ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie

L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
7 ore

Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito

Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
8 ore

Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’

I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
8 ore

Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere

La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
9 ore

Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia

La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
9 ore

‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’

Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Luganese
10 ore

Pregassona, riproposto il Natale insieme

Aperte le iscrizioni per il pranzo in compagnia organizzato al capannone dal Kiwanis Club Lugano, dopo due anni di pausa dovuti alla pandemia
Luganese
10 ore

Lugano celebra i suoi volontari

In occasione della Giornata internazionale del volontariato indetta dalle Nazioni Unite, il Municipio ha ringraziato i settecento presenti
Bellinzonese
10 ore

Bella prova degli schermidori turriti in quel di Küssnacht

Associazione Bellinzona scherma soddisfatta dei propri atleti che hanno partecipato alla prima gara a livello nazionale dopo il lungo stop dovuto al Covid
Luganese
10 ore

Cureglia, dopo due anni torna il pranzo per le persone in Avs

Al tradizionale appuntamento hanno partecipato centinaia di cittadini e il Municipio al completo guidato dalla sindaca Tessa Gambazzi Pagnamenta
Locarnese
11 ore

La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’

Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Bellinzonese
11 ore

Riduzione della sofferenza psicofisica o stress con l’Atte

Il corso di Mindfulness (otto incontri e una giornata intensiva) si terrà a partire dal 18 gennaio al Centro diurno a Bellinzona
laR
 
01.03.2021 - 22:00

Maggia, due case prefabbricate nel nucleo? C'è chi dice ‘no’

Opposizioni contro la concessione della licenza edilizia per gli stabili. ‘Non rispettano i valori storici e paesaggistici della zona’

maggia-due-case-prefabbricate-nel-nucleo-c-e-chi-dice-no
Le modine viste dalla strada

Il nucleo storico di Maggia conserva i tratti della tradizione architettonica locale, con tanti esempi di costruzioni antiche in sasso e viottoli pavimentati in pietra. Molte abitazioni sono state ristrutturate con rispetto, permettendo di conservare un'atmosfera autentica. E l'autorità locale ha vigilato, imponendo regole e norme pianificatorie chiare.
Ma ora, su un sedime dello stesso nucleo, sono spuntate delle modine che lasciano intuire l'edificazione di nuovi stabili di una certa dimensione. Alcuni confinanti si sono informati e dopo aver visionato i progetti hanno deciso d'inoltrare opposizione. Li abbiamo incontrati di fronte al caminetto accesso della loro caratteristica casa in pietra, con tetto in piode. Sono contrariati per diverse ragioni: «L'intervento previsto, proprio sulla fascia di terreno che delimita il nucleo, a nostro avviso deturpa la zona. Le due nuove abitazioni prefabbricate non si conciliano per nulla con la tradizione architettonica locale».

‘Non possiamo accettare passivamente’

Nella loro opposizione, che è attualmente sul tavolo del Municipio, chiamato a concedere la licenza edilizia, entrano nei dettagli di quella che definiscono una vera e propria speculazione: «Non vengono per nulla rispettati i valori storici e paesaggistici della zona e le nuove case nasconderanno alla vista gli edifici rurali del nucleo, alcuni dei quali risalgono al 1600 e al 1700. Non possiamo accettare passivamente». Dubbi vengono espressi anche per quanto riguarda l'allineamento dei nuovi stabili, messi in diagonale rispetto alle case esistenti, per sfruttare fino all'ultimo centimetro le possibilità edificatore del sedime.
Il fatto che le due case saranno prefabbricate suscita grandi perplessità. Gli intervistati, citando le “Linee guida cantonali: interventi nei nuclei storici. Criteri di valutazione paesaggistica nell'ambito della procedura edilizia” (Edizione Dipartimento del territorio, 2016), ricordano che “costruzioni prefabbricate o costruite in serie che presentano tipologie totalmente estranee all'identità e alla cultura del costruito locale, mal si adattano a essere parte di un tessuto edificato con caratteristiche precise e proprie”.
Di più: ci deve essere armonia con gli edifici attigui e l'inserimento deve riprendere “le regole di crescita tipiche del sistema aggregativo e gli allineamenti delle costruzioni storiche”.

Le diverse criticità osservate dai vicini

«In verità il progetto propone due nuove abitazioni monofamiliari non parallele tra loro e che si toccano in un solo punto. Una contiguità che, così come viene proposta, appare discutibile e di difficile riscontro nei nuclei tradizionali. I tetti, con pendenza dell'80 per cento (eccessiva per una copertura in tegole), presentano sporgenze importanti su gronde e frontoni (84 centimetri) e non riscontrabili in nessuna altra costruzione del nucleo, se non in presenza di balconi tradizionali. Probabilmente si tratta di uno stratagemma per poter ottenere una maggior altezza, visto che questa viene misurata da terra al canale di gronda. Così, contrariamente a quanto si riscontra nelle case vicine, potrà essere sfruttato appieno il terzo piano, che sarà abitativo. In altre parole, l'operazione immobiliare si allinea con i parametri della zona residenziale di Maggia piuttosto che con quelli imposti per il nucleo».
L'opposizione elenca pure altri aspetti. I due prefabbricati nasconderanno de facto la vista di buona parte del nucleo storico da sud e andranno a intaccare pesantemente la fascia verde che oggi fa da cuscinetto tra l'agglomerato tradizionale e i quartieri più nuovi di Maggia.
Senza dimenticare la prevista demolizione del balcone di facciata dell'antica casa retrostante, che sparirà per garantire le distanze necessarie alla nuova edificazione. In questo caso gli opponenti si chiedono se esiste la relativa licenza edilizia, che sarebbe già stata concessa: ne hanno chiesto una copia, senza ottenere riscontro.
In conclusione, secondo loro il progetto appare ingombrante e al di fuori da qualsiasi criterio di edificazione tradizionale, senza presentare aspetti di particolare valore estetico. «Per ora – annunciano – ci appelliamo al Municipio, nella speranza che la nostra istanza serva a bloccare questa speculazione. Ma ovviamente siamo disposti ad andare avanti nella nostra battaglia a difesa del nucleo storico».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved