dire-tutta-la-verita-e-riassumere-i-licenziati
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
14 min

I Comuni serrano i ranghi contro la corsia per i Tir sull’A2

Coldrerio convoca i vicini per definire una strategia congiunta. Lurati, Crtm: ‘Adesso serve un’azione di protesta’
Ticino
2 ore

Campeggi, nel 2021 il boom, ora il rientro nei ranghi

Dopo il milione e più di pernottamenti del 2021, la situazione dovrebbe tornare a livelli pre-pandemici. Patelli: ‘Inizio più che positivo’
Bellinzonese
2 ore

Strade e centri commerciali: cosa si è fatto e cosa manca

Sant’Antonino: il punto sulla viabilità dieci anni dopo la pianificazione che ha dimezzato l’area di vendita massima
Ticino
12 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
14 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
14 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
15 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
15 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
15 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
15 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
15 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
16 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
16 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
16 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
30.12.2020 - 14:49
Aggiornamento : 15:31

‘Dire tutta la verità e riassumere i licenziati’

Navigazione sul Lago Maggiore: fronte sindacale e maestranze ribattono alla versione di Snl e confermano la richiesta di incontro al governo

“È proprio perché le trattative sul Consorzio proseguono a gennaio e febbraio 2021 e il servizio di navigazione deve essere garantito, che il personale di Locarno non va licenziato”. È la reazione del fronte sindacale (Sev e Unia) “e delle maestranze” al comunicato aziendale diramato ieri dalla Società di navigazione Lago di Lugano (Snl) a proposito dei licenziamenti sul bacino svizzero del Lago Maggiore e delle strategie di rilancio.

“L’istoriato della presa di posizione Snl presenta inoltre importanti fatti salienti non riportati – notano i sindacati –. Arrampicandosi sui vetri, Snl tenta di giustificare di aver sbattuto fuori dalla porta i propri dipendenti di Locarno. Con il comunicato stampa  giustifica il proprio agire scaricando la colpa dei licenziamenti sui marinai di Locarno”. Per Sev e Unia “se Snl vuole dimostrare di essere davvero il datore di lavoro esemplare di cui si vanta, riassuma immediatamente i propri dipendenti di Locarno”.

‘Per fare gioco di squadra ci vogliono i dipendenti’

Quando Snl parla di “gioco di squadra”, si legge ancora, “ha ragione”, ma per farlo “ci vogliono i dipendenti e al momento di quelli stanziati a Locarno non ce ne sono più. Dopo aver licenziato i dipendenti di Locarno, per far circolare i battelli sul bacino svizzero del Lago Maggiore Snl dovrà far salire apposta personale attivo a Lugano: una decisione assurda e incomprensibile. Ora, nonostante ci sia continuità di navigazione, lavoratrici e lavoratori del bacino svizzero del Lago Maggiore sono di fatto disoccupati. Un modo di agire perlomeno spregiudicato da parte di un datore di lavoro che beneficia di importanti sussidi statali”.

I sindacati notano che “Snl sapeva già dal 23 dicembre che avrebbe potuto continuare l’operatività sul bacino svizzero del Lago Maggiore, anche perché il giorno seguente l’hanno comunicato loro stessi. La notizia di ieri sulla continuità di navigazione e di proroga delle trattative per il Consorzio di ulteriori due mesi, è dunque una non notizia”. Nella comunicazione di ieri “sono stati omessi importanti dettagli sull’aspetto occupazionale. Innanzitutto parliamo di 9 dipendenti con luogo di lavoro a Locarno. Non di dipendenti con contratto a Lugano impiegati a Locarno. È vero che il 29 settembre a questi dipendenti è stato comunicato il licenziamento e proposto un contratto di continuità su Locarno, tuttavia subordinato al rinnovo – entro fine 2020 – della continuità di navigazione sul Lago Maggiore. Snl ha omesso dire che il 21 dicembre ha comunicato a questi stessi dipendenti l’annullamento della proposta contrattuale”.

Quanto alle proposte su Lugano qualora non vi fosse stata continuità di navigazione sul Lago Maggiore, “ci sono ‘dettagli’ che pesano. Per essere più precisi ha proposto un contratto determinato di 1 anno ai 5 dipendenti fissi e della durata di 10 mesi ai 4 dipendenti stagionali. La sera del 22 dicembre questi dipendenti hanno ricevuto dalla Direzione una e-mail precisando che tale proposta sarebbe stata valida fino alle 12 del 23 dicembre. Il termine era poi stato posticipato sino alle 16 dello stesso giorno. Un solo dipendente stagionale ha accettato la proposta di Lugano”.

Contratti, ‘mancava il tempo per capire’

Lo stesso 23 dicembre, dopo una videoconferenza con gli 8 dipendenti, i sindacati hanno spedito una raccomandata all’azienda in cui la si “ringraziava per la proposta fatta per Lugano, ma si osservava come il termine perentorio del 23 dicembre non permettesse a quel momento un’attenta ponderazione della proposta e una scelta serena. Infatti, il futuro di chi gestirà la navigazione sul Lago Maggiore a decorrere dal 1° gennaio 2021 non era ancora chiaro. Questo scritto era stato anticipato per e-mail all’azienda in tarda mattinata, ma la comunicazione era stata totalmente ignorata da parte dell’azienda”.

Sempre il 23 dicembre, proseguono i sindacati, “ad inizio serata i sindacati erano venuti a conoscenza della continuità del Consorzio dal 1° gennaio 2021 e del proseguimento delle trattative in gennaio e febbraio 2021. La notizia tanto attesa era arrivata. Gioia delle maestranze e dei sindacati, che avevano prso immediatamente contatto telefonicamente con la Direzione. La stessa confermava la continuità della navigazione e delle trattative, ma anche i licenziamenti degli 8 dipendenti. Per questo motivo i sindacati hanno reagito con il comunicato stampa del 24 dicembre”.

Infine, “il 28 dicembre i sindacati hanno scritto alla Direzione chiedendo il ritiro dei licenziamenti e al Consiglio di Stato un incontro. Snl ha risposto che l’azienda è chiusa dal 23 dicembre al 6 gennaio 2021”.

 

 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lago maggiore licenziati maestranze navigazione sindacati snl
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved