intragna-quei-vaccini-in-eccedenza-che-fanno-discutere
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Cassa pensioni, i sindacati: quel mezzo miliardo serve

Le associazioni del personale oggi sono state sentite in audizione dalla commissione della Gestione. Il presidente Quadranti: ‘Diventerà una priorità’
Locarnese
5 ore

Caso Santa Chiara, per De Rosa ‘è sconcertante’

Il direttore del Dss sull'interruzione della formazione di 10 studenti infermieri decisa dalla clinica di Locarno
Luganese
6 ore

Lugano, Schnellmann 'eterno' subentrante

Nei risultati del Consiglio comunale, il deputato Plr in Gran Consiglio ha però superato la neoeletta municipale Karin Valenza Rossi
gallery
Mendrisiotto
7 ore

La pandemia ci ha anche insegnato l'autoproduzione

In tempi di coronavirus è aumentata la consapevolezza dell’agricoltura locale nonché del riguardo dell’ambiente e della biodiversità
Luganese
7 ore

Il centro polifunzionale di Pregassona si chiamerà 'Polis'

La scelta del nome era stata delegata a un concorso di idee. Vincitori, Fabrizia Sormani e Brenno Mazzuchelli
Locarnese
7 ore

Apprendisti della Santa Chiara 'usati come ricatto'

I sindacati disapprovano la decisione della Direzione della Clinica di non accoglierli come pianificato. Critiche anche ai ritardi nei rimborsi del Cantone
Bellinzonese
7 ore

Festival di letteratura Storie Controvento al via

Inizia il 21 e termina il 24 aprile e si terrà in diversi luoghi di Bellinzona
Bellinzonese
7 ore

Festa finale di Minimusica annullata

L'evento verrà rinviato alla prossima stagione
Mendrisiotto
7 ore

Mendrisio: altri equilibri e un terzo di donne nel legislativo

Confermato il ribaltone tra Ppd e Plr. Meno seggi a Lega-Udc-Udf, mentre Sinistra e Verdi uniti tengono. Conquista due posti la Lista civica
Mendrisiotto
7 ore

A Stabio un legislativo per oltre metà di donne

Risultato (di genere) a sorpresa nel terzo Comune del Distretto. Ecco i su e giù nell'Alto Mendrisiotto
Luganese
7 ore

Lugano, Ticino&Lavoro: ‘Ora puntiamo al Gran Consiglio’

L'avanzata dei piccoli partiti in Consiglio comunale. Tre nuove forze: Movimento Ticino&Lavoro, Più Donne e Forum Alternativo. L'Mps fuori per un soffio.
Bellinzonese
7 ore

Con Spartyto, a Biasca tre giorni di musica

A seconda di disposizioni e permessi si deciderà se è possibile lo svolgimento completo o se bisognerà seguire un programma di riserva
Locarnese
15.01.2021 - 18:130

Intragna, quei vaccini in eccedenza che fanno discutere

Due membri del Consiglio di fondazione hanno approfittato della campagna in corso alla casa anziani per farsi iniettare il medicamento

Dopo Novazzano, Intragna, dove “presunti” abusi nella somministrazione del vaccino anti-covid sono stati segnalati, nello specifico, anche all'istituto casa Anziani San Donato. Negli scorsi giorni, due membri del Consiglio di fondazione, entrambi settantenni, approfittando della vaccinazione in corso all'interno della struttura, si sono sottoposti all'iniezione. La notizia ha trovato conferma all'interno stesso del Consiglio di fondazione. Il suo presidente, tuttavia, non ha voluto aggiungere altro sulla vicenda, limitandosi a dire che erano state consegnate 170 dosi e che, su proposta della Direzione stessa dell'istituto, due dosi in esubero sono state messe a disposizione dei membri del CdF più anziani (anche se non ancora nella fascia d'età prioritaria) e quindi più esposti a rischio. Questi ultimi, informati della possibilità, hanno accettato la proposta.

Dopo quanto avvenuto alla Casa anziani di Novazzano, tra l'altro oggetto di un'interrogazione urgente al Governo da parte del consigliere leghista Massimiliano Robbiani, si tratta quindi di un nuovo caso destinato a far discutere, dal momento che i due interessati non sono ospiti della struttura, non superano gli 80 anni e non fanno nemmeno parte del personale di cura della casa di riposo.

Abbiamo sottoposto la questione al farmacista cantonale, Giovan Maria Zanini, che non è a conoscenza del caso specifico. Tuttavia, come ci ha spiegato, «è stata data disposizione, tramite lettera datata 31 dicembre, alle Direzioni della Case anziani di tutto il Ticino, d'intesa con il dottor Franco Tanzi (medico geriatra e coordinatore delle attività mediche delle case anziani in Ticino in questo periodo), su come regolarsi con eventuali vaccini in esubero, dal momento che avevamo calcolato un margine da 1 a 4 dosi in più per singola struttura. Di principio, tutti (compresi i direttori sanitari) erano dunque in chiaro su come comportarsi e, in caso di dubbio, erano tenuti a contattarci». Sin qui le disposizioni del Cantone, che sembrano scongiurare il rischio di dosi ”regalate agli amici degli amici”, chiamati all'ultimo istante, in barba alle raccomandazioni della campagna. I cosiddetti furbetti del vaccino.

Le dosi in eccesso destinate alle persone maggiormente esposte che ruotano attorno agli istituti

«I medici degli istituti, trovatisi tra le mani i flaconi avanzati e inutilizzati, hanno sicuramente optato per l'iniezione a persone over ottanta, come pure tra i frequentatori delle strutture e il personale più esposto che entra a contatto con gli ospiti. Non vengono in ogni caso somministrati al primo che passa per strada e che non ne ha, al momento, alcuna necessità» – rassicura Zanini. Se è vero che a Novazzano qualcosa non ha funzionato, è vero altresì che, laddove si sono verificati dei problemi, la consegna dei vaccini è avvenuta in modo diverso. Ciò che conta è che i direttori sanitari delle case anziani che si trovano confrontati con flaconi inutilizzati, in caso di dubbio sul loro impiego, possono sempre interpellarci. In Ticino, per ovvie ragioni, abbiamo calcolato un' eccedenza di circa 163 dosi per via dell'arrotondamento» – conclude il farmacista cantonale.

“Una pianificazione precisa delle dosi da somministrare è estremamente difficile’

Luca Leuenberger, segretario generale di Adicasi, l'Associazione dei direttori di case per anziani della Svizzera italiana, interpellato al riguardo dei vaccini in eccesso ricorda come il problema di fondo sia da ricondurre alle dosi contenute nei flaconi. «Risulta difficile fare calcoli precisi, anche perché un'iniezione può andare storta e magari è necessario rifarla, oppure la persona alla quale il vaccino è destinato cambia idea e non vuole più sottoporsi. Vi sono poi casi di ospiti che hanno contratto il virus e quindi non possono essere vaccinati. Ci sono insomma molte incognite che possono interferire con la pianificazione in atto negli istituti. I direttori sanitari cercano perciò di non sprecare le dosi a disposizione in esubero (visto che non si possono conservare a lungo) e, come da raccomandazione, nel limite del possibile di far beneficiare del medicamento quelle persone giudicate a rischio. Non compete comunque alla nostra Associazione vigilare su questa problematica. Tutte le informazioni del caso sono state trasmesse alle case di cura».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved