ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 min

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiedono di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
18 min

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
Locarnese
26 min

Karate, riconoscimento europeo per il 7° Dan Mario Campise

Già organizzatore del Campionato del mondo a Locarno e di due Wuko Day, ha avvicinato in modo decisivo la disciplina ai disabili
Locarnese
26 min

Apprendisti vodesi in visita all’Ida Foce Ticino a Gordola

Una sessantina fra apprendisti operatori di edifici e infrastrutture e addetti alle pulizie in viaggio di studio
Bellinzonese
41 min

Da oggi a Bellinzona i castelli si spengono alle 22

Il Municipio ha deciso di introdurre da subito misure per risparmiare energia: illuminazione pubblica più fioca e massimo 20 °C negli uffici comunali
Locarnese
43 min

Vita e arte di Pierre Casè, genesi di una biografia

Intervista allo scrittore Martino Giovanettina, che ha pubblicato un libro sul pittore e curatore di mostre locarnese
Luganese
1 ora

Lugano, disagi al traffico per l’arrivo dell’Fc Basilea

Domenica pomeriggio e la sera, per la partita di Cornaredo, sono annunciate chiusure e deviazioni stradali dalla stazione allo stadio
Bellinzonese
1 ora

Biasca, conferenza sull’abolizione della pena di morte in Ticino

Appuntamento per martedì 25 ottobre alle 19 al Museo militare Forte Mondascia. Il relatore sarà il giudice Werner Walser
Locarnese
1 ora

Progettazione Museo di storia naturale, la seconda fase

Una procedura complessa, ricorda il Cantone: ‘Il Santa Caterina a Locarno è un comparto pregiato dal profilo storico-culturale’
Locarnese
1 ora

Ascona, Concerto della Vos da Locarno

Nell’ambito dei festeggiamenti per il 70esimo di fondazione, la formazione canora di scena nella Chiesa evangelica sabato sera
Locarnese
1 ora

Alla Galleria Mazzi di Tegna le opere di Cortesi

Vernice dell’esposizione ‘Diario dell’asfalto’ dell’artista locarnese domenica alle 10.30
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, riprende l’attività la ludoteca di Corso San Gottardo

Lo annuncia Comunità familiare che gestisce il prestito dei giochi, dell’educazione ricreativa e collabora con i genitori del Mendrisiotto e Basso Ceresio
Grigioni
4 ore

Apicoltura e cambiamenti climatici, se ne parla a Grono

Appuntamento per venerdì 14 ottobre alle 20 nell’aula magna delle scuole. Relatori saranno il meteorologo Luca Nisi e la biologa Silvia Bernasconi
Mendrisiotto
4 ore

Coldrerio, la casa anziani accoglie i primi 43 ospiti

Nel centro del paese, il prossimo lunedì comincerà l’esperienza del quartiere intergenerazionale. A fine mese l’inaugurazione
Mendrisiotto
4 ore

(In)formazione alle Medie, Mendrisio come Lugano?

Il gruppo Lega-Udc-Udf richiama l’attenzione sul progetto che la Città sul Ceresio dedica ai ragazzi di terza e quarta in vista del loro futuro
Luganese
4 ore

Lugano, in arrivo il bando di concorso per le borse di studio

La Città annuncia la pubblicazione domani. Potranno fare richiesta gli studenti di meno di 25 anni. Le domande sono da inviare entro febbraio 2023
25.01.2021 - 06:00
Aggiornamento: 09:48

Peccia, un futuro da scolpire grazie alla solidarietà

La Scuola di scultura ha rischiato di rimanere chiusa dopo il primo lockdown. Un crowdfunding ha dimostrato l’ampio sostegno al progetto

peccia-un-futuro-da-scolpire-grazie-alla-solidarieta
Un luogo che accoglie studenti e artisti da tutto il mondo (Foto ©Thierry Burgherr)

Si è temuto il peggio, la scorsa primavera, alla Scuola di scultura di Peccia. Il silenzio del lockdown ha rischiato d’inghiottire per sempre il rumore degli scalpelli che da decenni echeggia all’ombra del Pizzo Castello. Situato nella frazione del comune di Lavizzara, in alta Vallemaggia, l’‘ateneo aperto’ – che propone lezioni sulla lavorazione del marmo (di cui il villaggio vanta l’unica cava attiva in Svizzera) e altri materiali, oltre a diversi tipi di corsi legati all’arte – si è dovuto confrontare con gravi difficoltà economiche a causa delle misure necessarie a contrastare il diffondersi del coronavirus.

Un luogo prezioso per molti

«È stato un momento molto difficile – racconta Almute Grossmann-Naef, che dirige la Scuola insieme al marito Alex Naef –. Temevamo di non riuscire a riaprire». Quale soluzione immediata hanno chiesto un prestito bancario Covid-19, facendo al contempo domanda al Cantone per un sostegno finanziario – 60mila franchi – che tuttavia avrebbero coperto solo in parte le perdite. «In attesa di risposta, a fine aprile abbiamo avviato un crowdfunding sulla piattaforma ‘WeMakeIt’. Conoscevamo questo strumento di raccolta fondi, ma pensavamo fosse destinato solo a start-up o iniziative in procinto di partire. Invece con la pandemia le condizioni d’accesso sono cambiate, così abbiamo potuto presentarci con i nostri 36 anni di storia alle spalle». L’obiettivo è stato fissato a 50mila franchi da raggiungere entro l’8 giugno, data indicata dalle autorità per la possibile riapertura. «Abbiamo avvisato i nostri contatti dell’iniziativa ed è capitato qualcosa di straordinario: come un’onda l’appello si è divulgato e in sole 48 ore abbiamo raggiunto la cifra stabilita. Poi la campagna è proseguita e complessivamente ci siamo trovati con oltre 93mila franchi. Per fortuna, perché nel frattempo è arrivata risposta negativa da parte del Decs». Anche se non del tutto, i problemi economici si sono dissipati grazie alla solidarietà di 257 sostenitori, che è stata accompagnata da numerosissime email, lettere, chiamate. «Abbiamo avuto la dimostrazione che Peccia, con quanto vi abbiamo costruito, è un luogo prezioso non solo per noi che ci abitiamo e lavoriamo, ma anche per molti altri appassionati di arte e natura sparsi in tutto il mondo».

Intatta la voglia di andare avanti

Nonostante la tregua del virus, le limitazioni negli spostamenti hanno influito sulla ripartenza. «Il primo corso in giugno lo avrebbe dovuto tenere una scultrice proveniente dalla Germania, ma dato che i confini erano ancora chiusi, non è potuta venire, così come molti studenti esteri. Poi sono iniziati gli allentamenti alle frontiere e i cittadini tedeschi, austriaci, italiani sono riusciti a raggiungerci. Ma altri da più lontano, come dalla Russia, purtroppo no. Da parte nostra abbiamo messo a disposizione meno posti del solito per adeguarci alle regole di distanziamento. L’aspetto positivo è che siamo riusciti a spostare alcuni corsi previsti in primavera e a prolungare l’anno sino a fine ottobre. Ci è andata bene perché dal 2 novembre sono nuovamente state vietate le lezioni in presenza». A dicembre è stato poi pubblicato il programma dei corsi per il 2021, previsti da fine aprile. «Siamo molto fiduciosi che funzioni perché le iscrizioni, anche se un po’ meno del solito, stanno arrivando». 

Dalla valle verso il resto del Ticino

Negli intenti dei promotori non mancano nemmeno le iniziative per far conoscere l’operato della Scuola di scultura nel resto del Ticino: «Abbiamo diverse attività in calendario, a cominciare da una mostra in maggio al Museo Sergio Maina di Caslano. A settembre saremo alla Fondazione Museo Mecrì di Minusio, e pure sul Lungolago con altri scultori. Poi faremo la consueta esposizione al Museo di Valmaggia per presentare i lavori di chi conclude il ciclo di perfezionamento. E stiamo anche allestendo un piccolo progetto da portare a Morcote. Sono tutti momenti che ci permettono di presentarci alla popolazione e ai turisti».

Un polo culturale pronto ai ranghi di partenza

A Peccia ha sede anche il nuovo Centro internazionale di scultura, con cui la Scuola collabora. Uno spazio concepito per far incontrare artisti e pubblico, valorizzando altresì le risorse del posto, a partire dal pregiato marmo. Il Centro comprende un padiglione per esposizioni e conferenze, e cinque atelier da attribuire annualmente ad artisti tramite un concorso internazionale con borsa di studio. Il grande evento inaugurale, previsto per lo scorso maggio, è stato rinviato di un anno; lo stesso è successo per la residenza dei cinque artisti selezionati per il 2020 e per la mostra d’apertura affidata al messicano José Dávila, celebre per le sue sculture che tematizzano “la lotta universale dell’umanità contro la forza di gravità”. «Visto che il Centro ha portata prettamente internazionale, si è deciso di spostare tutto il programma di 12 mesi – motiva Grossmann-Naef –. Il 2 maggio in ogni caso ci sarà l’inaugurazione, valuteremo in che forma. Con Dávila, che in parte è toccato proprio a me seguire, abbiamo trovato una via digitale per preparare la mostra, ma la speranza è ancora di poterlo avere qui fisicamente». Il Centro nel frattempo è stato parzialmente utilizzato: «Nel momento in cui era possibile, abbiamo organizzato visite guidate quasi ogni settimana ed eventi di vario tipo. In assenza di esposizioni e artisti, è stato soprattutto svolto un grande lavoro comunicativo, con una vivacità che ha attestato grande interesse per il progetto». Nonostante le difficoltà, sono dunque rimasti in molti a credere nello sviluppo di questo polo culturale discosto, incastonato in una cornice paesaggistica suggestiva e ricca di risorse da scoprire.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved