ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze

L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
3 ore

‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete

I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Locarnese
10 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
10 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
11 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
13 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
15 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
16 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
16 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
18 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
19 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
20 ore

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
Luganese
20 ore

Una serata per parlare di inclusione scolastica

L’appuntamento è per martedì 14 febbraio al cinema Lux di Massagno. Verrà inoltre proiettato il film ‘Tutto il mio folle amore’
Locarnese
23 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
laR
 
23.02.2021 - 06:00

Ex museo Epper Ascona, non passa la protezione

Comune e Cantone respingono la richiesta di tutela del bene culturale: il ‘genius loci’ non è contemplato dalla legge

ex-museo-epper-ascona-non-passa-la-protezione
Nonostante la sua importanza storica non merita di essere preservato

L’ex Museo Epper di Ascona, acquistato per oltre tre milioni di franchi dal vicino albergo Eden Roc (del Tschuggen Hotel Group), non è un bene da tutelare. A questa conclusione sono giunti sia il Cantone, sia il Comune.

Nei giorni scorsi la richiesta di tutela e di adozione di misure provvisionali è stata respinta. A presentarla erano stati due consiglieri comunali – Valerio Sala del Plr e Piergiorgio Nessi del Gruppo progressisti –, l’ex municipale Michele Cerciello e il gallerista locarnese Mario Matasci. Un’istanza d’intervento inoltrata nel mese di giugno del 2020, quando lo stabile e il giardino che furono di Ignaz e Mischa Epper erano già passati di mano. Il legame tra il luogo e la produzione artistica, a detta dei quattro richiedenti, è sempre stato indissolubile: un valore storico culturale che da solo potrebbe costituire un motivo valido per conservare le peculiarità del sito.

Ma così non sarà. Il Consiglio di Stato è esplicito. Facendo riferimento alla Legge sui beni culturali (Lbc) “sono suscettibili di protezione i beni immobili e mobili materiali e tangibili che ‘singolarmente o nel loro insieme rivestono interesse per la collettività, in quanto testimonianze dell’attività creativa dell’uomo in tutte le sue espressioni”. L’edificio, già sede del Museo Epper “non presenta caratteristiche architettoniche e artistiche tali da poter essere considerato degno di protezione cantonale – prosegue il governo –. Teniamo a sottolineare che non è tutelabile ai sensi della Lbc il solo genius loci del Museo Epper, segnatamente il legame tra creazione artistica e luogo d’ispirazione, in quanto tipico bene immateriale, che non rientra nell’ambito d’applicazione della stessa legge”. Quindi, su proposta dell’Ufficio beni culturali e sentito il preavviso della Commissione dei beni culturali, il Consiglio di Stato ha deciso “di non adottare alcuna misura provvisionale”.

Il preavviso del Municipio

Il Municipio di Ascona, dal canto suo, aveva comunicato già lo scorso 10 novembre all’Ufficio beni culturali l’intenzione di non proteggere quale bene culturale locale l’ex Museo. Lo stesso Municipio sta elaborando un rilievo dei beni culturali per stabilire quali proteggere e per lo stabile e il giardino degli Epper in via Albarelle 14 ha già fatto elaborare una scheda specifica. Dalla stessa emerge che la casa “non denota alcuna qualità particolare. Lo spazio espositivo interno, che è stato modificato nel corso degli anni, neppure. Gli unici due elementi rilevati sono il portale d’entrata e il muro di cinta. Per quanto riguarda il portale, tuttavia, secondo il nostro specialista non c’è alcuna necessità di protezione, ritenuto come nelle immediate vicinanze c’è un portale ancor più significativo e di qualità maggiore”. La scheda menziona comunque la necessità “di conservazione delle tombe degli artisti a memoria della storia del luogo” e quindi il Municipio promette di valutare se proteggere il muro di cinta e le medesime tombe.

La scheda del censimento dei beni culturali locali assegna dei giudizi chiari sugli aspetti inerenti la dignità di protezione dell’ex museo. L’importanza architettonica e artistica è poca; mentre quella storica è ritenuta elevata. Dal punto di vista paesaggistico e urbanistico l’edificio ha scarso interesse, mentre gli esterni sono di media importanza.

L’edificio in via Albarelle 14 per decenni ha ospitato il Museo Epper. Recentemente è stato venduto al vicino albergo a 5 stelle e le opere sono state trasferite nello stabile della Fondazione Gérard, in Carrà dei Nasi, nel nucleo storico di Ascona. Lo stabile in questione era stato costruito nel 1938 per i coniugi Epper, giunti sulle sponde del Verbano nel 1932: una parte, sviluppata su due piani, è abitativa, con annesso atelier. Dopo la morte di Ignaz Epper, che nel 1969 si era tolto la vita nel giardino cintato da alte mura, la moglie concepì l’idea di creare il museo e agli inizi degli anni Settanta fece costruire una nuova ala. Alla sua morte lasciò per testamento l’intera proprietà alla Fondazione Epper, che lei stessa ha deciso di creare sempre tramite le sue ultime volontà.

La battaglia per conservare il lascito

La vendita dello stabile e del giardino aveva suscitato numerose proteste, una raccolta di oltre 1500 firme e diverse istanze, alcune anche nei confronti dell’Autorità di vigilanza per le fondazioni che aveva concesso il via libera alla transazione. Persino i discendenti di Mischa Epper avevano impugnato la decisione. Per cercare di conservare il lascito immobiliare ed evitare la demolizione della casa che fu dei due artisti era poi partita la richiesta di una tutela tramite l’Ufficio cantonale dei beni culturali. Ma la risposta giunta recentemente non lascia spazio a dubbi: lo stabile, pur con la sua innegabile importanza storica, non merita protezione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved