intragna-sui-vaccini-in-esubero-richiesta-chiarezza
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
9 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
9 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
9 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
9 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
10 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
11 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
11 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
11 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
12 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
12 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
12 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
13 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
13 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
laR
 
23.01.2021 - 06:00

Intragna, sui vaccini in esubero richiesta chiarezza

Interrogazione interpartitica chiede i nomi di chi ha beneficiato del medicamento pur non avendone urgente bisogno e diritto.

Vaccinazioni al San Donato, c'è chi vuole vederci chiaro. Dopo la polemica scoppiata negli scorsi giorni relativa a un certo numero di dosi in esubero del medicamento somministrate a due membri del Consiglio di fondazione (CdF), scatta l'interrogazione al Municipio centovallino (con copia al CdF e al Farmacista cantonale) da parte di un nutrito gruppo di consiglieri comunali appartenenti a vari schieramenti, spalleggiati da diversi cittadini (anche da fuori Comune) che sostengono i contenuti dell'atto parlamentare. In ballo, lo ricordiamo, vi sono dei sospetti fondati che non sia stato rispettato il giusto ordine di priorità. Durante la campagna di vaccinazione, le dosi avanzate dopo le iniezioni agli ospiti e al personale della casa per anziani avrebbero dovuto, come da indicazione del Cantone, essere in primo luogo destinati a persone ultraottantenni, quindi più esposte a rischi covid-19. In pratica, su invito della Direzione della struttura, per contribuire a utilizzare al più presto le fiale che altrimenti sarebbero andate perse perché alcune persone in lista avevano rinunciato per diverse ragioni, due membri del CdF ne avrebbero beneficiato.

Chiarire le responsabilità e riportare fiducia nelle istituzioni

Nell'articolata interrogazione, i firmatari chiedono, ovviamente, in primo luogo una conferma dei fatti. Vogliono conoscere i nomi dei due beneficiari (entrambi settantenni quindi non in cima all'ordine delle priorità). Questo per evitare che, come spesso accade, non vi siano “corsie preferenziali” riservate ai soliti furbetti e assicurare, cosi, la totale buona fede nell'agire del Consiglio di fondazione e dei vertici della struttura. Un'altra domanda chiama, invece, direttamente in causa chi ha ordinato la vaccinazione alle due persone finite al centro della polemica. Oltre al nome del responsabile alla gestione delle vaccinazioni presso il San Donato, i consiglieri comunali firmatari richiamano l'attenzione anche sulle persone over 80 del Comune che stanno aspettando, coscienziosamente, il momento per potersi far vaccinare (alcune delle quali si sono rivolte anche alla nostra redazione, ndr.). Anziani che, si legge nell'interrogazione, hanno dovuto essere accompagnate al preposto Centro della Protezione civile di Rivera. Da qui la richiesta a sapere se non era possibile evitare loro la scomoda trasferta mettendogli a disposizione i vaccini in esubero direttamente in loco. Della serie “ogni vaccino dato a qualcun altro è uno in meno per gli anziani bisognosi”.

Al Municipio, infine, domandano come – qualora fossero accertati degli abusi – intende procedere nei confronti di chi non ha rispettato il programma delle vaccinazioni diramato dal Cantone. Si è trattato, concludono i firmatari, di un atto deplorevole che fa venir meno la fiducia della gente nei confronti di chi è chiamato ad amministrare strutture sanitarie e le istituzioni.

'Non è compito del Municipio rispondere alle domande'

Venuto a conoscenza dalla stampa dell'accaduto, il Municipio, nella sua risposta all'interrogazione, fa sapere di essersi mosso con tempestività per cercare di chiarire i fatti. Questo per evitare di proiettare ombre sul lavoro e la credibilità degli operatori sanitari. Nella premessa, l'Esecutivo fa inoltre presente che non è di sua competenza (benché disponga di un proprio membro in veste di rappresentante del Comune in seno al Consiglio di Fondazione, ndr) rispondere a queste domande, dal momento che non è legittimato a intervenire e che non ne ha nemmeno la base legale per farlo. Nel merito, tuttavia, conferma l'assoluta necessità, da parte dei vertici dell'istituto San Donato, di evitare qualsivoglia favoritismo quando in ballo c'è la salute della popolazione. Resta il fatto che all'interno della stessa compagine municipale, come ci è stato riferito, serpeggia un po' di malcontento proprio per come è stata gestita l'informazione internamente e verso l'esterno. 

‘Seguite alla lettera le procedure del medico e del farmacista cantonale‘

Chiamato direttamente in causa, l'Istituto, tramite la direttrice sanitaria, risponde alle richieste dell'interrogazione. Specifica che, l'8 gennaio, finita la campagna di vaccinazione all'interno del gerontocomio, sono avanzati 12 vaccini (a causa della rinuncia dell'ultima ora di alcuni dipendenti e residenti). In tempi celeri, si è poi proceduto alla convocazione e alla vaccinazione delle persone vulnerabili della zona e di chi si era messo in lista d'attesa in caso vi fossero state dosi in esubero. Per fare ciò sono state applicate le linee direttive dell'Ufficio del medico cantonale. Al Comune non è stata richiesta alcuna lista di over 80 desiderosi di farsi vaccinarsi, visto che il Municipio non ha informato la Casa anziani di aver raccolto (e avere a disposizione) questi dati.  Oltrettutto, si legge, questa procedura non era contemplata nelle disposizioni cantonali. A ogni buon conto, rileva la direttrice sanitaria, l'Ufficio del medico cantonale, unica autorità alla quale va reso conto dell'operato, è stato prontamente informato e non ha espresso obiezioni al riguardo. In conclusione, la direzione della struttura ricorda il grande lavoro, svolto in condizioni eccezionali e non certo facili, al quale è sottoposto il personale: “La nostra priorità d'azione è rivolta in primo luogo al benessere dei residenti e al poter garantire, al personale, delle condizioni d'impiego migliori possibili affinché la sua salute e la sua motivazione non ne risenta. In questo senso il sostegno della popolazione verso anche il personale delle case anziani è più che mai necessario”.

Leggi anche:

Intragna, quei vaccini in eccedenza che fanno discutere

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved