ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 min

Piscina di Carona, snellito il progetto di rilancio

Abbattuti i costi, razionalizzato l’intervento ma restano l’intenzione dell’autorità di rivalutare il comparto e le perplessità dei critici
Ticino
3 ore

Parità per l’età Avs? ‘Allora parità in tutti gli ambiti’

Secondo i contrari alla riforma avallata per pochi voti, ora è ancora più urgente combattere le disuguaglianze di genere. ‘Il no del Ticino è un segnale’
Ticino
3 ore

Giovani nei partiti, tra ‘buone alleanze’ e ‘spine nel fianco’

Parola ai responsabili dei movimenti politici giovanili: i temi, i rapporti con gli schieramenti di riferimento, come intercettano le nuove generazioni
Bellinzonese
3 ore

Val d’Ambra 2, Pro Natura ribadisce il proprio ‘niet’

L’associazione ambientalista sempre contraria a un secondo bacino in Bassa Leventina, rispolverato da alcuni parlamentari vista la penuria energetica
Locarnese
3 ore

Hotel Arcadia, ‘il malessere è reale’: cade la Direzione

Confermato dall’audit dell’Ispettorato del lavoro il profondo disagio in albergo per i metodi di conduzione. Inevitabili i provvedimenti della casa madre
Luganese
10 ore

Lugano, scontro tra un automobilista e un motociclista

Ad avere la peggio il secondo, un 47enne che ha riportato ferite di media gravità. È successo a inizio serata in via Ciani
Luganese
12 ore

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
12 ore

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Mendrisiotto
12 ore

Servizio idrico, c’è il sigillo degli Enti locali

Via libera della Sezione alle fondamenta del Consorzio che vede unire le forze del Basso Mendrisiotto
Luganese
13 ore

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
14 ore

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
14 ore

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
14 ore

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
Luganese
15 ore

Lugano, chiusure viarie per la ‘Ladies run’

La tratta del lungolago verrà sbarrata alle auto dalle 9 alle 16, dalla rotonda del Lac fino a piazza Castello. Lo stesso per la zona di Riva Caccia.
Mendrisiotto
15 ore

‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’

La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Ticino
16 ore

Il capo dell’esercito svizzero al Lac per parlare di sicurezza

Thomas Süssli sarà in Ticino il 18 ottobre in occasione della conferenza organizzata dall’Armsi e risponderà alle domande del pubblico
30.03.2021 - 18:59
Aggiornamento: 19:42

Vallemaggia e Pedemonte, boschi flagellati dal maltempo

Gli eventi meteorologici estremi degli ultimi anni e la malattia del castagno in alcune aeree rendono necessario un intervento selvicolturale dell'uomo

di Shila Dutly Glavas e David Leoni
vallemaggia-e-pedemonte-boschi-flagellati-dal-maltempo
+4

«È stato il vento». Thomas Schiesser, capoufficio della Sezione forestale operante in Vallemaggia, non ha dubbi. Le profonde ferite boschive riscontrate in Vallemaggia, e che hanno generato più di una domanda fra i residenti, sono in gran parte state causate dai fortissimi venti d'inizio ottobre. Schiesser sgombra dunque il campo da dubbi riguardanti un ruolo avuto dalle forti nevicate o da altri fattori ambientali: «Posso invece confermare – dice – che l'importante caduta di alberi nella regione valmaggese, e non solo, è stata causata dai forti venti occorsi fra il 2 e il 3 ottobre 2020. Probabilmente, le piante segnalate dalla popolazione appartengono a queste. Vi è poi da considerare un altro aspetto rigurdante i luoghi in cui si verificano i crolli. Un conto è se succede nei boschi di protezione, un altro invece se accade nelle zone golenali, molto più soggette a mutazioni del proprio aspetto paesaggistico; e sono anche più evidente perché paesi e strada cantonale sono vicini al fiume e ad altri corsi d’acqua».

Si stima che il vento di scirocco che ha colpito il Ticino in autunno, in una sola notte abbia sradicato oltre 36mila metri cubi di legname, sparsi su una superficie boschiva di 520 ettari su tutto il territorio cantonale. Particolarmente colpiti furono allora non solo la vegetazione dell’alta Vallemaggia, ma anche il Mendrisiotto e l’alta Leventina. 

Per un dubbio che si scioglie, rimangono i quesiti; uno riguarda proprio la tenuta del manto boschivo. Quando un albero termina il suo ciclo vitale, chi si occupa del suo smaltimento e della pulizia del luogo? «Di principio cerchiamo di intervenire il meno possibile e di lasciar fare alla natura stessa – spiega Schiesser –. L'ecosistema di regola possiede già tutti gli strumenti necessari per poter prendersi cura di se stesso. Questo anche quando crolla una pianta. Molta gente crede che un bosco è pulito quando non vi sono piante secche, rotte o storte. Ma non è così; gli animali e altre specie vegetali trovano rifugio e nutrimento da esse.  Noi interveniamo nei casi in cui l'albero o i popolamenti possano creare un determinato pericolo, si trovano vicino a sentieri o ad abitazioni e c'è il rischio che passanti o abitanti possano farsi male». I boschi di protezione in Lavizzara e in Rovana sono stati duramente danneggiati dalle raffiche di vento, nota Schiesser; «in quel caso, siamo dovuti intervenire urgentemente per evitare possibili impostazioni di bostrico, un coleottero particolarmente ghiotto di abete rosso».

Oltre all'azienda forestale, anche i cittadini possono contribuire, in linea di massima, alla cura dei boschi, in particolare quelli provati. Per chi volesse è infatti possibile il taglio e la raccolta della legna, a condizione però che venga richiesta prima l'autorizzazione al proprietario e al Circondario competente.

Sempre parlando di abitanti, quelli di Cevio, negli scorsi giorni, hanno notato che nella zona dei Grotti, sopra il paese, è stata tagliata una quantità significativa di alberi. Anche loro vittime del vento? «No, in quel caso si è trattato di lavori di selvicoltura legati a una pianta che si chiama “ailanto”. L'ailanto è molto invasivo e tende a colonizzare molto velocemente e con aggressività le zone dove si insedia. Questa specie emana sostanze che inibiscono la crescita di altre piante. Riduce notevolmente – stando alle conoscenze attuali – la biodiversità e questo è un danno per il nostro territorio. Al momento sono in corso diversi studi per verificare se l’alianto possa fungere da bosco di protezione, pari delle nostre conifere e i nostri latifogli», conclude Schiesser. 

Terre di Pedemonte e Centovalli, i boschi di protezione vanno risanati

Il generale deperimento dei boschi di castagno, da anni evidente soprattutto nel Locarnese, così come eventi meteorologici estremi spesso accompagnati da forti venti rendono critica la stabilità dei boschi di protezione. Da alcuni anni il nel comune di Terre di Pedemonte, l’Ufficio forestale dell’8° circondario promuove interventi selvicolturali per eliminare il pericolo rappresentato dai crolli di alberi a ridosso delle zone abitate. Alcuni progetti si stanno chiudendo con la piantagione e la cura del nuovo bosco a Cavigliano e a Ponte Brolla. A Tegna  invece altri interventi urgenti si sono resi necessari per garantire la sicurezza delle abitazioni a ridosso del bosco. Oltre al taglio delle piante pericolanti, nei progetti più recenti si sperimenta la messa a dimore di nuove essenze forestali meglio adattate al clima estremamente secco degli ultimi anni. Queste specie dovrebbero costituire fra alcuni decenni il nuovo bosco di protezione, che si vuole strutturato e con una buona mescolanza di alcune piante di origine anche mediterranea.

Interventi analoghi sono in corso pure nel comune di Centovalli a Verdasio. Anche in questo caso la necessità è nata dopo i numerosi schianti da vento dell’autunno scorso. I lavori particolarmente impegnativi a causa della cattiva stabilità delle piante, sono eseguiti da imprese forestali locali, con personale formato anche allo smontaggio di piante con elicottero. Elicottero che, nonostante l’indiscusso impatto fonico rappresenta l’unico mezzo d’esbosco in un territorio con scarsissime infrastrutture forestali.

Il legname portato a valle andrà ad alimentare le centrali a cippato d'Intragna e Losone, a testimonianza di un economia circolare che valorizza competenze e risorse locali. Committenti dei lavori sono i due comuni locarnesi, che grazie agli importanti contributi forestali cantonali e federali riescono a garantire l’indispensabile cura del bosco. 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved