ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
14 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
17 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
19 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
23 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
19.01.2021 - 06:00
Aggiornamento: 18:13

Multe a Luino, ticinesi alla cassa

Trovata la soluzione che permette di riscuotere anche oltre la frontiera italo svizzera le sanzioni per posteggi abusivi

multe-a-luino-ticinesi-alla-cassa
Il classico “foglietto” sul parabrezza (archivio Ti-Press)

Il mercato di Luino e vetture, con targhe ticinesi, posteggiate in modo selvaggio. Tanto poi, si sa, non è mica detto che la multa riesca a oltrepassare il confine italo-svizzero. Chi la pensava così, ora dovrà ricredersi. Infatti c'è chi ha trovato la soluzione per recuperare la sanzioni non pagate, che sarebbero diverse centinaia, dal 2015 al 2020.

Il sistema è apparentemente complesso, ma finora è fra i pochi che garantisce il successo. Partiamo dal caso di Luino: il Comune ha dato incarico alla Fintel engineering di Milano di riscuotere le multe non pagate da automobilisti stranieri. Questa società, dopo aver preso in appalto i crediti, avvia una procedura d'incasso civile. Lo può fare dal momento che un giudice italiano ha emesso una sentenza di condanna al pagamento; sentenza riconosciuta in Svizzera.

I contravventori, un migliaio in 5 anni

La Fintel varca il confine appoggiandosi per la Svizzera e il Ticino alla partecipata Casati & Casati di Lugano, che procede alla riscossione. «La strategia – ci spiegano Fabio Casati e Piergiuseppe Vescovi – è stata adottata qualche tempo fa dalle località attorno alla Malpensa e a dicembre abbiamo inviato tremila lettere ad altrettanti residenti in Ticino e, in qualche caso, in altri cantoni. Ora, siamo su Luino, che, attraverso la Fintel, ci ha incaricato d'incassare le multe, limitatamente ai contravventori elvetici. Ma si tratta soprattutto di ticinesi. Il periodo va dal 2015 al 2020. Le multe per divieto di sosta sono circa un migliaio e legate principalmente ai giorni del celebre mercato della località sul Lago Maggiore».

Chi verifica che i numeri di targa siano corretti e non ci siano errori? Si sa che in Ticino moto e auto possono avere lo stesso numero. «Se esistono ragioni valide, si può impugnare la multa al nostro ufficio reclami, via mail o venendo da noi. Se non c'è contestazione, l'incarto approda sul tavolo del giudice in Italia, per la sentenza definitiva. A quel punto occorre pagare, altrimenti si avvia la procedura amministrativa, che può sfociare in un precetto esecutivo».

Possibile pure la reciprocità: riscuotere in Italia multe ticinesi

I due intervistati spiegano che il sistema, che riesce a evitare le falle riscontrate finora da chi ha utilizzato altri canali, può essere pure adottato da Comuni ticinesi verso contravventori italiani. Anche in questo caso sarà un giudice della vicina penisola a riconoscere il credito e quindi la procedura potrà andare avanti. «La soluzione richiede una struttura complessa – ammettono i due intervistati –, ma noi riusciamo ad offrirla ed è una delle poche vie attuabili, che possono portare a risultati tangibili». Stando a Casati e Vescovi, riuscire a incassare le multe può avere un effetto preventivo e indurre a rispettare maggiormente le regole anche al di fuori dei propri confini nazionali. Il caso di Luino (come pure quello della Malpensa) faranno scuola: chi si troverà a dover pagare per un posteggio abusivo, in futuro starà più attento a non lasciare la macchina in divieto di sosta. Insomma, la prevenzione tramite una sanzione pecuniaria ha effetto solo se la multa viene davvero riscossa.

Senza dimenticare, infine, un'altra questione: il fatto che i furbetti riescano a evitare di passare alla cassa rischia di minare la credibilità delle forze dell'ordine che hanno comminato la multa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved