ci-hanno-concesso-solo-15-minuti-poi-e-morta-da-sola
Il Covid, ostacolo quasi insormontabile per l'ultimo commiato (Foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

'Va abolito pure il divieto di vendita serale dei distillati'

Il commerciante: la recente decisione del Gran Consiglio mi soddisfa solo in parte, per questo ho deciso di non ritirare il ricorso al Tribunale federale
Ticino
6 ore

Casi di rigore, sono in arrivo altri 50 milioni

Il Consiglio di Stato porta a un totale di 125 milioni, 37,5 a carico del Cantone, la dotazione finanziaria totale
Bellinzonese
6 ore

Durante la notte Lumino spegne tre quarti dei suoi lampioni

Da qualche giorno 200 punti luce su 260 vengono disattivati per cinque ore a partire da mezzanotte e un quarto. Un'altra misura per aumentare l'efficienza energetica
Ticino
7 ore

Consuntivo 2020, Vitta: ‘Adesso serve uno sforzo proattivo’

Il direttore del Dfe commenta i 165 milioni di deficit e le prospettive: ‘I disavanzi accumulati andranno sulle spalle dei nostri figli’
Ticino
7 ore

Gobbi: ‘Incamminati sulla strada del ritorno alla normalità’

Il presidente del governo saluta positivamente la riapertura delle terrazze di bar e ristoranti. ‘Continuare a rispettare le regole igieniche’
Ticino
7 ore

Terrazze aperte: ‘Disparità di trattamento incomprensibili’

Il presidente di GastroTicino: ‘Il rischio di fallimenti e chiusure di una buona parte del settore non è assolutamente scongiurato’
Luganese
7 ore

Le Harley Davison possono attendere

Rischio Covid-19, annullata la manifestazione in agenda a luglio
Luganese
7 ore

Elezioni a Lugano, partecipazione in ascesa

Significativo balzo in avanti in città. Siamo a oltre 10'000 aventi diritto che hanno spedito la busta grigia con i nomi dei candidati prescelti
Luganese
7 ore

Lamone, conti in attivo e luce verde al nuovo asilo

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità i Consuntivi 2020 e 9,6 milioni per la scuola dell'infanzia
Locarnese
8 ore

Riffa Fans club Hcap Locarnese e valli

Ecco l'elenco dei numeri vincenti, estratti lo scorso 10 aprile
Luganese
9 ore

Lugano, dai quartieri un atto d'accusa alla Città

Nasce 'Villaggi traditi' che riunisce il malcontento di diversi ex Comuni che puntano il dito contro la politica 'periferica' della Città
Luganese
9 ore

Il municipale si distanzia e volano gli stracci a Porza

Nervi tesi a pochi giorni del voto, fra il blocco Plr-Ppd e 'Insieme' su una questione di sussidi
Bellinzonese
9 ore

Lanciata la stagione estiva sulle montagne leventinesi

Gli impianti di risalita della regione offrono anche quest'anno un abbonamento stagionale combinato
Bellinzonese
9 ore

Anche il 144 sotto il tetto della Centrale comune d'allarme

Si completa così il progetto di raggruppamento degli enti di primo intervento
Locarnese
9 ore

Quattro concerti a Ronco sopra Ascona

Appuntamenti nella chiesa di San Martino, ma solo per 50 persone alla volta
Locarnese
07.04.2021 - 05:300

‘Ci hanno concesso solo 15 minuti, poi è morta da sola’

In tempo di pandemia alcune regole degli ospedali possono sconcertare. Le risposte dei vertici della Clinica Santa Chiara di Locarno

Si sono rifiutati di andarsene e hanno passato fuori dall’ospedale tre ore, cercando disperatamente di ottenere il permesso per dare l’ultimo saluto alla propria cara in fin di vita. È successo ai due figli e a tre amiche di una donna malata di tumore, deceduta lo scorso mese di marzo alla Clinica Santa Chiara di Locarno. A raccontare la vicenda è una delle tre amiche: «Era sabato mattina e ci hanno chiamati per avvisarci che lei era stata ricoverata d’urgenza. Ci siamo precipitati all'ospedale, ma ci hanno detto che per entrare serviva l’autorizzazione del medico curante. Abbiamo provato a contattarlo. Tuttavia, visto che eravamo nel fine settimana, non ci siamo riusciti». A quel punto gli è stato chiesto di rientrare a casa. «Eravamo sconcertati e sotto shock. Sul momento mi sono proprio arrabbiata, per poi scusarmi successivamente con il personale».

Dopo molta insistenza il piccolo gruppo riesce a raggiungere telefonicamente il medico cantonale e ad avere il via libera per l’ultima visita al capezzale della loro cara. «Ci è stato concesso di entrare nella camera uno per volta e per al massimo 15 minuti. Alle 19.45 l’ultimo figlio è stato invitato a uscire dalla stanza. Venti minuti dopo lei è morta, completamente sola». Il rammarico più grande è di non averla potuta accompagnare negli ultimi istanti di vita. «E se non ci fossimo impuntati, non avremmo nemmeno potuto accomiatarci. Capisco le disposizioni dovute alla pandemia, ma né lei né noi avevamo il Covid. Ci saremmo aspettati un minimo di umanità». 

Per chiarire i retroscena di questa delicata vicenda abbiamo posto alcune domande a Fabio Sartori, direttore sanitario della Santa Chiara, che premette: «Per il personale all'accettazione non è sempre facile sostenere commenti e critiche di quei visitatori che non capiscono o non condividono le ragioni che ci impediscono di soddisfare tutte le loro richieste».

Attualmente come sono regolate le visite in clinica? 

Di principio non sono permesse. Le eccezioni sono le visite dei neo-papà nel reparto maternità e quelle ai pazienti in fin di vita. Queste ultime sono consentite solo ai parenti stretti per un massimo complessivo di 60 minuti per ogni paziente, una volta al giorno: obbligatori camice, guanti e mascherina chirurgica. La limitazione temporale è volta a contenere la “potenziale emissione di virus nell’ambiente” da parte dei visitatori che potrebbero essere portatori asintomatici.

C’è differenza se la persona degente è malata di Covid o meno? 

Di principio non teniamo pazienti Covid positivi. 

Per quale motivo serve l’autorizzazione del medico curante?

L’autorizzazione del medico curante non è richiesta, ma è richiesta la conferma che il paziente sia effettivamente in fin di vita.

Se il medico non è raggiungibile, i congiunti rischiano di non poter vedere il proprio caro per l’ultima volta? Non è previsto un protocollo speciale per il fine settimana?

Nel fine settimana se le visite rientrano nelle eccezioni non necessitano di nessuna autorizzazione supplementare. Tocca al medico curante dare chiare disposizioni. Se non lo fa, gli addetti all’accettazione non possono far entrare visitatori; occorre la conferma medica del fatto che si tratti effettivamente di un paziente in fin di vita.

Chi ha stabilito queste regole? La Clinica oppure si tratta di direttive cantonali che valgono per tutti gli ospedali del Ticino?

Le direttive sono cantonali, l’applicazione è della Clinica che, in funzione della prevalenza delle eventuali infezioni nella struttura o dell’andamento pandemico generale, può aumentare le misure di sicurezza.

Perché sono concessi solo 15 minuti, una persona per volta, nonostante le protezioni indossate e il fatto che la persona degente non abbia il virus?

Perché le disposizioni cantonali prevedono al massimo 30 minuti per paziente al giorno. Noi abbiamo aumentato il tempo massimo a un’ora, tuttavia da spartire tra tutti coloro che desiderano visitare il paziente. Di conseguenza, e se vi sono più visitatori, questo tempo viene spartito fra tutti quelli che si sono annunciati.

Disponete di test rapidi per stabilire la positività o meno dei visitatori al coronavirus? Non potrebbero essere utili in casi come quello raccontato per concedere più tempo? 

Abbiamo i test rapidi, ma la loro sensibilità e specificità sono nettamente inferiori ai test Pcr. Questo implica la presenza di un numero più elevato di falsi negativi e la diminuita specificità di un maggior numero di falsi positivi. Il grado di sicurezza del test rapido è accettabile per partecipare, ad esempio, a una festa in famiglia ma non per entrare in un ospedale acuto. Se poi le persone sono asintomatiche il rischio che il test rapido non colga la loro positività è ancora più elevato. Avendo poi il Cantone deciso di procrastinare la vaccinazione per gli ospedali acuti, e quindi di continuare a esporre il personale di queste strutture ai positivi asintomatici, creando di fatto un alto potenziale di rischio, non abbiamo alcuna valida alternativa per quanto concerne le visite dall’esterno: difficile infatti pretendere che i parenti abbiano effettuato un test Pcr nelle 48 ore precedenti per poter rendere visita nelle 24 ore seguenti a un paziente morente.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved