tenero-l-impronta-di-unitas-durante-la-pandemia
Un momento difficile per chi ha particolare bisogno del contatto fisico per orientarsi e integrarsi (Foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
13 min

Brione sopra Minusio, calano gli abitanti

Nel corso del 2021 le partenze hanno superato gli arrivi
Luganese
18 min

Liceo diocesano di Breganzona, aperte le iscrizioni

Serate di presentazione pubblica, tra i percorsi possibili anche quelli per musicisti e sportivi
Luganese
30 min

Apre il 26 gennaio il Casinò di Campione d’Italia

La sala da gioco riapre i battenti con la formula ‘Tutto in un Touch’
Locarnese
31 min

Ronco s/Ascona, posteggi gratuiti

Fino al 28 febbraio non si dovranno pagare gli stalli pubblici comunali muniti di parchimetro
Ticino
33 min

Visita di cortesia del Console d’Italia a Lugano

Gabriele Meucci, appena entrato in carica, ha incontrato per la prima volta le autorità cantonali
Locarnese
38 min

Losone, lavori Ses e interruzione corrente

Il 28 gennaio l’erogazione sarà brevemente sospesa, nel corso del pomeriggio, tra Caraa Servetta e via San Materno
Locarnese
50 min

Annullato il Carnevale di Ribellonia a Solduno

Il comitato sta valutando di organizzare al suo posto un evento estivo
Locarnese
57 min

Riapre la Bottega del Mondo a Cavergno

Dopo la pausa natalizia, riprende l’attività benefica della sede alto-valmaggese
Locarnese
1 ora

Fart, treni soppressi la notte tra Muralto e Camedo

A causa di lavori notturni lungo la linea ferroviaria alcune corse serali verranno effettuate con autobus
Ticino
1 ora

‘Chi frequenta i corsi base raramente selezionato dalle aziende’

La Società impiegati di commercio è favorevole al superamento dei livelli alla scuola media
Locarnese
1 ora

Locarno, pannelli fotovoltaici sulla palestra protetta

Il progetto alle scuole dei Saleggi costerà 255mila franchi. C’è già l’approvazione di principio dell’Ufficio beni culturali
Luganese
1 ora

Fermato a 114 all’ora sul 50, 14 mesi sospesi

Un 25enne del Luganese è stato giudicato stamattina davanti alla Corte delle Assise correzionali di Lugano
Luganese
1 ora

Lotus Gaming trionfa alla Tcs e-sport Challenge

Ecco la classifica della prima edizione organizzata a Bioggio dal Touring club
Locarnese
1 ora

Locarno, annullato il pranzo di GenerazionePiù

La situazione pandemica critica ha spinto i responsabili a cancellare il momento conviviale di sabato prossimo, come pure quello del 1° febbraio
Luganese
2 ore

A Savosa cala il numero di abitanti

E per la Scuola dell’infanzia il Comune ottiene la targa Minergie
Grigioni
2 ore

Rossa cerca dei volontari molto particolari

Appello del Municipio per la vuotatura settimanale dei contenitori per gli escrementi dei cani
Bellinzonese
2 ore

La visione di Dio secondo Pirovano al Liceo di Bellinzona

Videoconferenza pubblica col filologo e critico dantesco italiano
15.02.2021 - 12:220

Tenero, 'l’impronta' di Unitas durante la pandemia

Il 2020 dell’Associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana. E i suoi progetti per quest’anno, con tre anniversari da festeggiare

Una pubblicazione annuale che permette di tenere vivo il contatto con la popolazione. Così si presenta ‘L’Impronta 2021’, foglio informativo fresco di stampa in cui l’Associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana Unitas elenca una selezione delle attività svolte durante l’anno passato e fa alcune anticipazioni riguardanti quello in corso.

«Questa edizione è diversa rispetto alle altre perché nel 2020 un gran numero di attività usuali non si sono potute svolgere a causa della pandemia – spiega Maurizio Bisi, assistente di direzione e responsabile amministrativo di Unitas –. Siamo riusciti a mantenere attivi tutti i nostri servizi essenziali che hanno continuato a fornire consulenze e prestazioni a livello ad esempio di supporto informatico e mezzi ausiliari, così come è proseguita l’attività particolarmente apprezzata della nostra biblioteca con la distribuzione di audiolibri e riviste. È invece venuta meno tutta la parte associativa, come le vacanze di gruppo in estate, le gite, i pranzi; momenti che ai nostri soci mancano veramente tanto».

Tuttavia, come si legge su ‘L’Impronta’, Unitas ha cercato di sopperire alla mancanza delle occasioni d’incontro stabilendo contatti regolari grazie a varie modalità telematiche. Nel periodo di lockdown, ad esempio, i residenti di Casa Tarcisio – la casa anziani con sede a Tenero che fa capo all’associazione – hanno potuto comunicare con i propri cari tramite una postazione multimediale. «Quando si sono dovute sospendere le visite, abbiamo creato questo spazio informatico per permettere agli ospiti, su prenotazione, di fare delle videochiamate a casa con l’assistenza del personale – illustra Bisi –. In più sono stati abilitati anche dei tablet da utilizzare nelle stanze che i residenti spesso e volentieri hanno impiegato anche per comunicare tra di loro nei momenti di maggiori limitazioni».

Pronto, come va? Interviste al telefono

Un’iniziativa che ha trovato un riscontro particolarmente positivo è stata quella delle interviste telefoniche. Franca Taddei, responsabile della biblioteca, ha contattato una cinquantina di soci di Unitas per sapere come stavano passando le giornate durante il periodo di lockdown in primavera. Col loro consenso tali conversazioni sono state registrate e successivamente pubblicate sia sul sito internet dell’associazione, sia sul server vocale che permette a chi non ha una connessione internet di sentirle componendo un numero telefonico. Un esperimento che, oltre a far sentire vicinanza e a creare condivisione, ha permesso di raccogliere delle testimonianze a memoria futura in ricordo di questo particolare periodo. A emergere con ricorrenza nell’ascolto degli audio è la difficoltà data dalla misura del distanziamento: «Per le persone cieche e ipovedenti il contatto fisico con la gente è uno dei modi per riuscire a orientarsi e a integrarsi – nota il nostro interlocutore –. Non poter toccare gli altri o non riuscire a riconoscerli è una problematica molto sentita. Nelle registrazioni ritorna però anche la constatazione di come questa circostanza sia stata un incentivo per sfruttare più spesso il telefono e sentirsi con maggior continuità».

Conservare e valorizzare la storia

Nel 2021 Unitas si augura di poter recuperare, tra le tante attività, anche i festeggiamenti ai quali è stata costretta a rinunciare nel 2020 per i 30 anni di Casa Tarcisio e per i 25 di Casa Andreina, il centro diurno con sede a Lugano. E questo in concomitanza con il 75esimo anniversario dell’associazione fondata nel 1946. «La nostra intenzione sarebbe di organizzare le celebrazioni verso la fine dell’estate, tra agosto e settembre, proponendo delle porte aperte, ma restiamo in attesa di capire come evolve la situazione per valutare cosa sarà possibile fare».

Nei piani dei prossimi mesi figura anche la pubblicazione di un nuovo cd audio della serie ‘Con-tatto’ che, al pari di quello realizzato nel 2020, proporrà un viaggio virtuale attraverso suoni e voci attinti dagli archivi della Unitas. «È parecchi anni che portiamo avanti questo progetto. La collana appena avviata e di cui proporremo il secondo numero va a riprendere dei file audio che avevamo creato in passato così da ripercorrere parte della storia dell’associazione. Un modo per capire come sono cambiati i servizi e i mezzi a disposizione dei soci, oltreché per conservare e valorizzare un prezioso patrimonio».

Le problematiche delle persone anziane

Sarà poi lanciata sui diversi canali della Svizzera italiana una campagna mediatica di sensibilizzazione. «Ogni anno ne proponiamo una a tema diverso, con una pubblicazione dedicata all’argomento pubblicata il 15 ottobre, data della Giornata internazionale del bastone bianco. Lo scorso anno la campagna era incentrata sull’integrazione scolastica e professionale delle persone cieche e ipovedenti, in quello attuale verterà invece sulle problematiche degli anziani con problemi di vista, che sono la categoria di persone più colpita. La maggior parte di chi si rivolge a noi, infatti, sono uomini e donne in età avanzata che per differenti ragioni hanno iniziato a perdere la vista. Il problema particolare di diventare ipovedenti quando si è in là con gli anni è che in diversi casi ci sono altre capacità che in concomitanza iniziano a venire meno. Noi forniamo consulenza, mezzi ausiliari e altri sostegni. E – speriamo di poter tornare a farlo presto – anche molte attività di condivisione e svago, per dare un contributo nell’affrontare al meglio la vita di tutti i giorni».

‘L’Impronta’ può essere richiesta al Segretariato della Unitas a Tenero oppure scaricata dal sito internet www.unitas.ch, dove si trovano anche le coordinate per chi volesse fare una donazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved