casa-san-donato-sapeva-e-non-si-e-mosso-sanzionato
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 min

Locarno, alla Gestione piacciono gli orti comunali

Il rapporto commissionale preavvisa favorevolmente la richiesta di credito municipale per la realizzazione di 16 appezzamenti in zona Morettina
Bellinzonese
35 min

Torna il Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

L’Associazione MeTeOra annuncia che il prossimo appuntamento è in programma per mercoledì 2 febbraio
Luganese
48 min

Meditazione, silenzio e riflessioni al Convento del Bigorio

Nel mese di febbraio ci saranno tre appuntamenti. Il primo è dedicato a un aspetto della figura di S. Francesco d’Assisi
Locarnese
1 ora

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
1 ora

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
2 ore

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
2 ore

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
2 ore

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
 
24.02.2021 - 17:370
Aggiornamento : 18:39

Casa San Donato: sapeva e non si è mosso, sanzionato

Anziano deriso all'interno del reparto Alzheimer, un quarto collaboratore a conoscenza dell'accaduto è stato ripreso. Il CdF rincuora i dipendenti

C'è un quarto dipendente della Casa anziani San Donato d'Intragna coinvolto – anche se, occorre subito precisarlo, solo marginalmente – nell'incresciosa vicenda dell'anziano ospite del reparto Alzheimer deriso e sbeffeggiato da tre suoi colleghi. La persona in questione, come ci è stato confermato, non figura comunque sulla lista degli indagati. Non ha infatti preso parte attiva agli scherzi e alle imitazioni grottesche delle vittima finite in una chat interna del personale; la sua colpa, se di colpa vogliamo parlare, è di non essersi mosso per impedire che ciò accadesse, richiamando all'ordine i tre suoi colleghi. Dopo aver appurato i fatti nei dettagli, i vertici della Casa per anziani, che non hanno condiviso questo suo comportamento, hanno dunque deciso di sanzionarlo con una sospensione e l'ammonimento.

Sempre sul fronte degli accertamenti, intanto, dopo la segnalazione al Ministero pubblico da parte dell'Ufficio del medico cantonale, la Procura sta valutando il da farsi. L'incarto è sotto gli occhi della procuratrice pubblica Valentina Tuoni, che deciderà se e come “vestire” la questione di abiti penali, ipotizzando quindi eventuali capi d'imputazione a carico dei tre dipendenti coinvolti.

Nuova lettera di stima e solidarietà nei confronti dei collaboratori dell'istituto

Nel frattempo, il presidente del Consiglio di Fondazione, Ottavio Guerra, ha scritto un'e-mail al personale della struttura (un centinaio, grossomodo, i dipendenti) per ribadire la piena fiducia nel loro operato. "Dopo la triste vicenda degli scorsi giorni, desidero ringraziarvi indistintamente, personalmente e a nome dei membri del Consiglio di Fondazione, per il vostro lavoro e impegno profuso in questi tempi già difficili a causa della pandemia e resi ancor più complicati da quanto accaduto. Mi permetto inviarvi questo messaggio quale sostegno, solidarietà e piena fiducia nei vostri confronti. Come avrete sicuramente letto e sentito, siamo intervenuti subito nel ribadire la nostra intransigenza di fronte a comportamenti inaccettabili come quelli avvenuti, che si tratta di un caso isolato, ma soprattutto ribadito che le collaboratrici e i collaboratori del San Donato sono persone dedite alla loro professione con impegno e passione, nel rispetto dell’etica professionale, degli ospiti e dei loro familiari; questo in passato, oggi, e lo sarà anche in futuro. Siamo orgogliosi di voi e del vostro operato. Non è una novità questa vostra solerzia, ma ribadirlo in frangenti simili giova al corpo e allo spirito".

Un modo sicuramente apprezzato dai collaboratori, utile a riportare il sereno sul posto di lavoro, a tutto vantaggio della qualità delle cure offerte dalla struttura agli anziani. Prova ne è che diversi di loro hanno risposto dicendo di aver apprezzato l'iniziativa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved