ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
21 min

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
12 ore

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
15 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
15 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
16 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
19 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
21 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
1 gior

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
1 gior

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
laR
 
15.01.2021 - 18:13

Intragna, quei vaccini in eccedenza che fanno discutere

Due membri del Consiglio di fondazione hanno approfittato della campagna in corso alla casa anziani per farsi iniettare il medicamento

intragna-quei-vaccini-in-eccedenza-che-fanno-discutere

Dopo Novazzano, Intragna, dove “presunti” abusi nella somministrazione del vaccino anti-covid sono stati segnalati, nello specifico, anche all'istituto casa Anziani San Donato. Negli scorsi giorni, due membri del Consiglio di fondazione, entrambi settantenni, approfittando della vaccinazione in corso all'interno della struttura, si sono sottoposti all'iniezione. La notizia ha trovato conferma all'interno stesso del Consiglio di fondazione. Il suo presidente, tuttavia, non ha voluto aggiungere altro sulla vicenda, limitandosi a dire che erano state consegnate 170 dosi e che, su proposta della Direzione stessa dell'istituto, due dosi in esubero sono state messe a disposizione dei membri del CdF più anziani (anche se non ancora nella fascia d'età prioritaria) e quindi più esposti a rischio. Questi ultimi, informati della possibilità, hanno accettato la proposta.

Dopo quanto avvenuto alla Casa anziani di Novazzano, tra l'altro oggetto di un'interrogazione urgente al Governo da parte del consigliere leghista Massimiliano Robbiani, si tratta quindi di un nuovo caso destinato a far discutere, dal momento che i due interessati non sono ospiti della struttura, non superano gli 80 anni e non fanno nemmeno parte del personale di cura della casa di riposo.

Abbiamo sottoposto la questione al farmacista cantonale, Giovan Maria Zanini, che non è a conoscenza del caso specifico. Tuttavia, come ci ha spiegato, «è stata data disposizione, tramite lettera datata 31 dicembre, alle Direzioni della Case anziani di tutto il Ticino, d'intesa con il dottor Franco Tanzi (medico geriatra e coordinatore delle attività mediche delle case anziani in Ticino in questo periodo), su come regolarsi con eventuali vaccini in esubero, dal momento che avevamo calcolato un margine da 1 a 4 dosi in più per singola struttura. Di principio, tutti (compresi i direttori sanitari) erano dunque in chiaro su come comportarsi e, in caso di dubbio, erano tenuti a contattarci». Sin qui le disposizioni del Cantone, che sembrano scongiurare il rischio di dosi ”regalate agli amici degli amici”, chiamati all'ultimo istante, in barba alle raccomandazioni della campagna. I cosiddetti furbetti del vaccino.

Le dosi in eccesso destinate alle persone maggiormente esposte che ruotano attorno agli istituti

«I medici degli istituti, trovatisi tra le mani i flaconi avanzati e inutilizzati, hanno sicuramente optato per l'iniezione a persone over ottanta, come pure tra i frequentatori delle strutture e il personale più esposto che entra a contatto con gli ospiti. Non vengono in ogni caso somministrati al primo che passa per strada e che non ne ha, al momento, alcuna necessità» – rassicura Zanini. Se è vero che a Novazzano qualcosa non ha funzionato, è vero altresì che, laddove si sono verificati dei problemi, la consegna dei vaccini è avvenuta in modo diverso. Ciò che conta è che i direttori sanitari delle case anziani che si trovano confrontati con flaconi inutilizzati, in caso di dubbio sul loro impiego, possono sempre interpellarci. In Ticino, per ovvie ragioni, abbiamo calcolato un' eccedenza di circa 163 dosi per via dell'arrotondamento» – conclude il farmacista cantonale.

“Una pianificazione precisa delle dosi da somministrare è estremamente difficile’

Luca Leuenberger, segretario generale di Adicasi, l'Associazione dei direttori di case per anziani della Svizzera italiana, interpellato al riguardo dei vaccini in eccesso ricorda come il problema di fondo sia da ricondurre alle dosi contenute nei flaconi. «Risulta difficile fare calcoli precisi, anche perché un'iniezione può andare storta e magari è necessario rifarla, oppure la persona alla quale il vaccino è destinato cambia idea e non vuole più sottoporsi. Vi sono poi casi di ospiti che hanno contratto il virus e quindi non possono essere vaccinati. Ci sono insomma molte incognite che possono interferire con la pianificazione in atto negli istituti. I direttori sanitari cercano perciò di non sprecare le dosi a disposizione in esubero (visto che non si possono conservare a lungo) e, come da raccomandazione, nel limite del possibile di far beneficiare del medicamento quelle persone giudicate a rischio. Non compete comunque alla nostra Associazione vigilare su questa problematica. Tutte le informazioni del caso sono state trasmesse alle case di cura».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved