ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
3 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
3 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
3 ore

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
3 ore

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
3 ore

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
4 ore

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
Luganese
5 ore

Parte la decima edizione di MelideICE

Apre il 2 dicembre il villaggio natalizio sulla riva del lago, che resterà in funzione fino all’8 gennaio
Ticino
5 ore

Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’

Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
6 ore

Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar

L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
6 ore

‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’

Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Bellinzonese
6 ore

A Osogna un albero di Natale alimentato a pedali

L’inaugurazione si terrà martedì 6 dicembre alle 15.45 davanti alle scuole elementari
25.03.2020 - 06:00

Spab pronta a un aumento degli accudimenti di animali domestici

Anche la Protezione animali di Bellinzona si adatta al coronavirus, riducendo gli interventi e focalizzandosi su un'eventuale crescita di padroni ospedalizzati

spab-pronta-a-un-aumento-degli-accudimenti-di-animali-domestici
Il presidente Besomi: 'per ora situazione sotto controllo' (Foto Ti-Press)

Anche la Protezione animali di Bellinzona (Spab) è costretta ad adattarsi di fronte all’emergenza coronavirus. La difficile situazione sanitaria e le conseguenti disposizioni emanate dalle autorità in termini di norme igieniche e di distanza sociale hanno infatti imposto una riorganizzazione interna tra le fila della Spab, al fine di continuare a garantire l’operatività, tutelando allo stesso tempo popolazione e volontari. Dopo attente valutazioni all’interno del comitato e tenuto conto anche del parere del veterinario cantonale, si è deciso di limitare alle situazioni più urgenti (ferimenti di animali e trasporti veterinari) l’impiego delle squadre di volontari preposte a interventi e controlli, facendo capo a una rafforzata collaborazione con guardiacaccia, pompieri e altre società per quanto riguarda le operazioni meno complicate. Ciò al fine di non disperdere le risorse ed esporsi il meno possibile a rischi di contagio. «Al nostro interno - ci spiega il presidente Emanuele Besomi - abbiamo suddiviso i volontari in blocchi composti da più persone, che mai si incontreranno tra loro in modo di avere un ricambio nel caso in cui vi fossero casi positivi in un determinato gruppo». Le disposizioni sanitarie sono rispettate anche al Parco gatti in via Greina a Bellinzona e al grande rifugio di Gorduno-Gnosca, sede della pensione per animali domestici, dove la presenza dei volontari (tra i quali sono non sono al momento operativi quelli di età maggiore ai 65 anni di età) è ridotta al minimo indispensabile. «Per il momento il numero di gatti e cani è tale da permetterci di tenere “in riserva” gran parte dei volontari. Quello su cui stiamo puntando è la formazione di tutto il personale, coinvolgendo anche attuali ed ex membri di comitato che al momento non stanno lavorando. Questo per fare in modo che, in caso di necessità, vi sia il maggior numero di persone in grado di essere operative sia al rifugio, sia al parco gatti».

'Per ora situazione sotto controllo'

Una strategia che deriva dal possibile aumento di richieste di accudimento di animali domestici da parte di padroni ospedalizzati.  «In questo momento - spiega Besomi - vi è infatti il rischio piuttosto elevato che ne giungano parecchie da parte di proprietari che sono stati ricoverati e non possono quindi più accudire i propri animali. Temevamo che vi sarebbe stata da subito una grande richiesta ma questo, per ora, non è accaduto. Attualmente sono solo un paio le persone (anziani che non si sentivano più sicuri a portare fuori il cane) che hanno richiesto il supporto della nostra pensione. Per il momento la situazione è sotto controllo e abbiamo ancora spazio, ma non sappiamo come evolverà la situazione nei prossimi giorni». 

'Solo esigenze conclamate'

Per scongiurare un possibile sovraccarico dei rifugi, Besomi sottolinea come sia importante che le richieste di accudimento rimangano limitate a situazioni che presentano una necessità conclamata. «In prima battuta consigliamo ai padroni che devono recarsi in ospedale di verificare se l’animale domestico possa rimanere al domicilio ed essere accudito da parenti o vicini in casa.  Persone che verosimilmente avranno maggiore tempo in questo periodo e magari conoscono già l’animale, che sarà di conseguenza meno stressato. Per i gatti, e spesso anche per i cani, è sicuramente la soluzione migliore». In appoggio alla Spab, vi sono alcuni membri di associazioni cinofile che già si sono messi a disposizione per accudire animali ed eventualmente fornire supporto al rifugio o alle squadre di intervento. 

Numerose, ci fa sapere Besomi, sono poi state le persone che si sono fatte avanti chiedendo di poter collaborare con i volontari della Spab. «Tanta gente si è messa a disposizione nelle ultime settimane, e questo ci lusinga. Il problema è però la conoscenza di processi e modalità di gestione del rifugio. D’altronde qui si tratta di lavorare con animali che non si conoscono, e quindi il rapporto cambia rispetto ad accudire il cane di un parente o di un vicino».

Tante anche le chiamate ricevute da parte di persone desiderose di avere informazioni su eventuali servizi per portare a spasso i cani forniti dalla Spab. «Ciò che purtroppo non siamo in grado di fare e non abbiamo mai fatto - afferma il presidente -. Anche in questo caso il consiglio è di verificare la disponibilità di parenti, amici o vicini di casa». 

Sospese passeggiate e visite al rifugio

Ricordiamo che per il momento tutte le passeggiate con i cani organizzate dalla Spab, come pure le visite al grande rifugio, sono momentaneamente sospese.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved