deflussi-danni-e-inattesa-generosita
La Maggia in piena lo scorso 3 ottobre
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
43 min

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
48 min

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
8 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
8 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
8 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
9 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
10 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
10 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
10 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
28.02.2021 - 15:47

Deflussi, danni e inattesa generosità

I dati del quarto trimestre 2020, con i fiumi in piena a inizio ottobre nel Locarnese

Pioggia, tanta e concentrata in poche ore. Il quarto trimestre del 2020 dal punto di vista idrologico è riassunto nel notiziario statistico “Deflussi swing, tra alluvioni e magre”, diffuso recentemente dall'Ufficio di statistica dal cantone, Dipartimento finanze ed economia (Dfe). Un notiziario che parte proprio dalla perturbazione “molto intensa nei giorni 2 e 3 ottobre: una tipica situazione di sbarramento al sud delle Alpi. Le regioni più interessate dall’evento sono state, come spesso accade in questi casi, la parte occidentale del Sopraceneri e l’alto Malcantone. Le precipitazioni costanti e prolungate hanno progressivamente ingrossato i corsi d’acqua della regione, soprattutto quelli principali di fondovalle, che hanno raccolto tutto il deflusso proveniente contemporaneamente dai diversi affluenti”.
I dati riferiti alla mattina del 3 ottobre: il deflusso del Ticino a Bellinzona ha superato i 1'340 metri cubi al secondo (m3/s), che rappresentano il settimo valore dal 1919 ad oggi. L’acqua ha superato gli argini sommergibili e invaso le golene in diversi punti tra Bellinzona e Riazzino. Deflussi molto elevati sono stati registrati anche nelle valli Maggia, Melezza e Onsernone: un valore massimo di circa 345 m3/s nell’Isorno a Mosogno (dati Ofima) e oltre 480 m3 /s nella Melezza a Palagnedra, dove è stato misurato anche il massimo valore di pioggia giornaliera (421 millimetri al pluviometro di Camedo). I contributi provenienti da tutte le valli laterali hanno ingrossato il fiume Maggia che a Locarno-Solduno ha raggiunto i 2'336 m3/s (un valore che ricorre a scadenza decennale). Un dato, quest'ultimo, che comunque fa riflettere se si considera che corrisponde più o meno alla somma dei deflussi medi dei fiumi Po (1540), Senna (500), Tevere (230) e Tamigi (65,8) messi assieme.

I danni. E in Gambarogno la solidarietà

Al di fuori delle cifre del quarto trimestre, occorre ricordare che le forti precipitazioni concentrate su alcuni giorni anche nel 2020 hanno causato danni un po' ovunque in Ticino, con aree inondate, riali e fiumi straripati e scoscendimenti di terreno. Si sono viste in più occasioni immagini di detriti sulle strade e di cantine allagate.

Il comune di Gambarogno, per dirne uno, negli scorsi mesi ha fatto la conta degli eventi avvenuti a fine agosto, ritrovandosi con una fattura finale decisamente salata: oltre tre milioni di franchi per oltre 76 punti specifici del territorio. Le autorità locali, in questo contesto e di fronte a una fattura così salata, hanno deciso di chiedere un contributo di solidarietà ai numerosi proprietari di residenze secondarie.
La risposta? «Assai positiva – afferma il sindaco Tiziano Ponti –. Sono infatti arrivati aiuti per 200mila franchi. Un risultato inatteso: siamo rimasti sorpresi per la sensibilità dimostrata dai proprietari di case di vacanza e per il loro attaccamento al nostro territorio».
Come mai la campagna di raccolta fondi non ha coinvolto i domiciliati? «I domiciliati già pagano le imposte nel nostro Comune, quindi fanno la loro parte. Chi possiede un alloggio di vacanza, pur beneficiando dei servizi offerti dall'ente pubblico, non paga altrettanto. Per questa ragione abbiamo provato a interpellarli».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
deflussi fiumi gambarogno maggia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved