cosa-possiamo-fare-per-gli-animali-in-inverno
Un freddo da cani (Foto Red)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
10 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
10 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
10 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
11 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
11 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
11 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
11 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
12 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
12 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
12 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
12 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
12 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
15 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
Grigioni
1 gior

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
29.12.2020 - 06:00

Cosa possiamo fare per gli animali in inverno?

Sale sulle strade, acqua gelata, cibo scarso. La stagione fredda nasconde delle insidie. I consigli della Protezione animali Locarnese e Valli

Siamo nel cuore del periodo più freddo dell’anno, come conferma la neve che ammanta il Ticino. Il sottosuolo ha il respiro lento del regno animale in letargo, i migratori alati hanno lasciato gli alberi, mentre chi è rimasto a popolare i boschi ha infoltito piumaggi e pellicce per l’occasione. Dal canto loro, cani, gatti e compagnia domestica vivono imperturbabili nel tepore delle mura casalinghe. Dietro questa placida panoramica si nascondono però alcune insidie legate alla stagione invernale. Ne abbiamo parlato con Alessia Togni, guardiana diplomata della Società protezione animali Locarnese e Valli (Spalv), che propone dei semplici accorgimenti per garantire il benessere degli animali.

Passeggiate, occhio al freddo e al sale

Partiamo dai quadrupedi che dipendono maggiormente dalle cure umane: «In generale – esordisce la nostra interlocutrice – i cani sono piuttosto sensibili ai cambiamenti climatici e certe razze possono soffrire parecchio il freddo. Quelle di taglia più piccola e con poco pelo sono le più soggette alle basse temperature ed è bene coprirle; qui da noi abbiamo un bassotto che in inverno si rifiuta di uscire senza la sua mantellina. Discorso inverso vale per le razze più massicce, come quelle nordiche, che si trovano meglio nei climi rigidi». Anche l’anzianità e uno stato di salute precario possono rendere gli animali più vulnerabili. «Quando si va a spasso – prosegue l’esperta – un altro rischio è costituito dal sale gettato sulle strade che se sta a contatto per tempo prolungato con le zampe del cane può creargli dei problemi. È dunque bene limitare il tempo di camminata sull’asfalto e preferire i prati». Taglia, pelo e condizione fisica sono variabili che influiscono sulla percezione del freddo anche per i gatti. Così come la temerarietà individuale: «I nostri al rifugio in questo periodo mettono fuori il muso dalla porta, escono 5 minuti e poi tornano subito a rintanarsi».

Cucce isolate, acqua tiepida e più cibo

Per quanto riguarda gli animali che vivono in giardino, come i cani di grandi dimensioni, «la loro cuccia dev’essere bene isolata ed è consigliato munirla di coperte o piumoni». Un altro suggerimento, quando la colonnina di mercurio si abbassa particolarmente, è di controllare che l’acqua da bene non congeli; è inoltre meglio metterla fuori tiepida, così da evitare che crei mal di pancia. In merito all’alimentazione, per gli animali che vivono fuori è bene incrementare un po’ l’apporto calorico, preferibilmente già prima dell’inverno, per permettergli di aumentare la massa. Attenzione però a non esagerare perché il peso in eccesso può causare problemi.

Ripari adeguati sui prati

Attraversando il Ticino non di rado capita di scorgere mandrie o greggi sui campi brinati. «Gli animali come bovini, ovini e caprini, sono abituati a stare all’aperto tutto l’anno grazie alla loro struttura fisica. È però importante che abbiano a disposizione delle costruzioni in cui ritirarsi quando il clima si fa eccessivamente ostile. Queste devono avere una copertura superiore che poggia almeno su tre lati chiusi ed è fondamentale che garantiscano spazio sufficiente per tutti gli animali del gruppo, altrimenti il rischio è che i più deboli rimangano tagliati fuori. Fieno e paglia contribuiscono a mantenere il calore».


Si prega di non disturbare (Foto Ti-Press)

Fauna selvatica affamata

Per gli amanti delle escursioni in montagna, la raccomandazione è di non avvicinarsi agli animali selvatici e di tenere legati i cani con forte istinto di caccia per evitare che rincorrano ad esempio lepri o camosci. «Gli animali d’altura in inverno fanno fatica a trovare cibo e se devono sprecare preziosa energia per scappare si indeboliscono ulteriormente. Tra l’altro in questo periodo scendono a quote più basse proprio in cerca di nutrimento, per cui massima attenzione sulle strade, specie in campagna». Anche gli uccelli sono affamati: «Volendo si possono mettere a loro disposizione delle granaglie, sono però sconsigliate le palline con le reti perché vi possono rimanere impigliati». È anche bene scegliere un posto dove eventuali gatti appostati non facciano scorpacciata dei convenuti.

Attenzione ai veicoli

Restando ai felini, come altri animali hanno la tendenza a infilarsi sotto le auto, soprattutto quando il motore è ancora tiepido. «Qualche colpo sul cofano o di clacson prima di partire sono un buon modo per farli uscire». Sempre rispetto ai veicoli, lasciarvi dentro i cani da soli per un lungo periodo non è una buona idea in quanto possono diventare delle trappole ghiacciate. All’erta anche rispetto al liquido antigelo: il suo sapore dolciastro attira la golosità degli animali che leccandolo rischiano l’avvelenamento.

 

Attività della Spalv

Gli interventi della Spalv, ci spiega la responsabile del rifugio Daphne Jelmini, non variano molto con la stagione fredda. «Veniamo chiamati per recuperi e messe in sicurezza durante tutto l’anno senza che ci sia una specifica incidenza legata al meteo. Tuttavia la vigilanza preventiva sul territorio in questo periodo è particolarmente alta, soprattutto in certi posti in cui possono trovarsi animali in difficoltà». La soddisfazione maggiore che regala tale attività «è quando si trova qualcuno disposto a dare una seconda chance agli animali che arrivano al rifugio». Ciò che è avvenuto in maniera speciale durante la pandemia, come testimonia Alessia Togni: «Sul fronte adozioni abbiamo avuto una grandissima richiesta, che continua tuttora, e c’è stato un solo gatto abbandonato oltre ai casi giunti per i soliti problemi come ad esempio i traslochi. Questo non può che farci un enorme piacere».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessia togni animali daphne jelmini inverno locarnese e valli stagione fredda
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved