prestito-o-no-gli-interessi-sono-altissimi
Ti-Press
Utilizzati fra i 227mila e i 281mila franchi di una cliente
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione

Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
2 ore

Tutto pronto per la 5ª edizione del Greina Trail

Gli organizzatori informano che è ancora possibile iscriversi alle varie tipologie di corsa
Bellinzonese
2 ore

Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’

A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Luganese
2 ore

Magliaso festeggia San Rocco

Sabato la comunità locale si ritroverà nella corte del municipio per condividere la ricorrenza tra devozione e tradizione popolare
Bellinzonese
2 ore

Polenta storna all’Alpe Géira

Il tradizionale pranzo organizzato dal Patriziato di Dalpe si terrà domenica 21 agosto alle 12
Bellinzonese
3 ore

Cinque concerti d’organo in Leventina

Mercoledì 17 agosto a Giornico, sabato 20 a Faido, mercoledì 24 a Quinto, sabato 27 a Chironico e mercoledì 31 ad Airolo
Luganese
3 ore

‘Bissone Arte ’22’ e il villaggio diventa un museo

Il paese darà spazio per oltre un mese alla creatività di una trentina di artisti. Opere esposte sul territorio
Mendrisiotto
3 ore

Riva San Vitale verso nuove... rive lacustri

In pubblicazione la domanda di costruzione per il progetto di sistemazione degli accessi a lago in zona Lido, in modo da uniformarne l’aspetto
Bellinzonese
3 ore

Festa in onore del generale Guisan al Sasso San Gottardo

Sabato 20 e domenica 21 agosto si celebreranno i 60 anni dalla scomparsa del generale Henri Guisan, rinviati di due anni a causa della pandemia
Ticino
3 ore

Costo benzina sulla fascia di confine, la forbice si allarga

Rapida panoramica sui prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera. Il decreto aiuti del governo Draghi. L’immobilismo del Consiglio federale
Mendrisiotto
3 ore

Tre eventi per il Festival delle famiglie a Balerna

Teatro di figura, cinema e racconti nei parchi per adulti e bambini chiudono la stagione estiva
Bellinzonese
3 ore

Carì, birre artigianali abbinate a formaggi nostrani

Appuntamento per domenica 21 agosto dalle 11 alle 12.30 all’osteria Belvedere con l’esperto Roberto Storni
Locarnese
3 ore

Assemblea Losone Sportiva nella sala del Consiglio comunale

L’appuntamento è per giovedì 18 agosto alle ore 20. Al termine dell’assemblea verrà offerto un rinfresco.
Mendrisiotto
4 ore

Al nastro di partenza la Camminata popolare castellana

Sui percorsi di Castel San Pietro torna la kermesse non competitiva. Dieci chilometri nella natura e nel paesaggio
24.03.2021 - 17:42
Aggiornamento: 18:36

Prestito o no, gli interessi sono altissimi

A processo in appello l'avvocato di Muralto che avrebbe malversato i soldi di una cliente. L'accusa chiede 22 mesi, la difesa l'assoluzione

«Sono pronto a tagliare il cordone ombelicale con un limbo disorganizzativo che ha radici nel passato, e che ho trovato nel momento stesso in cui ho cominciato a fare la pratica sotto mio padre. Lo dico senza rimproveri. Per fare un passo avanti mi sono fatto aiutare da due persone a cui ho chiesto di credermi: una è il mio avvocato. Stavo franando dalla sofferenza di sentirmi dare del bugiardo e del ladro». È un passaggio della dichiarazione finale, pronunciata da imputato, dall'avvocato 60enne di Muralto processato in appello per ripetuta appropriazione indebita qualificata dopo una condanna in prima istanza a 1 anno e 3 mesi di detenzione sospesi.

“Libero accesso ai soldi”

I fatti contestati risalgono al periodo compreso fra il 2013 e il 2015, quando il legale, da notaio, rogò il passaggio di proprietà di un rustico, divenne amico della venditrice (una donna germanica poi defunta nel 2014) ed utilizzò buona parte dei proventi per appianare suoi debiti privati. A suo dire – ed è la versione già sostenuta in parte senza successo in prima istanza dal suo legale Diego Olgiati – lo fece forte della concessione di prestito “libero” (o senza limiti) concessogli oralmente dalla donna. Elemento cardine di questa “verità” è una telefonata in cui la benefattrice, rispondendo ad una richiesta di aiuto finanziario avanzata per e-mail dall'avvocato, si sarebbe presa carico della situazione ben oltre i 30mila franchi domandati dall'uomo, lasciandogli in pratica libero accesso al suo conto cliente.

Diametralmente opposta la versione dell'accusa – sostenuta dal procuratore generale Andrea Pagani – convinta che quella telefonata non ci fu ma fu anzi «inventata» a posteriori «per giustificare una ventina di indebiti prelievi». Parliamo di una cifra variabile fra i 227mila franchi riconosciuti dalla Corte di prima istanza e i 281mila franchi sostenuti invece dall'accusa, che proprio sulla base di questa differenza aveva presentato appello incidentale chiedendo la conferma integrale dell'atto d'accusa.

“Lo ammetto: sono stato un asino”

Di alto livello, a dibattimento, è stato il lavoro svolto sia dall'accusa, sia dalla difesa, accomunate per altro dallo sconcerto di dover trattare il caso di un avvocato, notaio e penalista di buona fama e riconosciuta intelligenza, ma purtroppo da sempre incapace di occuparsi come si deve «delle questioni pratiche della sua attività», come sottolineato da Olgiati.

Olgiati «al quale per migliorarmi – ha detto l'imputato – devo dare ragione e ammettere che sono stato un asino. Ma in oltre 30 anni di esperienza in aula penale sia come difensore, sia come accusatore privato, non ho mai né costruito né utilizzato carte false, e non ho iniziato a farlo a mia difesa. Ho sempre portato unicamente parole, ragionamenti e genuinità; talvolta, qualche ingenuità. Se ho perso diversi mandati è perchè mi sono sempre rifiutato di fare carte false in istruttoria».

Per il pg Pagani, nello specifico, «l'imputato non è credibile, si è indebitamene appropriato di soldi che non era in grado di restituire e ha utilizzato il conto clienti come un bancomat. Ha tradito la pubblica veste e la fiducia della cliente». Il magistrato ha chiesto un aumento della pena a 22 mesi, sospesi per un periodo di prova di due anni. 

Le “aberrazioni” di prima istanza

Alla base dell'arringa che ha portato Olgiati a confermare la sua richiesta di assoluzione v'è invece un distinguo importante: «Non tutto ciò che è deontologicamente scorretto dev'essere oggetto di un reato penale. Questa situazione è oggettivamente brutta, ma il pensiero del giudice non dev'essere ingabbiato in un tunnel cognitivo. È necessario sondare a fondo l'ipotesi accusatoria, non limitarsi a confermarla». Ovvero ciò che, secondo il legale, avrebbe fatto la Corte di prima istanza, della quale sono state passate in rassegna «le aberrazioni» iscritte a sentenza. «Nel processo civile – ha detto fra l'altro Olgiati – l'onere della prova spetta a chi vuol far valere un diritto. In quello penale, nella nostra fattispecie, lo Stato deve dimostrare al di là del ragionevole dubbio che non vi è stato un prestito. E sempre deve valere la presunzione d'innocenza», a favore della quale parlerebbe il rapporto di profonda amicizia fra l'imputato e la donna, «che non va banalizzato».

Come, dal punto di vista dell'accusa, non vanno banalizzate altre evidenze. Una è legata alle dichiarazioni al fisco del presunto prestito: «Non troviamo niente per l'anno fiscale 2013, mentre per il 2014 la dichiarazione appare soltanto nel 2016, fatta a posteriori e maldestramente, quando la diga stava per cedere».

La Corte, presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will, comunicherà la sua sentenza nelle prossime settimane.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved