multe-a-luino-ticinesi-alla-cassa
Il classico “foglietto” sul parabrezza (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
30 min

Il Plr a sostegno del Patriziato di Castel San Pietro

L’assegno andrà a favore della la ristrutturazione del Rifugio Alpe Caviano. Progetto che permetterà di rivalorizzare la vecchia struttura.
Locarnese
46 min

Muralto Musika edizione 2022

Giovedì il primo dei tre appuntamenti della rassegna concertistica nella Collegiata di San Vittore
Locarnese
1 ora

Cavigliano, pagnotte nel forno ma non solo

In giornata oltre alla cottura dell’alimento vi sarà il mercatino con prodotti gastronomici e artigianali, la musica e lo spettacolo di un illusionista
Luganese
5 ore

Se Cenerentola avesse avuto a disposizione un’app

Passa da una ‘prova’ virtuale, per permetterne l’acquisto perfetto, l’applicazione ideata per Bally, noto brand di lusso svizzero
Mendrisiotto
5 ore

‘In futuro Chiasso saprà far valere le sue potenzialità’

Quattro chiacchiere con Francesca Cola Colombo, dallo scorso mese di maggio responsabile marketing della cittadina di confine
Ticino
14 ore

Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio

Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Locarnese
15 ore

Muralto Musika, la quinta edizione

In programma tre appuntamenti concertistici in San Vittore
Ticino
15 ore

Crisi idrica, in Lombardia giro di rubinetto

Emergenza siccità, il presidente della Regione Attilio Fontana firma decreto per un uso parsimonioso dell’acqua
Locarnese
15 ore

Appuntamento estivo al Parco di Orselina

Musica jazz con la Sister cities brass band di New Orleans
Bellinzonese
15 ore

Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli

Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
19.01.2021 - 06:00
Aggiornamento: 18:13

Multe a Luino, ticinesi alla cassa

Trovata la soluzione che permette di riscuotere anche oltre la frontiera italo svizzera le sanzioni per posteggi abusivi

Il mercato di Luino e vetture, con targhe ticinesi, posteggiate in modo selvaggio. Tanto poi, si sa, non è mica detto che la multa riesca a oltrepassare il confine italo-svizzero. Chi la pensava così, ora dovrà ricredersi. Infatti c'è chi ha trovato la soluzione per recuperare la sanzioni non pagate, che sarebbero diverse centinaia, dal 2015 al 2020.

Il sistema è apparentemente complesso, ma finora è fra i pochi che garantisce il successo. Partiamo dal caso di Luino: il Comune ha dato incarico alla Fintel engineering di Milano di riscuotere le multe non pagate da automobilisti stranieri. Questa società, dopo aver preso in appalto i crediti, avvia una procedura d'incasso civile. Lo può fare dal momento che un giudice italiano ha emesso una sentenza di condanna al pagamento; sentenza riconosciuta in Svizzera.

I contravventori, un migliaio in 5 anni

La Fintel varca il confine appoggiandosi per la Svizzera e il Ticino alla partecipata Casati & Casati di Lugano, che procede alla riscossione. «La strategia – ci spiegano Fabio Casati e Piergiuseppe Vescovi – è stata adottata qualche tempo fa dalle località attorno alla Malpensa e a dicembre abbiamo inviato tremila lettere ad altrettanti residenti in Ticino e, in qualche caso, in altri cantoni. Ora, siamo su Luino, che, attraverso la Fintel, ci ha incaricato d'incassare le multe, limitatamente ai contravventori elvetici. Ma si tratta soprattutto di ticinesi. Il periodo va dal 2015 al 2020. Le multe per divieto di sosta sono circa un migliaio e legate principalmente ai giorni del celebre mercato della località sul Lago Maggiore».

Chi verifica che i numeri di targa siano corretti e non ci siano errori? Si sa che in Ticino moto e auto possono avere lo stesso numero. «Se esistono ragioni valide, si può impugnare la multa al nostro ufficio reclami, via mail o venendo da noi. Se non c'è contestazione, l'incarto approda sul tavolo del giudice in Italia, per la sentenza definitiva. A quel punto occorre pagare, altrimenti si avvia la procedura amministrativa, che può sfociare in un precetto esecutivo».

Possibile pure la reciprocità: riscuotere in Italia multe ticinesi

I due intervistati spiegano che il sistema, che riesce a evitare le falle riscontrate finora da chi ha utilizzato altri canali, può essere pure adottato da Comuni ticinesi verso contravventori italiani. Anche in questo caso sarà un giudice della vicina penisola a riconoscere il credito e quindi la procedura potrà andare avanti. «La soluzione richiede una struttura complessa – ammettono i due intervistati –, ma noi riusciamo ad offrirla ed è una delle poche vie attuabili, che possono portare a risultati tangibili». Stando a Casati e Vescovi, riuscire a incassare le multe può avere un effetto preventivo e indurre a rispettare maggiormente le regole anche al di fuori dei propri confini nazionali. Il caso di Luino (come pure quello della Malpensa) faranno scuola: chi si troverà a dover pagare per un posteggio abusivo, in futuro starà più attento a non lasciare la macchina in divieto di sosta. Insomma, la prevenzione tramite una sanzione pecuniaria ha effetto solo se la multa viene davvero riscossa.

Senza dimenticare, infine, un'altra questione: il fatto che i furbetti riescano a evitare di passare alla cassa rischia di minare la credibilità delle forze dell'ordine che hanno comminato la multa.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
luino multe
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved