con-la-riqualifica-una-piazza-grande-illuminata
Per ora avanti così
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
13 min

Al via oggi il processo all’ex comandante Mauro Antonini

L’ex comandante delle guardie di confine è imputato, insieme all’ex capo di stato maggiore, per presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari
Luganese
36 min

Bedano, Aranno e quel bisogno di incontrarsi

Nei due Comuni si lavora per realizzare un punto d’incontro e, rispettivamente, un centro diurno sociale per tutta la popolazione
Luganese
1 ora

Società di Carona sequestrata dall’antimafia, attiva dal 2002

Socio e gerente con firma individuale, un 59enne residente a Campione d’Italia sospettato di legami con la ’ndrangheta
Mendrisiotto
1 ora

Nella mappa stradale federale anche A2-A13 e terza corsia

Prostra promuove i due progetti ticinesi. Stralciata (e per sempre) la circonvallazione fra Stabio est e il Gaggiolo
Ticino
8 ore

Sì al congedo ai dipendenti pubblici per famigliari malati

Il Gran Consiglio approva le 14 settimane pagate per chi ha un figlio o un partner con gravi problemi di salute. Sì anche all’appello per India
Ticino
9 ore

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
10 ore

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
10 ore

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
10 ore

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
10 ore

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
12 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
12 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
Bellinzonese
12 ore

La musica come ponte tra Bellinzona e una scuola in Israele

Premio Spitzer all’istituto musicale Hmi per il progetto con la scuola del villaggio Neve Shalom dove convivono pacificamente ebrei e palestinesi
Grigioni
14 ore

Grono conta 47 abitanti in più

L’aumento riguarda tutte le frazioni. Al 31 dicembre 2021 nel Comune grigionese vivevano 1’427 persone.
Luganese
14 ore

Cerimonia per la maggiore età a Vernate e Neggio

Presenti oltre i neo diciottenni anche le autorità dei due comuni malcantonesi
Locarnese
15 ore

Società bocciofila Brissago in assemblea

Soci convocati venerdì prossimo, dalle 20, al bocciodromo comunale
 
17.12.2020 - 17:080
Aggiornamento : 19:29

Con la riqualifica una Piazza Grande ‘illuminata’

Critiche per la vetustà dell'attuale impianto illuminotecnico delle facciate. Ses e Città pronte a rilanciare con un allestimento futuristico

La grande “cromoterapia” che illumina (quasi) d'immenso le facciate degli stabili di Piazza Grande sarà uno dei punti focali della riqualifica degli spazi pubblici del centro urbano. Un nuovo impianto illuminotecnico più moderno e versatile di quello attuale, ormai in funzione da una ventina d'anni, potrà infatti essere allestito quando il grande progetto di valorizzazione andrà in cantiere. Lo sottolinea il capotecnico di Locarno, André Engelhardt, membro della giuria che a dicembre avrebbe dovuto statuire sul concorso pubblico, ma che per ragioni di forza maggiore ha dovuto rinviare ogni decisione a momenti più propizi dal punto di vista sanitario. «Sappiamo che l'allestimento ha i suoi anni e che è ampiamente perfettibile – dice alla “Regione” –. Nell'ambito della riqualifica degli spazi pubblici del centro urbano sarà certamente un argomento importante su cui chinarsi».

Il tema torna d'attualità dopo la denuncia – chiamiamola così – di un proprietario immobiliare di Piazza Grande, la cui segnalazione sul presunto stato di abbandono dell'illuminazione delle facciate è una specie di bollettino di guerra: “1 faro male orientato, 6-7 di colore inadeguato e 18 non funzionanti”. Toni secchi, giustificati, dal punto di vista del proprietario, dalle robuste radici del problema, emerso addirittura 15 anni fa e circostanziato in una lettera indirizzata alla Sopracenerina. “Lo scorso fine settimana – scriveva – il ‘salotto’ di Locarno si è di nuovo illuminato a festa, verosimilmente per salutare con un tocco di allegria e di eleganza l’importante manifestazione di Miss svizzera 2005. Nobile gesto quello di illuminare gli stabili della piazza in occasione di grandi manifestazioni; non fosse che, purtroppo, per l’ennesima volta, diversi fari erano fuori uso; 18 per l’esattezza!”. I punti esclamativi erano tre per debitamente sottolineare il disagio. “Già in precedenza avevo segnalato verbalmente il problema ad alcuni rappresentanti del Municipio, dell’Ente per le iniziative del Locarnese e più volte alla Società Elettrica – continuava – ma purtroppo senza alcun riscontro. Prima di sventolare critiche sulla stampa ho pensato quindi di scrivere di persona ai diretti interessati”. Ricordava poi il protestatario che “siamo una città turistica e negligenze di questo tipo andrebbero evitate”. E terminava con l'augurio di “poter finalmente apprezzare l’illuminazione in tutto il suo splendore durante le prossime festività natalizie”. La lettera è datata 21 settembre 2005.

‘Quello della Ses è un impegno pro bono’

Quindici anni dopo, la stampa sventola dunque il problema, che secondo l'ingegner Pier Angelo Ceschi, responsabile tecnico della Sopracenerina, dev'essere inquadrato nella sua giusta dimensione: «La Ses ha l'incarico dai Comuni di occuparsi dell'illuminazione pubblica, non di quella decorativa come per le facciate di Piazza Grande. Ciononostante, si è occupata di far funzionare questa illuminazione e lo ha fatto pro bono, in accordo con il Comune di Locarno, senza emettere fatture. La Città indica alla Ses le sue esigenze per questa o quell'occasione e noi procediamo. Pro bono la Ses si è anche sempre presa carico della manutenzione delle luci non direttamente gestite dai privati, come succede per alcuni degli stabili di Piazza Grande. Se vengono riscontrati dei problemi o delle pecche è perchè gli impianti si avviano verso fine vita e non sempre è facile trovare i pezzi di ricambio. Comunque, gli interventi sono frequenti. A inizio mese è stata eseguita una verifica ed è emerso che alcune lampade (comunque non 18) erano effettivamente guaste. La riparazione verrà effettuata a breve. In proiezione, ci sarà senz'altro una discussione con il Comune per pianificare allestimento e gestione di un nuovo e più moderno impianto».

Engelhardt: ‘Finora nessuna lamentela’

Quello attuale era stato realizzato alla fine degli anni '90 con l'allora municipale Dario Scaffetta. «Inizialmente si pensava di illuminare soltanto Palazzo Marcacci, ma poi si era deciso di estendere il beneficio estetico a tutte le facciate – ricorda Engelhardt –, elaborando un progetto globale riguardante gli stabili dei portici fino all'altezza della Posta, più quelli più significativi del versante sud. Erano così stati presi i contatti con i proprietari degli stabili e in alcuni casi trovati accordi per una loro partecipazione finanziaria. La responsabilità dell'illuminazione, esulando dal contesto di quella pubblica tradizionale, era di competenza della Città e data in gestione alla Ses. Degli eventuali oneri per interventi di manutenzione o sostituzione di lampade o altri elementi doveva farsi parte attiva il Comune. In effetti, con l'andare degli anni, un intervento marcato e regolare di riparazione o sostituzione delle lampade è venuto un po' a mancare. Questo va dunque ammesso, anche se devo dire che di particolari lamentele finora non ne abbiamo ricevute». 

Viste l'attuale situazione di un impianto che Ceschi ha definito “a fine vita”, e l'occasione della prossima riqualifica, conclude Engelhardt, «è senz'altro ipotizzabile un ripensamento integrale, con nuovi corpi luce e un tipo di illuminazione più economica dal punto di vista energetico, in modo tale che si possa mantenere una qualità nella messa in evidenza degli edifici, ma in modo più moderno e attuale». 

 

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved