ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
18 min

Anche Tesserete ha la ‘sua’ Oktoberfest

Pronti a varare la prima edizione della manifestazione all’insegna del buon cibo e della buona birra
Luganese
46 min

A Tesserete si torna allo s-cambio

Proposto un Mercatino dove barattare abiti, zaini, giochi e materiale scolastico. Nel segno della lotta allo spreco
Locarnese
1 ora

Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?

Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
3 ore

Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni

Il Dipartimento del Territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
3 ore

Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’

Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori.
Ticino
6 ore

Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’

Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
6 ore

Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn

Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Locarnese
11 ore

Comprarsi mezza Locarno con un lancio di dadi, da oggi si può

Dopo le edizioni dedicate a Lugano e al Ticino, arriva sul mercato anche la versione incentrata sulla Città sul Verbano del gioco da tavolo Monopoly
laR
 
24.02.2021 - 17:37
Aggiornamento: 18:39

Casa San Donato: sapeva e non si è mosso, sanzionato

Anziano deriso all'interno del reparto Alzheimer, un quarto collaboratore a conoscenza dell'accaduto è stato ripreso. Il CdF rincuora i dipendenti

casa-san-donato-sapeva-e-non-si-e-mosso-sanzionato

C'è un quarto dipendente della Casa anziani San Donato d'Intragna coinvolto – anche se, occorre subito precisarlo, solo marginalmente – nell'incresciosa vicenda dell'anziano ospite del reparto Alzheimer deriso e sbeffeggiato da tre suoi colleghi. La persona in questione, come ci è stato confermato, non figura comunque sulla lista degli indagati. Non ha infatti preso parte attiva agli scherzi e alle imitazioni grottesche delle vittima finite in una chat interna del personale; la sua colpa, se di colpa vogliamo parlare, è di non essersi mosso per impedire che ciò accadesse, richiamando all'ordine i tre suoi colleghi. Dopo aver appurato i fatti nei dettagli, i vertici della Casa per anziani, che non hanno condiviso questo suo comportamento, hanno dunque deciso di sanzionarlo con una sospensione e l'ammonimento.

Sempre sul fronte degli accertamenti, intanto, dopo la segnalazione al Ministero pubblico da parte dell'Ufficio del medico cantonale, la Procura sta valutando il da farsi. L'incarto è sotto gli occhi della procuratrice pubblica Valentina Tuoni, che deciderà se e come “vestire” la questione di abiti penali, ipotizzando quindi eventuali capi d'imputazione a carico dei tre dipendenti coinvolti.

Nuova lettera di stima e solidarietà nei confronti dei collaboratori dell'istituto

Nel frattempo, il presidente del Consiglio di Fondazione, Ottavio Guerra, ha scritto un'e-mail al personale della struttura (un centinaio, grossomodo, i dipendenti) per ribadire la piena fiducia nel loro operato. "Dopo la triste vicenda degli scorsi giorni, desidero ringraziarvi indistintamente, personalmente e a nome dei membri del Consiglio di Fondazione, per il vostro lavoro e impegno profuso in questi tempi già difficili a causa della pandemia e resi ancor più complicati da quanto accaduto. Mi permetto inviarvi questo messaggio quale sostegno, solidarietà e piena fiducia nei vostri confronti. Come avrete sicuramente letto e sentito, siamo intervenuti subito nel ribadire la nostra intransigenza di fronte a comportamenti inaccettabili come quelli avvenuti, che si tratta di un caso isolato, ma soprattutto ribadito che le collaboratrici e i collaboratori del San Donato sono persone dedite alla loro professione con impegno e passione, nel rispetto dell’etica professionale, degli ospiti e dei loro familiari; questo in passato, oggi, e lo sarà anche in futuro. Siamo orgogliosi di voi e del vostro operato. Non è una novità questa vostra solerzia, ma ribadirlo in frangenti simili giova al corpo e allo spirito".

Un modo sicuramente apprezzato dai collaboratori, utile a riportare il sereno sul posto di lavoro, a tutto vantaggio della qualità delle cure offerte dalla struttura agli anziani. Prova ne è che diversi di loro hanno risposto dicendo di aver apprezzato l'iniziativa.

Leggi anche:

San Donato: si filmano e deridono un ospite. Sospesi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved