maggia-due-case-prefabbricate-nel-nucleo-c-e-chi-dice-no
Le modine viste dalla strada
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
30 min

Al Paravento Yari Bernasconi e la musica classica indiana

Venerdì la poesia e il sabato note folk di qualità per gli ultimi due appuntamenti della stagione inverno-primavera
Locarnese
36 min

Cavigliano, Re Bagulon convoca i sudditi per l’assemblea

Venerdì la Società Carnevale si riunisce nella sala comunale (inizio alle 20) per discutere anche di finanze
Locarnese
48 min

Losone, tombola e merenda per beneficiari Avs

Domani un pomeriggio di festa organizzato dal gruppo mamme alla Fondazione Patrizia
Mendrisiotto
1 ora

Mks Pamp impegnata a ridurre l’impatto ambientale

L’azienda di Castel San Pietro, attiva nella lavorazione di metalli preziosi, mira a rispettare le indicazioni degli Accordi di Parigi
Locarnese
1 ora

Lupo a Cerentino: autorizzato l’abbattimento

Germano Mattei: ‘Decisione inevitabile, anche se tardiva’. L’esemplare aveva attaccato e ucciso 19 pecore lo scorso 26 aprile in Val Rovana.
Grigioni
3 ore

Fra i nominati a Museo europeo dell’anno pure quello del Moesano

Durante la premiazione che si è svolta in Estonia (vincitore Museo della Mente dei Paesi Bassi) la struttura grigionese ha ricevuto un prestigioso diploma
Luganese
3 ore

Promossa l’accusa al Tpf per l’accoltellatrice della Manor

L’imputata dovrà rispondere di tentato assassinio, violazione della legge federale che vieta i gruppi islamisti, ed esercizio illecito della prostituzione
Locarnese
3 ore

Gambarogno, cade da 4 metri: serie ferite per un operaio

L’incidente si è verificato stamane sui Monti di Gerra. Dopo le prime cure sul posto, il malcapitato è stato elitrasportato all’ospedale
Ticino
3 ore

Covid, 107 test positivi nelle ultime 24 ore. Nessun decesso.

Anche oggi nelle case per anziani del cantone non si registrano nuovi casi di coronavirus
Locarnese
3 ore

Linea ferroviaria Cadenazzo-Locarno, lavori in vista

Dal 20 al 23 maggio modifiche nella circolazione dei treni, con cambiamenti d’orario e sostituzione con bus
Bellinzonese
3 ore

Bellinzona, presentazione di una rivista di pensieri libertari

Appuntamento per sabato 21 maggio alle 16.30 al Circolo Carlo Vanza con la direttrice editoriale di Emma Carlotta Pedrazzini
Locarnese
4 ore

Concerto finale della Scuola popolare di musica di Locarno

Alla Sopracenerina con prenotazione del posto a sedere (massimo 190)
laR
 
01.03.2021 - 22:00

Maggia, due case prefabbricate nel nucleo? C'è chi dice ‘no’

Opposizioni contro la concessione della licenza edilizia per gli stabili. ‘Non rispettano i valori storici e paesaggistici della zona’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il nucleo storico di Maggia conserva i tratti della tradizione architettonica locale, con tanti esempi di costruzioni antiche in sasso e viottoli pavimentati in pietra. Molte abitazioni sono state ristrutturate con rispetto, permettendo di conservare un'atmosfera autentica. E l'autorità locale ha vigilato, imponendo regole e norme pianificatorie chiare.
Ma ora, su un sedime dello stesso nucleo, sono spuntate delle modine che lasciano intuire l'edificazione di nuovi stabili di una certa dimensione. Alcuni confinanti si sono informati e dopo aver visionato i progetti hanno deciso d'inoltrare opposizione. Li abbiamo incontrati di fronte al caminetto accesso della loro caratteristica casa in pietra, con tetto in piode. Sono contrariati per diverse ragioni: «L'intervento previsto, proprio sulla fascia di terreno che delimita il nucleo, a nostro avviso deturpa la zona. Le due nuove abitazioni prefabbricate non si conciliano per nulla con la tradizione architettonica locale».

‘Non possiamo accettare passivamente’

Nella loro opposizione, che è attualmente sul tavolo del Municipio, chiamato a concedere la licenza edilizia, entrano nei dettagli di quella che definiscono una vera e propria speculazione: «Non vengono per nulla rispettati i valori storici e paesaggistici della zona e le nuove case nasconderanno alla vista gli edifici rurali del nucleo, alcuni dei quali risalgono al 1600 e al 1700. Non possiamo accettare passivamente». Dubbi vengono espressi anche per quanto riguarda l'allineamento dei nuovi stabili, messi in diagonale rispetto alle case esistenti, per sfruttare fino all'ultimo centimetro le possibilità edificatore del sedime.
Il fatto che le due case saranno prefabbricate suscita grandi perplessità. Gli intervistati, citando le “Linee guida cantonali: interventi nei nuclei storici. Criteri di valutazione paesaggistica nell'ambito della procedura edilizia” (Edizione Dipartimento del territorio, 2016), ricordano che “costruzioni prefabbricate o costruite in serie che presentano tipologie totalmente estranee all'identità e alla cultura del costruito locale, mal si adattano a essere parte di un tessuto edificato con caratteristiche precise e proprie”.
Di più: ci deve essere armonia con gli edifici attigui e l'inserimento deve riprendere “le regole di crescita tipiche del sistema aggregativo e gli allineamenti delle costruzioni storiche”.

Le diverse criticità osservate dai vicini

«In verità il progetto propone due nuove abitazioni monofamiliari non parallele tra loro e che si toccano in un solo punto. Una contiguità che, così come viene proposta, appare discutibile e di difficile riscontro nei nuclei tradizionali. I tetti, con pendenza dell'80 per cento (eccessiva per una copertura in tegole), presentano sporgenze importanti su gronde e frontoni (84 centimetri) e non riscontrabili in nessuna altra costruzione del nucleo, se non in presenza di balconi tradizionali. Probabilmente si tratta di uno stratagemma per poter ottenere una maggior altezza, visto che questa viene misurata da terra al canale di gronda. Così, contrariamente a quanto si riscontra nelle case vicine, potrà essere sfruttato appieno il terzo piano, che sarà abitativo. In altre parole, l'operazione immobiliare si allinea con i parametri della zona residenziale di Maggia piuttosto che con quelli imposti per il nucleo».
L'opposizione elenca pure altri aspetti. I due prefabbricati nasconderanno de facto la vista di buona parte del nucleo storico da sud e andranno a intaccare pesantemente la fascia verde che oggi fa da cuscinetto tra l'agglomerato tradizionale e i quartieri più nuovi di Maggia.
Senza dimenticare la prevista demolizione del balcone di facciata dell'antica casa retrostante, che sparirà per garantire le distanze necessarie alla nuova edificazione. In questo caso gli opponenti si chiedono se esiste la relativa licenza edilizia, che sarebbe già stata concessa: ne hanno chiesto una copia, senza ottenere riscontro.
In conclusione, secondo loro il progetto appare ingombrante e al di fuori da qualsiasi criterio di edificazione tradizionale, senza presentare aspetti di particolare valore estetico. «Per ora – annunciano – ci appelliamo al Municipio, nella speranza che la nostra istanza serva a bloccare questa speculazione. Ma ovviamente siamo disposti ad andare avanti nella nostra battaglia a difesa del nucleo storico».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
case prefabbricate nucleo maggia opposizione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved