san-donato-si-filmano-e-deridono-un-ospite-sospesi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
25 min

I Comuni serrano i ranghi contro la corsia per i Tir sull’A2

Coldrerio convoca i vicini per definire una strategia congiunta. Lurati, Crtm: ‘Adesso serve un’azione di protesta’
Ticino
2 ore

Campeggi, nel 2021 il boom, ora il rientro nei ranghi

Dopo il milione e più di pernottamenti del 2021, la situazione dovrebbe tornare a livelli pre-pandemici. Patelli: ‘Inizio più che positivo’
Bellinzonese
2 ore

Strade e centri commerciali: cosa si è fatto e cosa manca

Sant’Antonino: il punto sulla viabilità dieci anni dopo la pianificazione che ha dimezzato l’area di vendita massima
Ticino
12 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
14 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
14 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
15 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
15 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
15 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
15 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
15 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
16 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
16 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
16 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
17 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
laR
 
18.02.2021 - 15:17
Aggiornamento : 20:46

San Donato: si filmano e deridono un ospite. Sospesi

Intragna, inchiesta interna e segnalazione alla Procura per la “bravata” nel reparto Alzheimer di alcuni dipendenti. Due si sono già licenziati

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Si sono divertiti ad imitare goffamente un ospite del reparto Alzheimer della casa anziani. Poi hanno condiviso il video, girato con il telefonino, sulla chat di reparto. Indignato, un (o una) collega ha segnalato l'abuso a chi di dovere. Il risultato è a cascata: avvio di un'indagine amministrativa interna, segnalazione del caso al Ministero pubblico, due dimissioni fra il personale di cura (per evitare il licenziamento), nonché una sospensione che potrebbe scaturire in un ammonimento o addirittura nella disdetta del contratto di lavoro.

Sono i contorni della nuova tegola che si è abbattuta in questi giorni sull'istituto per anziani San Donato di Intragna. Protagonisti sono degli assistenti geriatrici, ma anche, a quanto appurato dalla "Regione”, un caporeparto di recente riassunto dalla struttura. Si tratterebbe di due frontalieri e di una persona domiciliata nel Locarnese. La bravata del video ai danni dell'anziano ospite è stata compiuta durante i turni lavorativi. Chi ha visto il filmato può raccontare di immagini, girate nelle camere e nei corridoi, in cui l'ospite della casa anziani viene imitato, deriso, di fatto umiliato. Un trattamento già di per sè molto grave – grottesco, se consideriamo che l'anziano ridotto a zimbello alloggia nel reparto Alzheimer – ma che assume contorni ancora più inaccettabili visto che la presa in giro è stata postata su una chat di reparto, e data così in pasto anche ad una maggioranza di colleghi che con derive del genere non vuole avere niente a che fare.

‘Fatto grave del quale abbiamo subito informato il medico cantonale’

E niente a che fare con una situazione simile, c'è da giurarci, vorrebbe avere anche il Consiglio di Fondazione (CdF) della casa anziani, tra l'altro ampiamente rinnovato di recente. Un CdF che da noi interpellato conferma comunque integralmente i fatti. Lo fa tramite il suo presidente, Ottavio Guerra: «È in atto un’inchiesta amministrativa a carico di alcuni nostri collaboratori, rei di aver partecipato, durante il tempo di lavoro, come ”attori” e “registi” a un filmato, trasmesso su una “chat” del reparto, nel quale sembrano imitare il comportamento di un residente. La Direzione congiunta si è immediatamente attivata informando del caso l’Ufficio del medico cantonale. Questi, come da prassi, ha provveduto a una segnalazione al Ministero pubblico; l’inchiesta è tutt’ora in corso, per questo motivo non posso aggiungere altro. La Direzione congiunta ha pure informato i membri del Consiglio di Fondazione, i quali all’unanimità sostengono al 100% l’operato dei vertici. Nel frattempo tre collaboratori sono stati sospesi dalle loro funzioni». Oltre all'Ufficio del medico cantonale (che, raggiunto dalla “Regione”, non ha voluto commentare la vicenda), del caso è venuto a conoscenza anche l'Ufficio anziani del Dipartimento sanità e socialità. 

I fatti risalgono agli scorsi giorni. La famiglia dell'ospite preso di mira dal personale di cura è stata tempestivamente informata dell'accaduto.

Un caso unico e isolato, ma ne va dell'immagine della struttura 

Mentre il Ministero pubblico procede con gli approfondimenti del caso, i vertici della struttura hanno dunque subito preso importanti provvedimenti. È comunque importante precisare che analizzando le immagini e la documentazione, è stato possibile dedurre che non è stata assolutamente usata violenza psicofisica nei confronti della vittima. Il fatto di aver girato il video, e di averlo poi diffuso, sono però considerati comportamenti incompatibili con gli standard etici, con la condivisione attraverso i social di immagini e video di una persona ricoverata nell'istituto. La salute dell'anziano non sarebbe comunque mai stata messa in pericolo. Si è trattato di un episodio isolato, che ha interessato il solo reparto della struttura nel quale i dipendenti finiti sotto inchiesta erano attivi. Non sembrano infine esserci altri video dello stesso tenore sulla chat. Saranno comunque le verifiche in corso a confermare (o smentire) queste supposizioni.

La notizia è ovviamente destinata a creare ulteriore scalpore dopo le polemiche che hanno coinvolto la struttura per anziani (che, lo ricordiamo, da lavoro a un centinaio di dipendenti tra assistenti di cura, infermieri, medici e personale della cucina) con la storia dei vaccini somministrati, a inizio anno, a membri del Consiglio di Fondazione che non ne avevano urgente bisogno. 

Il precedente di Mendrisio

L'uso e l'abuso dei telefonini fra il personale sanitario non è una novità in Ticino. Un caso eclatante è quello emerso all'Obv di Mendrisio fra gli addentellati dell'inchiesta scattata dopo l'arresto di un ex infermiere attivo nel reparto di Medicina 1, che avrebbe somministrato sovradosaggi medicamentosi tali da causare la morte di 17 pazienti, tutti malati terminali. Nell'indagine erano rimaste coinvolte altre persone: due collaboratori erano stati licenziati e altri tre ammoniti per violazione del codice interno, proprio in merito all'uso dei telefonini. Alcuni si erano scambiati immagini e video di pazienti anziani e allo stato terminale, e lo avevano fatto con commenti giudicati eticamente intollerabili. Altri tre avevano fatto commenti, sempre via WhatsApp, che violavano il codice di comportamento, etico e dentologico, promosso dall'Eoc. 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
casa anziani chat dipendenti inchiesta intragna ministero pubblico san donato video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved