ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
18 min

Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’

Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Luganese
39 min

Lugano, circolazione tribulata a causa del film

Richiamata la chiusura del lungolago domani. Gli odierni problemi di traffico in centro città potrebbero aumentare
Ticino
49 min

La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles

Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
1 ora

Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno

Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
1 ora

Un principe poco da favola di un regno di bugie

Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Luganese
1 ora

Lugano, auto d’epoca in mostra nelle piazze

Alla seconda edizione dell’evento, ‘cancelli’ riaperti agli appassionati ed è previsto anche il premio per l’automobile più vecchia
Luganese
2 ore

Lugano, tagliano le pensioni? ‘Chiedi a Bertoli e Merlini’

Il Partito socialista organizza una serata pubblica affinché la popolazione possa porre domande su uno scenario che inquieta oltre 16’000 dipendenti
Locarnese
2 ore

Alla Biblioteca di Ascona un incontro per i più piccoli

Sabato prossimo mattinata in compagnia di una giullare cantastorie, pensata per bambini dai tre anni in su
Ticino
2 ore

Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani

Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
2 ore

Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’

L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Locarnese
2 ore

Muralto, dal ‘Vangelo secondo Harry Potter’

Al Centro Evangelico una tavola rotonda propone una lettura delle tematiche spirituali presenti nel ciclo del noto personaggio
Mendrisiotto
2 ore

Cinque Comuni del Mendrisiotto pensano al tutor di comunità

Avviata la formazione di una nuova figura di operatore sociale da parte di Morbio Inferiore, Vacallo, Breggia, Castel San Pietro e Balerna
Locarnese
2 ore

Energie rinnovabili, ‘il Municipio che intenzioni ha?’

Interpellanza del Gruppo Plr e Verdi liberali di Gordola sulla possibilità di sfruttare incentivi federali per fotovoltaico e mobilità elettrica
Mendrisiotto
2 ore

Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità

Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Grigioni
3 ore

Porte aperte all’alambicco regionale del Moesano

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 15 vicino al magazzino comunale ed ecopiazza a Roveredo
Bellinzonese
3 ore

Visita in cioccolateria con l’Atte Leventina

Mercoledì 12 ottobre è in programma una visita alla Chocolat Stella di Giubiasco
Luganese
3 ore

Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare

Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
15.02.2021 - 12:22

Tenero, 'l’impronta' di Unitas durante la pandemia

Il 2020 dell’Associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana. E i suoi progetti per quest’anno, con tre anniversari da festeggiare

tenero-l-impronta-di-unitas-durante-la-pandemia
Un momento difficile per chi ha particolare bisogno del contatto fisico per orientarsi e integrarsi (Foto Ti-Press)

Una pubblicazione annuale che permette di tenere vivo il contatto con la popolazione. Così si presenta ‘L’Impronta 2021’, foglio informativo fresco di stampa in cui l’Associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana Unitas elenca una selezione delle attività svolte durante l’anno passato e fa alcune anticipazioni riguardanti quello in corso.

«Questa edizione è diversa rispetto alle altre perché nel 2020 un gran numero di attività usuali non si sono potute svolgere a causa della pandemia – spiega Maurizio Bisi, assistente di direzione e responsabile amministrativo di Unitas –. Siamo riusciti a mantenere attivi tutti i nostri servizi essenziali che hanno continuato a fornire consulenze e prestazioni a livello ad esempio di supporto informatico e mezzi ausiliari, così come è proseguita l’attività particolarmente apprezzata della nostra biblioteca con la distribuzione di audiolibri e riviste. È invece venuta meno tutta la parte associativa, come le vacanze di gruppo in estate, le gite, i pranzi; momenti che ai nostri soci mancano veramente tanto».

Tuttavia, come si legge su ‘L’Impronta’, Unitas ha cercato di sopperire alla mancanza delle occasioni d’incontro stabilendo contatti regolari grazie a varie modalità telematiche. Nel periodo di lockdown, ad esempio, i residenti di Casa Tarcisio – la casa anziani con sede a Tenero che fa capo all’associazione – hanno potuto comunicare con i propri cari tramite una postazione multimediale. «Quando si sono dovute sospendere le visite, abbiamo creato questo spazio informatico per permettere agli ospiti, su prenotazione, di fare delle videochiamate a casa con l’assistenza del personale – illustra Bisi –. In più sono stati abilitati anche dei tablet da utilizzare nelle stanze che i residenti spesso e volentieri hanno impiegato anche per comunicare tra di loro nei momenti di maggiori limitazioni».

Pronto, come va? Interviste al telefono

Un’iniziativa che ha trovato un riscontro particolarmente positivo è stata quella delle interviste telefoniche. Franca Taddei, responsabile della biblioteca, ha contattato una cinquantina di soci di Unitas per sapere come stavano passando le giornate durante il periodo di lockdown in primavera. Col loro consenso tali conversazioni sono state registrate e successivamente pubblicate sia sul sito internet dell’associazione, sia sul server vocale che permette a chi non ha una connessione internet di sentirle componendo un numero telefonico. Un esperimento che, oltre a far sentire vicinanza e a creare condivisione, ha permesso di raccogliere delle testimonianze a memoria futura in ricordo di questo particolare periodo. A emergere con ricorrenza nell’ascolto degli audio è la difficoltà data dalla misura del distanziamento: «Per le persone cieche e ipovedenti il contatto fisico con la gente è uno dei modi per riuscire a orientarsi e a integrarsi – nota il nostro interlocutore –. Non poter toccare gli altri o non riuscire a riconoscerli è una problematica molto sentita. Nelle registrazioni ritorna però anche la constatazione di come questa circostanza sia stata un incentivo per sfruttare più spesso il telefono e sentirsi con maggior continuità».

Conservare e valorizzare la storia

Nel 2021 Unitas si augura di poter recuperare, tra le tante attività, anche i festeggiamenti ai quali è stata costretta a rinunciare nel 2020 per i 30 anni di Casa Tarcisio e per i 25 di Casa Andreina, il centro diurno con sede a Lugano. E questo in concomitanza con il 75esimo anniversario dell’associazione fondata nel 1946. «La nostra intenzione sarebbe di organizzare le celebrazioni verso la fine dell’estate, tra agosto e settembre, proponendo delle porte aperte, ma restiamo in attesa di capire come evolve la situazione per valutare cosa sarà possibile fare».

Nei piani dei prossimi mesi figura anche la pubblicazione di un nuovo cd audio della serie ‘Con-tatto’ che, al pari di quello realizzato nel 2020, proporrà un viaggio virtuale attraverso suoni e voci attinti dagli archivi della Unitas. «È parecchi anni che portiamo avanti questo progetto. La collana appena avviata e di cui proporremo il secondo numero va a riprendere dei file audio che avevamo creato in passato così da ripercorrere parte della storia dell’associazione. Un modo per capire come sono cambiati i servizi e i mezzi a disposizione dei soci, oltreché per conservare e valorizzare un prezioso patrimonio».

Le problematiche delle persone anziane

Sarà poi lanciata sui diversi canali della Svizzera italiana una campagna mediatica di sensibilizzazione. «Ogni anno ne proponiamo una a tema diverso, con una pubblicazione dedicata all’argomento pubblicata il 15 ottobre, data della Giornata internazionale del bastone bianco. Lo scorso anno la campagna era incentrata sull’integrazione scolastica e professionale delle persone cieche e ipovedenti, in quello attuale verterà invece sulle problematiche degli anziani con problemi di vista, che sono la categoria di persone più colpita. La maggior parte di chi si rivolge a noi, infatti, sono uomini e donne in età avanzata che per differenti ragioni hanno iniziato a perdere la vista. Il problema particolare di diventare ipovedenti quando si è in là con gli anni è che in diversi casi ci sono altre capacità che in concomitanza iniziano a venire meno. Noi forniamo consulenza, mezzi ausiliari e altri sostegni. E – speriamo di poter tornare a farlo presto – anche molte attività di condivisione e svago, per dare un contributo nell’affrontare al meglio la vita di tutti i giorni».

‘L’Impronta’ può essere richiesta al Segretariato della Unitas a Tenero oppure scaricata dal sito internet www.unitas.ch, dove si trovano anche le coordinate per chi volesse fare una donazione.

Leggi anche:

Tenero, alla scoperta della Biblioteca per persone cieche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved