locarno-si-della-gestione-al-credito-quadro-per-l-energia
(Ti-Press)
23.02.2021 - 15:310

Locarno, sì della Gestione al credito quadro per l’energia

La Commissione invita il Consiglio comunale ad approvare la terza tranche di 250mila franchi tenendo conto di alcune osservazioni

a cura de laRegione

La Commissione della gestione ha stilato il proprio rapporto favorevole al messaggio municipale riguardante la richiesta di un credito quadro di 250mila franchi per il quadriennio 2020-2023 che ha lo scopo d'implementare le misure legate al Piano energetico comunale (Pec) e a iniziative nell’ambito del progetto Città dell’energia.


Come si ricorda nel rapporto, dopo il primo credito quadro di 100mila franchi approvato nel 2011 e il secondo di 450mila votato nel 2016, il Comune è ora chiamato ad approvarne un terzo per passare alla concretizzazione dei progetti, che "dovrebbero portare alle auspicate riduzioni delle emissioni e a un conseguente miglioramento della qualità di vita in Città”. 


L’elenco preparato dal Municipio tocca diversi punti. Si va dall’applicazione delle misure previste dal Pec con studi di pianificazione per il risanamento energetico degli stabili comunali all’efficienza energetica per edifici, dal progetto di Centrale di mobilità per aziende e amministrazioni, al consolidamento del progetto Bike-Sharing. Nella lista anche il Piano di mobilità scolastica, la Città a misura d’anziano, gli incentivi diretti ai cittadini per la mobilità, il risanamento degli edifici, così come iniziative e promozioni locali, cantonali e federali di sensibilizzazione e informazione, e consulenze annuali sulla Città dell’energia.


Complessivamente la Commissione valuta positivamente il messaggio municipale in esame e ne propone l’approvazione delle conclusioni auspicando una particolare attenzione del Municipio alle osservazioni espresse sotto i diversi punti, “in particolare l’abbreviazione degli studi e l’accelerazione delle reali realizzazioni di ottimizzazione dell’efficienza energetica negli stabili comunali e, nel limite del possibile, anche in quelli privati”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved