sopracenerina-alain-scherrer-aspira-al-dopo-lotti
Ti-Press
Alain Scherrer, sindaco di Locarno
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 min

Al via oggi il processo all’ex comandante Mauro Antonini

L’ex comandante delle guardie di confine è imputato, insieme all’ex capo di stato maggiore, per presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari
Luganese
24 min

Bedano, Aranno e quel bisogno di incontrarsi

Nei due Comuni si lavora per realizzare un punto d’incontro e, rispettivamente, un centro diurno sociale per tutta la popolazione
Luganese
1 ora

Società di Carona sequestrata dall’antimafia, attiva dal 2002

Socio e gerente con firma individuale, un 59enne residente a Campione d’Italia sospettato di legami con la ’ndrangheta
Mendrisiotto
1 ora

Nella mappa stradale federale anche A2-A13 e terza corsia

Prostra promuove i due progetti ticinesi. Stralciata (e per sempre) la circonvallazione fra Stabio est e il Gaggiolo
Ticino
8 ore

Sì al congedo ai dipendenti pubblici per famigliari malati

Il Gran Consiglio approva le 14 settimane pagate per chi ha un figlio o un partner con gravi problemi di salute. Sì anche all’appello per India
Ticino
9 ore

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
9 ore

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
9 ore

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
10 ore

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
10 ore

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
12 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
12 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
 
26.11.2020 - 05:550
Aggiornamento : 17:36

Sopracenerina, Alain Scherrer aspira al ‘dopo Lotti’

Il sindaco di Locarno ha fatto ‘coming out’ in Cda, che per questo l'ha temporaneamente escluso dalle sedute. Indispettita la Città, maggiore azionista

Temporaneamente estromesso dal Cda della Sopracenerina poiché interessato ad assumere la direzione della stessa. Non fosse che il candidato in questione è il presidente del Consiglio d'amministrazione e contemporaneamente il sindaco di Locarno; città che della Ses, con il suo 18,578% di capitale, è azionista di maggioranza.

Ci sono almeno due notizie importanti, nella delicata situazione che si è venuta a creare negli uffici dirigenziali della società anonima con sede a Locarno. La principale è che Alain Scherrer ha apertamente annunciato ai colleghi di Consiglio d'amministrazione di essere interessato a candidarsi alla sostituzione di Daniele Lotti dopo che, a marzo del 2022, lascerà la direzione. La seconda è che il ruolo ai margini imposto alla Città di Locarno in seno al Consiglio d'amministrazione non piace per niente al Municipio. Soprattutto, ma non solo, in relazione a temi di primaria importanza proprio evocati da Palazzo Marcacci, come ad esempio quello dell'aumento dei dividendi. Temi che vengono dunque ora affrontati dal Consiglio d'amministrazione senza che al suo presidente, e rappresentante del maggiore azionista, venga concessa la possibilità di interloquire.

L'esclusione del presidente è stata decisa dagli altri membri del Cda, ovverosia i sindaci dei Comuni azionisti (Muralto, Losone, Minusio, Gambarogno e Biasca) e due dei tre rappresentanti di Aet. Il terzo non si è espresso poiché egli stesso è stato escluso in quanto interessato, come Scherrer, a succedere a Lotti. Ma Aet, contrariamente alla Città, continua ad avere una doppia voce in capitolo. Per completezza di informazione bisogna aggiungere che il “coming out” del sindaco e del rappresentante di Aet nel Cda è avvenuto nell'ambito delle discussioni intavolate in Ses sulle necessarie prossime sostituzioni non solo del direttore, ma anche di altri quadri. Dalla ridda di nomi per questo o quel ruolo – opportunamente, dal punto di vista della trasparenza – Scherrer e il rappresentante Aet hanno giocato a carte scoperte.

Il Municipio vuole il reintegro

Tuttavia, delle conseguenze più immediate si è detto. Ad oggi Scherrer ha dovuto saltare una seduta e dovrà ugualmente rinunciare alla prossima. Nel contempo, come detto, questo “strano caso” ha tenuto banco in Municipio, dove il tema principale è il reintegro del suo rappresentante. Stando a nostre informazioni, la compagine di Palazzo Marcacci (ovviamente senza il sindaco) ha preparato, ma poi “congelato”, una lettera con cui chiede alla Ses di rivedere le sue scelte. Un'altra questione affrontata dall'esecutivo cittadino è legata all'opportunità o meno di indire, per la nomina del futuro direttore, un concorso pubblico. Questione che per ora nessuno ha circostanziato con precisione, ma che di certo merita qualche riflessione. Non solo in Municipio, ma anche alla Ses, dove ci risulta che se ne stia parlando senza però essere ancora arrivati a una conclusione.

L'interessamento di Scherrer alla direzione della Ses è in realtà un segreto di Pulcinella. In città se ne parla da tempo ma non è mai giunta conferma ufficiale. Alla luce dei malumori emersi a Palazzo Marcacci per l'esclusione temporanea del sindaco dalla stanza dei bottoni, la situazione assume ora contorni decisamente più concreti; questo, va detto, anche se Scherrer, contattato dalla “Regione”, dice di preferire, «per il momento», non rilasciare dichiarazioni.

Va ancora puntualizzato che da un punto di vista puramente professionale, delle competenze, Scherrer si profila come del tutto legittimato ad aspirare alla carica di direttore della Sopracenerina. Attuale capo gestione amministrativa del Centro sistemi informativi del Cantone, di formazione è ingegnere elettrotecnico Ethz. Inoltre, la sua esperienza politica a livello cittadino – prima come municipale, poi come sindaco – ne fa un conoscitore delle dinamiche pubbliche, che sono centrali in un contesto societario, come quello della Sopracenerina, dove il Cda è composto per sei noni da Comuni e dai restanti tre noni da rappresentanti di Aet. Che questo basti per ricoprire una carica da “top manager” nel contesto energetico ticinese e nazionale è comunque tutto da vedere. Ses produce energia, ma soprattutto distribuisce quella che acquista tramite l'Azienda elettrica ticinese. Dà lavoro a circa 270 collaboratori, serve 47 Comuni, è la seconda azienda elettrica ticinese dietro le Ail ed è nella “top 20” a livello nazionale. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved