ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
9 min

Depositata l’istanza di aggregazione del Basso Mendrisiotto

Le firme valide sono 402 e l‘iniziativa è ’ampiamente riuscita’. A fine febbraio sarà inviata al governo cantonale
Mendrisiotto
57 min

I Matiröö presentano ‘Quand la toca la taca’

Domenica 29 gennaio la compagnia teatrale si esibirà in uno spettacolo offerto dal Comune di Novazzano
Luganese
1 ora

Quale futuro per l’aeroporto di Agno?

Organizzata una serata informativa per discutere del futuro dello scalo. Presenti il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Luganese
1 ora

Giovane arrestato mentre trasportava eroina

Il fermo è avvenuto agli inizi di questa settimana, l’ipotesi di reato è d’infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacienti
Mendrisiotto
3 ore

È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito

Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
Locarnese
5 ore

La Stranociada, gli altri e lo ‘scherzo’ che (non) vale

Lo spostamento e il raddoppio delle serate del carnevale di Locarno non fa felici i vicini di Maggia e Gordola, chiamati a far buon viso a cattivo gioco
Luganese
7 ore

La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa

La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
7 ore

‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’

Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Bellinzonese
12 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
15 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
15 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
16 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
16 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
09.02.2021 - 07:47
Aggiornamento: 10:26

‘Life’, il centro di competenza che scodinzola

A Locarno cerca terreno adeguato un ambizioso progetto di formazione e terapia che mette il cane al centro

life-il-centro-di-competenza-che-scodinzola
Due gocce d'acqua, grazie all'arte di Gabriela Spector

Certi progetti nascono dal cuore, prima ancora che dalla disponibilità finanziaria o da particolari visioni tecniche. È fra questi “Life”, una sorta di centro di competenza del cane, con finalità sociali e legate alla salute fisica e mentale delle persone. “Life”, vita, non a caso è il nome del cane “primigenio” da cui in qualche modo è partita la strada verso la realizzazione del progetto; così si chiama l’amico a quattro zampe di Danilo Mocchi, istruttore cinofilo che unitamente a Carla Zaro ha elaborato l’idea. “Life" che tra l'altro (il cane) è stato immortalato in una scultura da Gabriela Spector; con la speranza, v'è da credere, che il pregevole gesto artistico possa essere di buon auspicio.

«Gli obiettivi dell'iniziativa sono aiutare e indirizzare bambini, giovani e persone di qualsiasi età o situazione sociale verso una nuova, sana attività propedeutica, terapeutica e sportiva che permetta di instaurare un rapporto stretto e affettivo con dei cani, come insegna la Pet-Therapy». Dalle parole di Carla Zaro e Danilo Mocchi emergono il trasporto e la volontà di concretizzare il grande sogno. «Con l’aiuto dei cani – proseguono – possiamo affrontare e risolvere problemi di comunicazione o disabilità motorie con il divertimento o la semplice responsabilizzazione verso un essere vivente. L’espressione delle loro emozioni, diceva Charles Darwin, è come la nostra, e rapportarsi con essi può essere di grande giovamento».

Collaborazioni a tutto campo

In concreto, ciò che i due pionieri ticinesi nel campo vogliono realizzare è un padiglione multifunzionale in legno – con spazi buvette, toelettatura e l’ipotesi di uno studio di veterinaria – che funga da centro nevralgico per una serie di attività che legano il mondo cinofilo al benessere delle persone e possano essere terapeutiche per chi ne ha bisogno. Gli esempi sono innumerevoli, come si può leggere nel progetto di massima elaborato e già presentato alle autorità. Parliamo da una parte di istruzione di cani da catastrofe, per la ricerca delle persone o per la ricerca olfattiva delle malattie, ma anche di cani utilizzati dalle forze dell’ordine; e dall’altra di quadrupedi che possano entrare in relazione ad esempio con i bambini autistici (Contatti in questo senso sono già stati creati con una psichiatra e psicoterapeuta esperta del settore), iperattivi o con disabilità motorie. Sempre nell’ambito terapeutico, viene ipotizzata una collaborazione con una fondazione che si occupa di disabili adulti, i quali potrebbero venire coinvolti nei lavori di manutenzione e di cura del sedime e dei suoi contenuti.

Un’altra realtà è quella degli anziani, e un’altra ancora quella dei bambini e dei ragazzi delle scuole: tutti contesti che, a diversi livelli, possono trovare giovamento e nutrimento per lo spirito entrando in contatto con il mondo cinofilo. Oltre a questo, il progetto comprende una vasca per la riabilitazione dei cani e l’usufrutto degli ampi spazi per corsi e concorsi di “agility”.

Quanto all’ubicazione, una, considerata perfetta dai promotori ma poi purtroppo rivelatasi inadeguata dal punto di vista pianificatorio, è quella detta del Piano al Marcio: si tratta di una superficie boschiva di 17mila metri quadrati – in zona agricola – situata sul Piano di Magadino, in territorio giurisdizionale di Locarno, non lontano dall’aeroporto di Magadino, a ridosso del Ticino. Terreno che, naturalmente con l’accordo dei proprietari, potrebbe venir preso in affitto con un contratto a lungo termine.

L’esperimento di conciliazione

Secondo nostre informazioni, un primo abboccamento positivo c’era stato a suo tempo con il Comune di Locarno, che aveva invitato gli ideatori di “Life” a tradurre l’idea in un progetto di massima poi elaborato dall'architetto Franco Moro. Purtroppo – per motivi essenzialmente legati all’edificazione nei “fuori zona” – era arrivata l’opposizione del Cantone, coinvolto con due Dipartimenti: quello del territorio e, per quanto riguarda la Sezione dell’agricoltura, il Dfe. Al momento Città e promotori del progetto sono in attesa di un esperimento di conciliazione. La speranza è che, tenendo conto delle finalità e dello scarso impatto delle strutture previste, si possono trovare degli spiragli. In caso contrario, si intensificherebbe la ricerca di un’altra superficie che renda possibile, nel prossimo futuro, trasformare “Life” in una bella e grande nuova realtà.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved