il Comune farebbe incassare tramite la fattura dell’elettricità è pusillanime. Un modo di procedere degno di un ente pubblico ormai alla canna del gas. Se i Comuni la vogliono imporre, la incassino direttamente, come la tassa personale». Infine: «Ricordo che una nuova tassa dev’essere causale cioè ognuno paga per quanto consuma; spieghino come intendono calcolarla! Di questo passo i Comuni potrebbero imporre ai cittadini una tassa per il riscaldamento degli edifici pubblici, una per la pulizia delle strade comunali, una per il servizio neve e chi più ne ha più ne metta. Ricordo che gli enti pubblici si finanziano con le imposte in base al reddito e per i servizi particolari con tasse causali, o eventuali tasse d’incitamento che vanno ridistribuite direttamente alla popolazione e non per il finanziamento di servizi pubblici di base come l’illuminazione. La svolta energetica e la nuova politica per la protezione del clima (vedi Legge CO2) si basa su tasse incentivanti, che vanno ritornate alla popolazione, ad esempio con la riduzione dei premi delle casse malati, o investite direttamente nell’efficienza energetica o per produrre nuova energia rinnovabile o in sussidi per il risanamento termico degli edifici. Non c’è spazio per tasse comunali sull’energia elettrica oltretutto illegali».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved