COB Jackets
PIT Penguins
01:00
 
CAR Hurricanes
NY Rangers
01:00
 
telefonia-mobile-poco-si-sa-e-poco-si-fa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
4 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
4 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
5 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
5 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
5 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
6 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
6 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
6 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
7 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
7 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
7 ore

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
7 ore

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
17.11.2020 - 15:450
Aggiornamento : 16:39

Telefonia mobile: poco si sa e poco si fa

A Locarno piovono le firme contro le antenne 5G. Intanto la Città si interroga sui rischi ma si crogiola anche nei vantaggi

In tema di antenne per la telefonia mobile – con particolare riferimento agli impianti per la tecnologia 5G – anche Locarno naviga nelle acque limacciose dell'incertezza. Tuttavia, a qualche livello, dove può, riflette sulle opzioni di intervento, ad esempio a livello pianificatorio e di sviluppo territoriale.

È l'informazione essenziale emersa dalla risposta all'interpellanza di Marko Antunovic (Verdi), nata dalla preoccupazione per un progetto di antenna sul tetto di un palazzo in via Nessi, a 50 metri dalla Scuola dell'infanzia, “vis à vis” il Parco Robinson e poco distante dal Liceo cantonale. Scopo dell'interrogazione era sondare il livello di “presenza” del Comune sulla questione, e i suoi margini di intervento. Questo, ricordando che nelle ultime settimane ben 3 raccolte di firme si sono abbattute su altrettanti progetti di antenne nei quartieri Campagna e Rusca e Saleggi, racimolando complessivamente circa duemila sottoscrizioni.

La premessa del vicesindaco Paolo Caroni è stata che «non vi è ancora un risultato univoco sull’impatto della tecnologia 5G, rispettivamente non disponiamo di elementi che permettono di definire un numero preciso di antenne che fanno capo a questo protocollo di trasmissione per coprire in modo adeguato il nostro territorio, conformemente al mandato pubblico assegnato alle compagnie di telefonia mobile». D'altra, parte, ha aggiunto, «appare evidente che in un contesto che richiede elevate competenze specialistiche non è sicuramente l’ente locale l’istituzione preposta per esprimersi in modo compiuto su eventuali potenziali rischi per la salute di una tecnologia, per rapporto alle varie fasce di età e della popolazione in genere». 

Per altro, ha ammesso il vicesindaco, «vi sono stati dei contatti con gli operatori del settore per uno scambio d’informazioni e una sensibilizzazione sul tema», ma «sempre nel rispetto dei limiti di competenza dell’autorità comunale per rapporto alle istanze superiori». Il problema dell'elettrosmog «è molto variegato» e quindi complesso. Al suo interno, in più, v'è l'ampio capitolo delle opportunità. Infatti, ha riconosciuto Caroni, «non possiamo misconoscere l’interesse anche per il Comune di disporre di una connessione adeguata per fare fronte ai suoi compiti e per il servizio alla popolazione e ai nostri ospiti. Pensiamo ad esempio alla creazione di un accesso pubblico alla rete WiFi nel centro cittadino e negli edifici pubblici».

Ad Antunovic, che temeva un'insufficiente attenzione alla salute dei cittadini, in primis da parte delle compagnie di telefonia mobile, il Municipio ha risposto che «al momento non sussistono elementi probanti per affermare che le compagnie non rispettino il principio di precauzione ancorato nella Legge sulla protezione dell'ambiente». Quanto alla Città, «non ritiene di disattendere i suoi obblighi nei confronti dei cittadini di Locarno, in materia di salute pubblica».

Ma rimane il dubbio, anche e soprattutto in relazione agli impianti situati in zone densamente abitate o in cui si trovano strutture pubbliche – come nel caso specifico la Scuola dell'infanzia in zona Morettina – frequentate da bambini. Alla domanda su cosa intendesse fare per tutelare i bimbi da un potenziale danno alla salute, la risposta è stata che «al momento il Municipio non dispone ancora di tutti gli elementi utili per pronunciarsi con cognizione di causa. Sarà nostra premura verificare nel dettaglio la fattispecie, se del caso attraverso specifici approfondimenti».

Infine, Antunovic chiedeva come mai ancora oggi a Locarno non venga applicato il “modello a cascata” (in base al quale le antenne per la telefonia mobile percepibili visivamente sono ammissibili nelle zone più sensibili (ad esempio nelle zone residenziali) solo se gli operatori di telefonia mobile hanno dimostrato che non sono disponibili ubicazioni nelle zone con priorità più alta, meno sensibili, come ad esempio le zone industriali). Ebbene, «il Comune – ha detto Caroni – potrebbe anche rinunciarvi, oppure potrebbe optare per un altro modello fondato sul principio della pianificazione negativa o positiva, sempre però considerando il fatto che i Comuni non possono adottare norme che mirano a proteggere la popolazione dall’emissione di radiazioni non ionizzanti», visto che quest'ambito «è esaustivamente regolato a livello federale dall’Orni (Ordinanza federale sulle radiazioni non ionizzanti, ndr.)». Comunque, «visto che è in corso la rivisitazione generale dell’intero pacchetto delle norme pianificatorie per adattarle al nuovo strumento previsto dalla Legge sullo sviluppo territoriale» uno lo specialista incaricato «si sta occupando anche di questo tema».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved